Un Lord a Darkwood (n.483/484)

Andare in basso

Un Lord a Darkwood (n.483/484) Empty Un Lord a Darkwood (n.483/484)

Messaggio Da Admin il Mer 14 Gen 2015 - 15:30

Un Lord a Darkwood (n.483/484) Pcp4e6hzZlgkmDXukGgSfjdmghSzAzkJKJngGiGlWp+dvbrHk7GTyhlRE4N3Wy2t-- Un Lord a Darkwood (n.483/484) Pp9jcJf11Rn--

Soggetto e sceneggiatura: Luigi Mignacco
Disegni: Alessandro Chiarolla

Zagor e Cico, dopo aver girovagato per mesi, fanno finalmente ritorno in America. Prima ancora di arrivare alla loro capanna nella palude, però, transitando dal trading-post di Pleasant Point, punto di accesso via fiume per ogni viaggiatore diretto a Darkwood, incontrano un viandante piuttosto insolito: un lord inglese, sir Albert Lancaster, duca di Greenshire. Zagor decide di fargli da guida fra i pericoli celati dal folto della foresta, dove c’è chi, nell’ombra, si è già posto in agguato lungo la pista, ad attendere il loro passaggio con il fucile in pugno...
Adam, il figlio del Lord inglese Albert Lancaster, è partito per la Frontiera americana, desideroso di costruirsi il proprio destino. Dopo tre anni senza sue notizie, il padre lascia l’Inghilterra per cercarlo a Darkwood, dove conducono le ultime tracce dello scomparso. Ma senza l’aiuto di Zagor, Lord Albert non sopravviverebbe a lungo tra i mille pericoli della foresta...
Admin
Admin
Amministratore
Amministratore

Messaggi : 3440
Data d'iscrizione : 01.01.14

http://zagortenay.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

Un Lord a Darkwood (n.483/484) Empty Re: Un Lord a Darkwood (n.483/484)

Messaggio Da Admin il Mer 14 Gen 2015 - 15:31

Admin
Admin
Amministratore
Amministratore

Messaggi : 3440
Data d'iscrizione : 01.01.14

http://zagortenay.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

Un Lord a Darkwood (n.483/484) Empty Re: Un Lord a Darkwood (n.483/484)

Messaggio Da Andrea67 il Mar 12 Mag 2015 - 14:50

Dopo aver fornito un’ottima prima prova, Mignacco scende di livello con questa sua seconda fatica zagoriana per la serie regolare.
Intendiamoci, la storia non è male, ma nettamente inferiore alla precedente perché, dopo un ottimo primo albo, si scade nel secondo con il già visto e rivisto uomo bianco che va a vivere con gli indiani e con l’improbabile banda di bianchi travestiti da indiani che uccidono decine di persone per dividersi pochi spiccioli.
I disegni, poi, lasciano ancora a desiderare.

Voto alla storia: 6,8
Voto ai disegni: 6,5


Ultima modifica di Andrea67 il Lun 14 Mar 2016 - 19:03, modificato 1 volta

_________________________________________________
Hernan Cortes
Andrea67
Andrea67
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 4541
Data d'iscrizione : 20.01.15
Località : Catanzaro

Torna in alto Andare in basso

Un Lord a Darkwood (n.483/484) Empty Re: Un Lord a Darkwood (n.483/484)

Messaggio Da wakopa il Mer 29 Lug 2015 - 15:52

Un Lord a Darkwood (n.483/484) 14lrbjdUn Lord a Darkwood (n.483/484) Xbd1c3
wakopa
wakopa
Vincitore COPPA ITALIA
Vincitore COPPA ITALIA

Messaggi : 6154
Data d'iscrizione : 20.01.15

Torna in alto Andare in basso

Un Lord a Darkwood (n.483/484) Empty Re: Un Lord a Darkwood (n.483/484)

Messaggio Da RemovedQuasar il Mer 5 Ago 2015 - 18:25

Intendiamoci, la storia non è male, ma nettamente inferiore alla precedente perché, dopo un ottimo primo albo, si scade nel secondo con il già visto e rivisto bianco che va a vivere con gli indiani e con l’improbabile banda di bianchi travestiti da indiani che uccidono decine di persone per dividersi pochi spiccioli.

E vabbè dopo una lunga saga fuori Darkwood una storiella classica ce la mettono sempre stella2
RemovedQuasar
RemovedQuasar
Novellino del forum
Novellino del forum

Messaggi : 131
Data d'iscrizione : 03.07.15

Torna in alto Andare in basso

Un Lord a Darkwood (n.483/484) Empty Re: Un Lord a Darkwood (n.483/484)

Messaggio Da Devil Mask il Ven 7 Ago 2015 - 11:11

L'ambientazione è molto classica,i nemici troppo stereotipati. Per certi versi Mignacco in questo ricorda abbastanza Toninelli, una storia che comunque desta un minimo di interesse nel sapere che fine ha fatto il figlio di Lord Lanchaster fino alla fine. Senza infamia e senza lode...per fortuna ci pensano i grandi disegni di Chiarolla a risollevare le sorti di questa storia.

_________________________________________________
Maurizio
Devil Mask
Devil Mask
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 3337
Data d'iscrizione : 20.01.15
Località : Isola della Scala(VR)

Torna in alto Andare in basso

Un Lord a Darkwood (n.483/484) Empty Re: Un Lord a Darkwood (n.483/484)

Messaggio Da Walter Dorian il Sab 8 Ago 2015 - 12:45

Storia troppo lineare e senza fronzoli. Sembra un itinerario guidato di Darkwood(la rosebud, gli indiani, pleasant point, i rendez vous) dove Mignacco ci guida. Anche la roccia a forma d'alce, la descrizione delle radure, va bene ma Mignacco sembra dimenticare che è inutile mettere tutti questi elementi se poi ci si dimentica della cosa più importante: regalare emozioni.

L'unico punto a favore è che l'identità e la fine che poteva aver fatto Adam viene celata nascosta molto bene fino alla fine. Finale che delude perché non c'è un minimo di dramma,di confronto dialettico tra Sir Lanchaster e l'ex rampollo della casata. Anzi, il padre che fino a qualche pagina fa apostrofava gli indiani come "selvaggi", "primitivi", quando Adam gli dice che stava per mettere su famiglia con prole con un'indiana dichiara che questo non crea problemi per la sua casata nobiliare! Anzi: " Venite a Londra e festeggiamo tutti insieme "! Shocked flower

Dialoghi piatti e monocorde: il padre che sta sempre a lamentarsi e a dire "che fine ha fatto mio figlio?", "tanto è stato ucciso...", capisco che il motivo principale per cui era lì era quello, ma ogni tanto cambiare la solfa non guastava. Bel personaggio molto frizzante e tosto è stato Rourke invece. Cico non mi è piaciuto in quanto apriva bocca solo per pensare a mangiare.

Chiarolla molto caotico e confusionario, bravo come al solito nel dinamismo delle figure.


Storia: 5,5
Disegni: 5,5

_________________________________________________
PRENOTAZIONI ZAGORIANITA' N.12 - LA RIVISTA
Un Lord a Darkwood (n.483/484) 2gtvj8z
Walter Dorian
Walter Dorian
campione Febbre a 90
campione Febbre a 90

Messaggi : 11529
Data d'iscrizione : 03.01.14

Torna in alto Andare in basso

Un Lord a Darkwood (n.483/484) Empty Re: Un Lord a Darkwood (n.483/484)

Messaggio Da Ospite il Dom 6 Mar 2016 - 15:22

Storia che mi è piaciuta, ambientata tra foreste, trapper, canoe e indiani. Niente di eccezionale ma comunque piacevole.
Discreti i disegni di Chiarolla.
voto storia: 6.5
voto disegni: 6.5

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Un Lord a Darkwood (n.483/484) Empty Re: Un Lord a Darkwood (n.483/484)

Messaggio Da kit carson il Lun 14 Mar 2016 - 18:16


Questa storia mi piacque. Chiaramente non è un capolavoro, però è ben scritta (in maniera semplice e lineare), è una storia classica che venne fuori dopo alcune storie con Ritcher che si preannunciarono come molto ambiziose, però a me delusero molto.
Un lord a darwood riprende dei temi che, pur essendo classici, stavano mancando da un pò di tempo negli albi di zagor e mi ha fatto "respirare" una piacevole sensazione di ritorno al passato.
Inoltre Chiarolla è un disegnatore che gradisco, quindi questo ha elevato molto la godibilità della mia lettura.
kit carson
kit carson
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 3502
Data d'iscrizione : 24.01.15
Località : Lucca

Torna in alto Andare in basso

Un Lord a Darkwood (n.483/484) Empty Re: Un Lord a Darkwood (n.483/484)

Messaggio Da Kramer76 il Dom 23 Lug 2017 - 17:42

Un Lord a Darkwood (n.483/484) 2mnljid

un lord a darkwood
le storie di mignacco tradiscono una comunanza di intenti con burattini che le fa comunque preferire alle peggiori storie di zagor, "un lord a darkwood" costituisce, in questo senso, una piccola svolta nell'esperienza mignacchiana su zagor: "la scorta mohawk" e "incubo sul mare" sono storie che si rifanno più a boselli che a burattini, il problema è che le sue storie sembrano non accedere mai a qualcosa di concreto, sono infarcite di concetti ingenui e banali e pure ribaditi più volte, per i duri di comprendonio: zagor è questo, zagor è retorica spiccia ma mignacco certe volte lo fa pesare.. io personalmente trovo di cattivo gusto questi bianchi che si travestono da indiani, i "trans" zagoriani protagonisti del più fiacco (il più rassicurante, dal punto di vista dei nostri eroi) dei ritorni a darkwood a metà tra topolino e mister no, sorretto dai disegni del Maestro Chiarolla

voto 5,5
Kramer76
Kramer76
Vincitore EUROPA LEAGUE/SUPERCOPPA
Vincitore  EUROPA LEAGUE/SUPERCOPPA

Messaggi : 3859
Data d'iscrizione : 19.01.15

Torna in alto Andare in basso

Un Lord a Darkwood (n.483/484) Empty Re: Un Lord a Darkwood (n.483/484)

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum