Moreno Burattini - parte seconda

Pagina 9 di 11 Precedente  1, 2, 3 ... 8, 9, 10, 11  Seguente

Andare in basso

Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Empty Re: Moreno Burattini - parte seconda

Messaggio Da claudio57 il Lun 12 Ott 2020, 23:14

QUATTROCENTO DOMANDE


 
Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Marco%2BCorbetta%2Bpizza%2BIMG_4750

 

Da più di due anno, avendo accettato la proposta fattami da Marco Corbetta (nella foto qui sopra, mentre mangia una pizza alle fragole, prezzo che ho preyeso per dire di sì), dò risposta pubblica alle domande dei lettori in una apposita rubrica sul blog "Zagor e altro". La rubrica si intitola "A domanda, Moreno risponde" e ha la caratteristica di raccogliere venti interrogativi per ogni puntata. Proprio in questi giorni il blog ha ospitato la ventesima, quindi festeggiamo le quattrocento domande.
A dire il vero la rubrica è già arrivata alla puntata n° 21 e io ho risposto già ai quesiti della ventiduesima, che apparirà presto (dipende dal curatore del blog). Quindi siamo a quattrocentoquaranta risposte, che non è un piccolo numero, a dispetto di chi ritiene che io non presti ascolto ai lettori (esistono anche tipi così, basterà vedere qui:

 
http://morenoburattini.blogspot.com/2020/08/lei-non-mi-ascolta.html











Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Moreno%2BBrianza%2BCorbetta%2BrideIMG_0598
Le risate!



Se siete curiosi di leggere altre risposte che vi sono sfuggite, o volete andare a rinfrescarvi la memoria se già le avevate lette a suo tempo, qui di seguito troverete i link a tutte le puntate dalla 1 alla 20. Per ogni puntata ho selezionato una domanda interessante. Grazie ai lettori che hanno partecipato e grazie a Marco, infaticabile curatore del blog e artefice di memorabili reportage fotografici.


Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 IMG_2313%2B%2528Copy%2529



VENTESIMA PUNTATA


https://zagorealtro.blogspot.com/2020/09/a-domanda-moreno-risponde-20.html
 
Ci sono possibilità di rivedere non tanto il logorroico Charles Darwin, rimasto ampiamente inviso ai lettori, quanto piuttosto Frate Tomas che no, non è finito bene ma che potrebbe essersela in qualche modo cavata?

Sono sempre perplesso quando qualcuno sostiene che una certa cosa non è piaciuta ai lettori, magari addirittura “ampiamente” non piaciuta. Mi chiedo come si faccia ad appurare. Dai commenti sui forum di qualche decina di più o meno anonimi commentatori? Si potrebbe al massimo dire, allora, che “a qualcuno non è piaciuta”. Ma “a qualcuno” non piace mai nulla. I lettori del resto sono quattro per ogni copia venduta (una volta venne stabilito questo rapporto) quindi centoventimila. Più quelli all’estero. L’incontro con Darwin, come la storia successiva a mia firma, quella in Terra del Fuoco, sono, per quanto mi riguarda, fra le cose migliori che ho scritto. Le implicazioni scientifiche e filosofiche, oltre che alla documentazione, che ci sono dietro, sono più che notevoli. Se poi “qualcuno” giudica non degne di interesse  la scienza e la filosofia (declinate comunque in termini avventurosi), allora capisco.  Peraltro, non è che non ci fossero documentazione e verbosità, dove servivano, nelle storie di Nolitta (si vedano, per esempio, le spiegazioni sui riti magici haitiani o sugli usi e costumi dei samurai). 
Ho approfondito l’argomento Darwin sul mio blog, in questi articoli: 
Non pretendo che si leggano, ma se qualcuno volesse farlo, sono lì. Nel secondo di essi, riporto anche giudizi positivi – che magari potranno sembrare incredibili ai detrattori, ma ci sono stati. 
Nel mio libro “Io e Zagor”, di cui parlo qui 
si approfondisce ulteriormente l’argomento, anche quello di quanto realmente contano i pareri sui forum. Mi permetto soltanto di segnalare che sull’incontro fra Zagor e Darwin ci sono stati lavori fatti nelle scuole, lezioni universitarie e una conferenza del CICAP. La cosa ha ottenuto molta più attenzione di una qualsiasi altra storia con personaggi non verbosi. Spero che mi si vorranno comunque accreditare anche storie non verbose: anche se si hanno in uggia i personaggi storici, basterebbe essere contenti per quelle e sopportare quegli altri le poche volte che ci sono. Aggiungo che Charles Darwin, fra i personaggi storici, è uno fra i più simpatici e positivi di cui mi sia interessato. Ciò detto, spero che Frate Tomas bruci nel profondo dell’inferno per l’eternità.
DICIANNOVESIMA PUNTATA

https://zagorealtro.blogspot.com/2020/09/a-domanda-moreno-risponde-19.html



Gentile Signor Moreno, Le scrivo perché, avendo letto l’ultimo Color col Barone La Plume e la storia di Kandrax, sono rimasto estremamente insoddisfatto. Posto che tutte le storie possano apparire più o meno belle, la quantità di recensioni di utenti che hanno dato pareri negativi sono state numerose. Le voglio dire che mi trovo d’accordo con loro e che, immaginando che siano stati due incidenti di percorso ravvicinati tra loro, dalle prossime storie la serie possa riuscire a tornare ad ingranare. Le chiedo una sua opinione, da curatore, ma soprattutto come lettore, della testata al riguardo di questa doppia debacle, con entrambe che rimandano ad un futuro prossimo con dei possibili e probabili sequels, e se non abbia contato la possibile insurrezione internettiana a proposito delle suddette una volta uscite in edicola?

Sul Color con il Barone La Plume ho ricevuto, giuro, solo pareri favorevoli. Se qualcuno ha criticato (quanti? E quanti non riconducibili a troll?), io non ho letto: purtroppo o per fortuna ho pochissimo tempo da dedicare alle dispute e alle polemiche della Rete in cui altri (magari anche Lei) trovano ragione di divertimento (e ognuno si diverte come vuole), o magari di vita. Il mio parere sul Color è stato espresso, come al solito,  in un articolo sul mio blog che può trovare qui: 
Non mi pare il caso di ripeterlo. 
Le recensioni su Internet sono lecite ma assolutamente non significative, non lo dico io ma è un dato acclarato, e per una di segno negativo posso agevolmente trovarne un’altra di segno positivo. Gli haters cercano sempre di seminare zizzania, non bisogna dargli corda: meglio impiegare le energie cercando di fare sempre del nostro meglio – cosa che cerco di fare a capo di una squadra. E’ un lavoro molto faticoso, che però chiunque può divertirsi a denigrare, magari per sfogare qualche frustrazione, postando un commento. Auguro a chi lo fa di non veder denigrare il suo, di lavoro. La debacle è tutta nella Sua opinione (sfortunatamente non argomentata, peccato), su cui non ho niente da sindacare. Se non Le è piaciuta quella storia, Le piacerà la prossima (che purtroppo sarà scritta da me, forse Le conviene saltare). Per quanto Lei possa ritenerlo impossibile, c’è anche chi ha apprezzato molto “Il rapimento di Icaro La Plume”. Proprio oggi (23 settembre 2020) mi ha telefonato Marco Ciardi, professore universitario bolognese, che sta scrivendo un libro su Atlantide, per ricevere da me informazioni in modo da poter citare l’albo nel suo prossimo saggio (vedremo se lo farà: in un saggio precedente ha già esaminato l’incontro di Zagor con Darwin, chissà se Lei quello lo ha apprezzato). 
Non mi spaventa nessuna insurrezione internettiana, perché mai dovrebbe essercene una? Le storie a fumetti sono storie a fumetti, uno legge, se quel che legge gli piace bene, se quel che legge non gli piace, peccato, andrà meglio la prossima volta. Insurrezioni per un Color che a qualcuno non è piaciuto? Suvvia. Mah. (Ma davvero uno può scrivere di “insurrezioni internettiane” e poi pretendere che si considerino i suoi giudizi ragionevoli e ponderati?).
Questa mia risposta precedeva una successiva domanda, con conseguente replica, che riporto anch’essa perché poi c’è stata una coda, come vedrete.
Signor Burattini, Le scrivo senza voler passare per polemico. Innanzitutto vorrei ringraziarLa per aver saputo mandare avanti Zagor nonostante le vendite non sempre eccellenti di fronte alle altre collane di Casa Bonelli. Ma la mia domanda è questa: spingendosi troppo oltre, andando a parare con argomenti che mal ci azzeccano con l’Universo Zagoriano, quindi esagerando e facendo rimanere scontenti anche i lettori più affezionati, non si rischia di diminuire il numero di questi ultimi riducendo così il nome di Zagor ad un semplice fenomeno di nicchia?
Sarebbe bello sapere quali sono gli argomenti che mal ci azzeccano con l’universo zagoriano. Per quanto mi riguarda, le storie che facciamo ci azzeccano tutte, o non le faremmo. Magari, se volesse essere così gentile da elencare gli argomenti da evitare e provare a dare una spiegazione del perché sarebbero tabù, potremmo intavolare un dibattito. In tal caso, però, La pregherei di non ritenersi il portavoce di tutti i lettori più affezionati: Le assicuro che, per quanto possa sembrare strano, ci sono pareri diversi. Riguardo la riduzione del numero di lettori, guardi, Lei è liberissimo di non crederci, ma il fenomeno di erosione riguarda in assoluto tutte le testate a fumetti del mondo (e, in generale, tutta la carta stampata). Se poi Lei crede di voler dare la colpa a me del fatto che la gente, sul pianeta Terra, non vada più in edicola, e ritiene che avendo trovato un capro espiatorio possa dormire sonni più sereni, faccia pure.
Dopo queste due ultime risposte, nei commenti, un lettore ha scritto:

Io ho conosciuto poco Moreno, L'ho visto in un paio di occasioni e ci ho scambiato poche parole. La sensazione è di una persona simpatica e molto affabile. Tuttavia quando qualcuno critica il suo lavoro, le sue risposte sono sempre un po' troppo piccate, e mi dispiace. Capisco che non sia facile accettare che qualcuno denigri il tuo lavoro, ma quando sei "famosetto" e fai un lavoro che ti espone se non altro al pubblico degli zagoriani, le critiche vanno messe in conto, anche se , come nel caso delle ultime due domande, sono un po' vaghe. Diciamo che rispondere dando al primo (domanda 19) dell'hater, e al secondo (domanda 20) di volerlo utilizzare come capro espiatorio per la crisi dell'editoria mondiale, facendo sarcasmo, non mi pare il massimo. Forse sarebbe meglio cercare di rispondere nel merito, per quanto possibile.

Marco Corbetta ha puntualizzato: 
Per quanto mi compete, per correttezza devo osservare che alla risposta 19 Moreno parla in generale degli haters che ci sono in rete, non definendo tale il lettore che ha posto la domanda...

E io, sentendomi tirato in causa soprattutto dalla (a mio avviso ingiusta) accusa di non “rispondere nel merito”, ho aggiunto quanto segue.
 
Nella prima risposta ho citato gli haters (che esistono, purtroppo) in relazione a una ipotesi di “insurrezione” (che non ho avanzato io) e non ho neppure attribuito il termine allo scrivente, l’ho usato in generale. Di solito, rispondo in modo che a qualcuno potrebbe sembrare piccato a domande che sono acide ancor di più. Mi pare, anzi, di essere stato meno pungente del mio anonimo interlocutore. Se qualcuno scrive qualcosa, si aspetterà pure che quaLche volta gli si risponda - o si deve soltanto buscarne? Domande cortesi ricevono risposte cortesi, attacchi preconcetti ricevono risposte sempre cortesi ma magari un po’ più fredde. Se tu subissi gli attacchi che subisco io (ritenuto perfino il “distruttore” di Zagor, a dispetto del mio amore pee il personaggio) forse ti meraviglieresti, come tanti mi dicono, della mia calma serafica. Nella risposta alla domanda n.20 non vedo niente di antipatico. Solo che, anzichè vedere riconosciuto quel che faccio, con fatica, per tenere Zagor sulla cresta dell’onda, mi si prospetta la responsabilità di ridurlo a prodotto di nicchia. Il fumetto è già di nicchia, e anzi Zagor è fra i fumetti che lo sono di meno. Per concludere, mi piacerebbe sapere dov’è che, nelle venti domande di questa puntata (domande a cui mi sottopongo senza tirarmi indietro mai) e in tutte le innumerevoli puntate precedenti, io non ho risposto nel merito. Si converrà che nelle due domande non si argomentava nulla.


DICIOTTESIMA PUNTATA

https://zagorealtro.blogspot.com/2020/08/a-domanda-moreno-risponde-18.html
 
Caro Moreno, l'ingegnere Robson "canonicamente" ha i capelli grigi e i baffi marroni. Nella storia "Il ritorno di Supermike" i suoi capelli e la barba lunga sembrano completamente grigi, e nelle scene di flashback come se fossero completamente neri. È chiaro che il duro lavoro nella miniera ha cambiato Robson, ma sembrava completamente diverso anche prima di essere catturato. Perché in quella storia l’aspetto del suo personaggio differisce cosi tanto da quello che aveva in tutte le altre storie in cui l’abbiamo visto? Grazie!
Potrei inventare una risposta basata sulla polvere posata sui baffi e sui capelli, o sui giochi di luce delle torce della miniera rispetto al colore all’aperto sotto il sole, ma preferisco pensare a semplici sviste di Ferri sfuggite anche al controllo redazionale. Purtroppo (o per fortuna) il nostro è un fumetto seriale, con una produzione continua e inarrestabile. In passato, i disegnatori producevano anche trenta o quaranta tavole al mese (oggi la media è dieci), i lettori accettavano anche qualche svarione e non c’era il controllo al microscopio che c’è oggi, sia da parte del pubblico che della redazione. Esempi di stessi personaggi con l’aspetto diverso sia in storie differenti che nel medesimo racconto potrei farne a bizzeffe, non solo su Zagor ma anche su Tex e su tutti i fumetti (italiani e stranieri) con uscite concatenate.
Caro Moreno, io sono molto legato alla collana Speciale. Sarà perché la prima "fuori serie" non si scorda mai. Il primo Speciale fu davvero il preludio di quella riscossa che poi si sarebbe pienamente manifestata con il Rinascimento grazie a te e a Boselli. Devo essere sincero: negli ultimi anni alcuni Speciali mi hanno deluso. Ho poi l'impressione che la collana si sia trasformata in un "ballo dei debuttanti" per gli autori. Tu, dopo l'ottimo Il maleficio di Anulka, hai scritto solo due Speciali in quasi 15 anni (di cui uno, solo come soggettista); Rauch, un'altra colonna attuale, ha firmato un solo Speciale in carriera. È solo un caso o una scelta precisa (e rischiosa)? Inoltre, non sarebbe il caso di dare una più chiara caratterizzazione, univoca, alla collana (come avviene per i Color), in modo da rilanciarla? Francamente, così come è oggi, non sembra avere un senso.

Quando scrissi il mio primo Speciale, “Il segreto di Cristoforo Colombo” (il quinto della serie), ero convinto che questa collana extra dovesse contenere storie davvero “speciali”, e quindi celebrare anniversari piuttosto che trattare argomenti insoliti. Infatti, scelsi di parlare della scoperta dell’America proprio nel 1992, anno del cinquecentenario dell’impresa delle tre caravelle. Nel 1995 scrissi lo Speciale “La leggenda di ‘Wandering’ Fitzy” in cui si rivelano sia il passato di Nathaniel sia il nome di battesimo di Zagor. Nel 1998 affrontai il tema del Graal e dei templari, cosa che mi costò uno sforzo enorme di documentazione. Nel 2001 fu la volta di “Darkwood anno zero”, albo celebrativo del quarantennale. Nel frattempo erano nati i Maxi, e ne venni assorbito (credo di averne scritti più di tutti). Ma in Casa editrice, intanto, avevano cominciato a dirmi che, in realtà, gli Speciali (che essendo più costosi vendono di meno della serie regolare) dovevano essere pensati per offrire storie autoconclusive a lettori non necessariamente interessati a collezionare l’intera serie o a seguire le avventure a puntate della collana Zenith, ma desiderosi di leggere un episodio e via, magari in treno. Quindi, avrebbero dovuto essere storie senza “eccezionalità”, addirittura tradizionali, tese a far inquadrare le caratteristiche tipiche del personaggio al fruitore occasionale. In ogni caso, le storie celebrative e con temi forti si dovevamo riservare alla collana Zenith, l’ammiraglia della nostra flotta. Si trattò di un rovesciamento di prospettiva a cui cercai di adeguarmi. Questo indirizzo è rimasto fino a oggi. Non si deve pensare che tutti i lettori dello Spirito con la Scure siano collezionisti super appassionati che seguono tutte le testate zagoriane e ne conoscono perfettamente le caratteristiche: ci sono anche i fruitori episodici e distratti, coloro che cercano le avventure complete e soltanto quelle, e via dicendo. Diciamo che lo Speciale si rivolge (anche) a quelli a cui non passa neppure per l’anticamera del cervello di seguire fedelmente una serie ma vanno a spizzichi e bocconi. D’altra parte, invece, gli adepti della collana Zenith pretendono le storie migliori la cui ortodossia sia anche garantita da uno staff di nomi noti e rassicuranti. Perciò, se c’è uno sceneggiatore alla sua prima prova, meglio farlo esordire sullo Speciale e promuoverlo sulla serie regolare a ragion veduta. Contesto l’affermazione secondo la quale le storie degli Speciali sarebbero di seconda scelta: può capitare l’albo meno riuscito, ma se scorriamo l’elenco dei titoli e degli autori troviamo un sacco di episodi interessanti scritti e disegnati da gente in gamba, alternati magari con storie meno felici – ma questo capita, in una produzione seriale. Mi piacerebbe avere il tempo e lo spazio per esaminare insieme i trentadue albi usciti finora e valutare quanti siamo davvero scadenti e quanti invece siano apprezzabili o più che apprezzabili: credo che i pro superino di gran lunga i contro. Sono d’accordo sul fatto che bisognerebbe trovare una “caratterizzazione” della serie, sempre con la prudenza che contraddistingue gli esperimenti zagoriani (non certo immaginando universi alternativi dove l’eroe di Darkwood veste di nero o ha la barba). Tuttavia, ci sono lettori che protestano inviperiti anche per le miniserie, dicendosi disturbati dalle variazioni su tema o da ogni deragliamento fuori dai binari abituali, dunque volendo dedicare gli Speciali alle storie della gioventù dello Spirito con la Scure con “Wandering” Fitzy o a quelle del periodo prima dell’arrivo di Cico, sorgerebbero contestazioni.

SEDICESIMA PUNTATA

https://zagorealtro.blogspot.com/2020/05/a-domanda-moreno-risponde-16.html
 
Caro Moreno, sarà possibile vedere sulle collane zagoriane Chloe, agente/donna di Altrove nella serie "Storie da Altrove"?

Dunque: ho pensato a Chloe proprio pensando che avrebbe potuto tornare in altre storie dello Spirito con la Scure un cui serva una sorta di “Agente Dana Scully” come su X-Files. Da questo punto di vista mi sembra di aver dato vita a un personaggio ricco di potenzialità. Se poi mi chiedi se possa essere sfruttato da Castelli & Recagno per le loro “Storie da Altrove”, ecco: io non avrei niente in contrario, anzi! Mi propongo di incoraggiarli in tal senso.


QUINDICESIMA PUNTATA

https://zagorealtro.blogspot.com/2020/03/a-domanda-moreno-risponde-15.html
 
Dopo la storia del n. 600, è ipotizzabile un terzo scontro con gli Akkroniani, magari trasportando Zagor sul loro pianeta?

Personalmente preferirei considerare chiuso il discorso degli Akkroniani, anche per non contraddire l’elegante soluzione trovata da Jacopo Rauch sul n° 600. Peraltro, gli Akkroniani sono una sorta di monumento a Guido Nolitta: meno si toccano, meglio è. Ci sono le loro basi con i macchinari che hanno lasciato, bastano quelle. Poi, ci sono tante altre razze aliene nell’universo, e alcune sono già state incontrate


QUATTORDICESIMA PUNTATA

https://zagorealtro.blogspot.com/2020/01/a-domanda-moreno-risponde-14.html
 
Tutti noi, qualsiasi lavoro facciamo, ai nostri tempi siamo valutati per i risultati che portiamo, specialmente se abbiamo un certo livello di responsabilità, per cui mi viene da pensare che il curatore di una rivista o di un fumetto sia giudicato sull’unico parametro oggettivo, ossia le vendite. Come è possibile dunque che ogni volta che si affronta il discorso con Moreno, ma non solo, la risposta sia evasiva, le informazioni sui numeri sempre datate e vaghe... C’è forse un obbligo di riservatezza? Non credo possibile che il curatore della serie non sia informato e valutato puntualmente sui numeri... Tutte le altre considerazioni mi paiono chiacchiere che si fondano su valutazioni soggettive. Chi mai può decidere se una storia sia bella o brutta?

Anche il dato delle vendite, di per sé, non è indicativo. Non penso esistano riviste a fumetti o collane di libri che, valutando in numeri assoluti il venduto di dieci o venti anni fa rispetto a quello di oggi, abbiano guadagnato lettori (se uscivano allora ed escono ancora). Se il mercato cala del 10% su base annua, in generale, e una certa testata perde solo il 5%, è un risultato positivo o un risultato negativo, per un curatore? Non credo si possa far niente per recuperare le posizioni perdute, se in Italia chiudono (come chiudono) cinque edicole al giorno. Si può solo cercare di contenere le perdite, di fronte al mondo che sembra aver smesso di leggere. Non si pensi che i lettori che non comprano più libri e fumetti leggano eBook. Gli eBook sono stati un fallimento, i dati parlano di una incidenza minima sul fatturato. I lettori che non comprano più libri e fumetti, hanno smesso di leggere. Così come i clienti di una edicola che chiude: non vanno all’altra edicola più vicina. No, smettono di andare in edicola. Non lo dico io, lo dicono le statistiche. Quindi, prima di accusare un certo editor o un certo autore di aver fatto calare le vendite di una testata, bisogna considerare quanto sono calate le vendite complessive di tutto il settore e farci un ragionamento sopra. Se proprio si vuol valutare sui meri numeri del venduto il mio operato di curatore dal 2007 a oggi, chiediamoci quante testate sono chiuse nel frattempo, e quanto vendono le dirette concorrenti. Ciò premesso, per mia indole non chiedo di controllare i dati di vendita. Se insistessi per vederli, certamente lo otterrei; ma perché dovrei voler venire condizionato da un trend generale assolutamente negativo? Meglio agire secondo ciò che mi dice il cuore, assecondando l’intuito. Più o meno una volta l’anno facciamo una riunione in Bonelli per fare il punto della situazione, e mi viene mostrato com’è il trend. Di solito si tratta di dati confortanti, almeno rispetto all’andamento del settore. Uscendo dalla riunione, ho dieci progetti nuovi che mi sono stati affidati, alcuni proposti da me, altri suggeriti dalla direzione: mi dimentico i dati di vendita e comincio a lavorare. Dello scorso anno ricordo solo che ci sono stati dei picchi notevoli con l’albetto di Jovanotti e l’omaggio del numero zero di Tex Willer, poi riassorbiti. Rispetto ai quei picchi, abbiamo perso. Però, l’arrivo di nuove collane come Zagor Classic e Le Origini ha portato a un aumento del fatturato. Restiamo attorno alle trentamila copie, un pochino meno. Nel 2021 i festeggiamenti del Sessantennale ci faranno risalire. Infine, resta l’obbligo per ogni collaboratore di una società, di non divulgare dati aziendali: c’è scritto anche nel nostro codice etico. Perciò, un minimo di vaghezza è deontologica.


TREDICESIMA PUNTATA

https://zagorealtro.blogspot.com/2019/12/a-domanda-moreno-risponde-13.html
 
Caro Moreno, com’è possibile che Zagor non abbia mai subito danni al cervello per la miriade di colpi alla testa che ha ricevuto durante tutte le sue avventure?

E’ possibile nella logica della serialità di una serie a fumetti, cioè una saga potenzialmente infinita in cui il protagonista deve, per forza di cose, rimanere il più possibile integro. Una logica che non vale, ovviamente, soltanto per Zagor ma anche per Tex e tutti gli eroi di questo tipo, esclusi quelli con superpoteri o quelli comici – per i quali valgono regole diverse. Ma anche character come James Bond o Tarzan, nelle loro varie incarnazioni cinematografiche o letterarie, oltre che fumettistiche, non possono risentire più di tanto, o venire invalidati, dai colpi ricevuti. Fa parte del gioco, bisogna credere che la tempra di questi personaggi sia in grado di far loro resistere a prove eccezionali, che ridurrebbero in carrozzella chiunque altro. Se non ci si crede, allora si perde la magia del racconto. Del resto, i lettori di Zagor credono anche che lo Spirito con la Scure voli di ramo in ramo o che lanci la scure in modo infallibile decidendo se uccidere o stordire gli avversari. Va detto che nel corso della trasferta sudamericana il Re di Darkwood è stato sottoposto dalle Amazzoni a una immersione in una vasca rigenerativa della tecnologia atlantidea che ha guarito tutte le sue ferite, dunque si può dire che da quel punto in poi è tornato come nuovo.


DODICESIMA PUNTATA

https://zagorealtro.blogspot.com/2019/09/a-domanda-moreno-risponde-12.html

Caro Moreno, nelle storie di Zagor il presidente degli Stati Uniti è Andrew Jackson. La storia pubblicata nel 2001, Zagor Maxi n. 2: "La Lunga Marcia", si svolge durante il secondo mandato di Jackson e dopo il trasferimento forzato dei Cherokee ci rendiamo conto che probabilmente si tratta dell'anno 1836. Nella storia pubblicata del 2017, Zagor Maxi n. 28: "Gli Uccisori di Indiani", Craig Turner dice che era stato accoltellato a Washington due anni prima, e ciò è accaduto nel Maxi n. 2 (1836), il che lascia dedurre che la storia del Maxi n. 28 probabilmente si verifica nel 1838. Andrew Jackson è stato presidente dal 1829-1837, seguito dal 4 marzo 1837 dal presidente Martin Van Buren. Così, nel Maxi n. 28, Martin Van Buren dovrebbe essere presidente degli Stati Uniti, e se la serie regolare segue la stessa continuity della serie Maxi, Zagor attualmente dovrebbe vivere sotto la presidenza di Van Buren. Puoi spiegare questo enigma? Saluti!

Nessun enigma. Il tempo, nell’universo zagoriano, è come “cristallizzato”, o comunque scorre in modo indipendente da quello della realtà. Non si può pretendere il rispetto esatto delle date da parte di un eroe che porta al fianco una pistola a ripetizione che non poteva esistere prima degli anni Cinquanta dell’Ottocento, mentre vive avventure negli anni Trenta. Dato un range cronologico (quello appunto degli anni Trenta), e premesso che si tratta soltanto di una indicazione di massima utile a stabilire un contesto, sul resto bisogna lasciar correre. Zagor del resto incontra Charles Darwin in Cile in un giorno (quello del terremoto di Conception) che sembra essere del febbraio 1835. Ma a quel punto sono già accaduti i fatti de “La lunga marcia” (1836) oppure no? Zagor incontra Tocqueville nel corso del suo viaggio in America del 1831-1832: i fatti di “Agenti segreti” sono collegati con quelli de “L’uomo nel mirino”, dove Jackson è già stato malmenato dallo Spirito con la Scure alla Casa Bianca (dato che il Presidente lo ricorda espressamente), quindi la visita di Zagor a Washington quando è avvenuta? Il punto è che nell’universo di Zagor esistono evidentemente alcuni personaggi storici vissuti, anche nella nostra realtà, con gli stessi nomi, volti e caratteristiche (Jackson, Darwin, Tocqueville), che lì però risultano sfalsati, modificati in qualcosa, deformati dal trasferimento nel mondo parallelo dove si trova Darkwood.


UNDICECESIMA PUNTATA

http://zagorealtro.blogspot.com/2019/07/a-domanda-moreno-risponde-11.html
 
Caro Moreno, in un periodo come il nostro caratterizzato dal “politicamente corretto” anche nell’ambito delle pubblicazioni a fumetti, quanto ti senti limitato da ciò nella tua creatività (ammesso che sia così)?

La mia opinione sul “politicamente corretto” è politicamente scorretta. Questo non vuol dire che mi piaccia la scorrettezza, ma che non sopporto le censure e ritengo intollerabile che qualunque cosa si dica ci sia qualcuno che si senta offeso, per cui bisogna stare attenti a non urtare la sensibilità di nessuno. Ma se si scrive per un vasto pubblico e se si collabora con una Casa Editrice tradizionalmente attenta al rispetto delle idee di tutti, è giusto attenersi a certe regole. Perciò, mi rendo conto da solo della necessità di restare nei limiti imposti dal buon senso. Essere “politicamente corretto” scrivendo Zagor non mi pesa, essendo lo Spirito con la Scure corretto di suo. In generale, però, sicuramente gli autori di fumetti (ma anche i registi, i cantanti, gli scrittori) erano più liberi in passato. Oggi, persino sul “Vernacoliere” bisogna stare attenti a quel che si dice o si disegna.


DECIMA PUNTATA

https://zagorealtro.blogspot.com/2019/05/a-domanda-moreno-risponde-10_9.html

Ha mai pensato Moreno di scrivere una propria serie o miniserie Bonelliana? C’è qualche progetto in futuro?

Ci ho pensato, ma alla fine ho sempre concluso che Zagor è una “mia” serie e non ho bisogno di sentirmi più realizzato con un altro personaggio creato da me. Da bambino e via via crescendo sognavo di scrivere storie dello Spirito con la Scure, e lo sto facendo. Che altro posso desiderare, professionalmente, di più? Peraltro, oltre a sentire profondamente mio il Re di Darkwood, la serie offre la possibilità di spaziare fra tutti i generi (avventura, western, fantascienza, horror, umorismo, giallo), per cui ho la massima libertà di espressione. Non mi sento in gabbia, non scrivo Zagor perché “mi tocca” o perché sono un professionista e faccio il lavoro che mi è stato commissionato. Ho creato dei personaggi che sono entrati a far parte della saga a pieno titolo. Mi sono sbizzarrito anche con altri eroi bonelliani, come Dampyr, Tex e il Comandante Mark. Tuttavia, è ovvio che ogni scrittore abbia dei progetti nel cassetto, perché le idee ci tendono agguati e ci saltano addosso di continuo. Se mi chiedessero una miniserie originale qualche proposta potrei farla.
A molti piacerebbe il ripristino della cover dell’albo successivo, in quarta di copertina e a colori, come accadeva parecchio tempo fa. Cosa ne pensi di questo, Moreno, sarebbe fattibile?
 
Tutto è fattibile, ma la grafica della copertina (interni ed esterni) non dipende da me. Cristina Pajalunga fa lunghe riunioni con Michele Masiero per decidere cosa mettere in evidenza, cosa pubblicizzare, con quali immagini e quali colori. Io poi, informato delle decisioni prese, scrivo le frasi che presentano gli albi. Mi pare di capire che pubblicizzare l’albo successivo in quarta di copertina sarebbe controproducente perché si toglie spazio alle notizie riguardo ad altre iniziative (volumi, ristampe, speciali, Maxi) che hanno bisogno di maggior visibilità. La cover del numero dopo, in fondo, si può guardare anche in seconda di copertina: si dà per scontato che il lettore abituale la vada a cercare incuriosito là dov’è e acquisti l’albo per fedeltà. Ma se ci sono novità di altro tipo è meglio metterle in evidenza.



OTTAVA PUNTATA

http://zagorealtro.blogspot.com/2019/01/a-domanda-moreno-risponde-8.html
 
La collana sta vivendo un lungo periodo di ritorni, tra vecchi personaggi secondari e nemici del passato. Secondo me Zagor ha ancora molto potenziale, e mi chiedo se prossimamente è in progetto una nuova fase della saga, un po’ come è avvenuto per la famosa seconda Odissea Americana. Sarebbe bello leggere nuove storie con personaggi, nemici inediti, non legati necessariamente al passato. Insomma, non solo io, ma a molti lettori piacerebbe una nuova Odissea Americana, come quella iniziata con l'episodio de "L’esploratore scomparso".
 
Nemici nuovi e vecchi si alterneranno come abbiamo sempre fatto. Non c’è nessun piano preciso per favorire le vecchie glorie a discapito delle nuove. Dal mio punto di vista contano le storie: se c’è una buona proposta per una bella storia, la facciamo indipendentemente dal fatto che riguardi un vecchio nemico piuttosto che uno di nuova ideazione. Va tenuto conto però che i villains del passato sono tanti e quelli nuovi sono difficili da creare. In realtà in ogni storia ci sono nuovi personaggi, e nelle intenzioni degli sceneggiatori ogni cattivo dovrebbe essere memorabile. Poi, nei fatti, sono pochi quelli che lasciano il segno. Accadeva anche ai tempi di Nolitta o di Toninelli (in anni in cui c’erano comunque tanti ritorni).



SETTIMA PUNTATA

http://zagorealtro.blogspot.com/2018/11/a-domanda-moreno-risponde-7.html
 
Gli Zagoriani appassionati come me apprezzano molto i ritorni di buoni e cattivi della saga del nostro, molti sono tornati e molti, a quanto leggo, fortunatamente torneranno. Uno, però, è morto per sempre: Mortimer. Eppure, se non ricordo male, rispondendo a domanda in non so quale fiera fumettistica (ne ho visto il video sul web), Moreno si presentava possibilista sul ritorno poiché diceva (sempre se non ricordo male e nel caso me ne scuso) qualcosa tipo "abbiamo visto solo il corpo", mi permetto allora di chiedere: ma davvero Moreno pensi che Mortimer, morto e sepolto, possa tornare? Da parte mia, per quello che può valere il mio parere, preferirei di no, un conto è il ritorno di arcinemici "superumani" come Hellingen, Rakosi, Kandrax, un conto resuscitare un uomo morto. A questo punto meglio nuovi antagonisti per il nostro immarcescibile Zagor.

Qualunque cosa si proponga, ci saranno i favorevoli e i contrari con reazioni di uguale forza ma di segno opposto, come per i corpi immersi nei liquidi del principio di Archimede. Impossibile mettere d’accordo tutti. Zagor, poi, si presta a questo tipo di dibattito, perché essendo sfaccettato ognuno se lo immagina fatto su misura per lui e contesta la sfaccettatura che invece piace al proprio compagno di banco. “Zagor è un western e deve proporre avventure con i trappers e gli indiani”, “No! Zagor deve affrontare i mostri!”, e via dicendo. Riguardo a Mortimer, ci saranno stati quelli contenti della sua (presunta) morte, e quelli desiderosi invece di un suo (possibile) ritorno. Il mio proposito è di far trascorrere un po’ di tempo per pensarci, tanto abbiamo (per fortuna) tante altre cose da raccontare. Niente è stato deciso. Però, se l’obiezione è: “non può tornare perché è morto”, mi permetto di sorridere. Persino Zagor, nel secondo Zagorone, muore a pagina trenta. Il suo corpo viene cremato e le sue ceneri disperse al vento. Questo almeno è quello che si vede (lo vedono anche Cico e Tonka, che piangono la scomparsa dell’amico). Poi la realtà risulta diversa dall’apparenza. I giochi di prestigio si basano su ciò che si crede di vedere. Una donna viene segata a metà ma resta in vita, il mago Copperfield vola. Siamo tutti convinti di aver visto Mortimer morire, Zagor ne recupera il corpo e lo seppellisce. Anche il Conte di Montecristo, però, viene creduto morto e gettato in mare in un sacco. Per inciso, anche Sandokan, in un passaggio delle sue mille avventure. Ma quello che si è visto è davvero quello che è accaduto? Quindi: lasciamo allo sceneggiatore i suoi trucchi. Resta il fatto che per il momento Mortimer rimane sepolto.
Ritengo la saga atlantidea di Zagor molto bella e avvincente. Sarà possibile leggere in futuro altre avventure con tematiche riguardanti Atlantide e Mu?
Nel mio libro “Discorsi sulle nuvole”, da poco uscito grazie a Cut Up, è contenuto un capitolo appena un po’ polemico contro chi ha protestato con marce e manifestazioni al grido di “Basta Atlantide!”. Mi sono chiesto come mai Atlantide sia un argomento che hanno trattato e trattano tutti (c’è persino su Tex, in una storia di Nolitta) ma allo stesso tempo sia incredibilmente risultato indigesto a una parte dei lettori, nonostante Zagor sia una testata che, per le sue caratteristiche avventurose e fantastiche, si presta straordinariamente alla trattazione del tema. Non a caso Davide Morosinotto l’ha utilizzato nel suo romanzo “Zagor” senza che io gli abbia detto niente (da esperto scrittore ha colto da solo l’opportunità). Tuttavia, esaurito il ciclo con il viaggio in Antartide, per non far venire travasi di bile agli atlantidofobi mi sono riproposto di non entrare più nell’argomento.


QUINTA PUNTATA

http://zagorealtro.blogspot.com/2018/08/a-domanda-moreno-risponde-5.html

Negli ultimi tempi si è visto il ritorno di molti personaggi del passato e altri sono in programma come il mio amato Supermike. Vorrei sapere se ci sarà in futuro la nascita di qualche personaggio nuovo: è dai tempi di Mortimer che non c’è un supernemico all’altezza di Zagor!
 
I supernemici non so creano a tavolino. Nascono da soli. Uno sceneggiatore scrive una storia e poi ci si accorge che contiene un cattivo davvero tosto che potrebbe anche tornare. Con Mortimer è andata così: non pensavo a un ritorno, Zagor avrebbe dovuto far arrestare il criminale al termine della prima avventura. Fu Boselli a dire: fallo tornare immediatamente! In ogni racconto gli sceneggiatori cercano di far affrontare a Zagor avversari che lo mettano in difficoltà. Un giorno uno di questi si rivelerà essere assolutamente micidiale e diventerà il nuovo Mortimer.



QUARTA PUNTATA

http://zagorealtro.blogspot.com/2018/05/a-domanda-moreno-risponde-4.html
 
Uno degli elementi della collana che mi è sempre piaciuto è legato all’immagine misteriosa e semidivina che il creatore della serie, ispirandosi come è noto, all’universo dell’Uomo Mascherato, ha voluto conferire al nostro; da un po’ di tempo tuttavia, non compaiono nella serie regolare le spettacolari entrate in scena, le mirabolanti magie volte a corroborare l’ascendente mistico dell’eroe sulle popolazioni native di Darkwood. Le vedremo ancora?
 
In una intervista del 1989 pubblicata sullo “Speciale Zagor” di “Collezionare”, Sergio Bonelli rilasciò questa dichiarazione: “Zagor originariamente era un sensitivo, anche se non proprio come Mandrake. Intuiva il pericolo, percepiva particolari vibrazioni nell’aria. Gli sceneggiatori di oggi non si ricordano quasi mai di questa caratteristica”. Avendo personalmente raccolto queste parole essendo stato uno degli intervistatori in quell’occasione, mi sono proposto, in qualità di nuovo sceneggiatore, di ricordarmene. Così, a ogni piè sospinto, da quasi trent’anni a questa parte, faccio dire allo Spirito con la Scure frasi di questo tipo: “Ho la strana sensazione di un pericolo incombente, e in questi casi raramente mi sbaglio”. Noto che Jacopo Rauch usa formule del genere ancora più spesso di me. Insomma, Zagor percepisce le minacce come se avesse il “senso di ragno” che pizzica a Peter Parker. Ciò nonostante, avendo letto l’intervista di Nolitta, ci sono ancora dei lettori che a ogni piè sospinto chiedono: “Perché voi sceneggiatori di oggi non vi ricordate quasi mai della caratteristica di Zagor di essere un sensitivo?”. Io e Rauch ci guardiamo sgomenti perché ci sembra di ricordarcene anche troppo. Lo stesso pare capitare anche per le “apparizioni” del Re di Darkwood agli indiani. I lettori più affezionati alla tradizione percepiscono uno scollamento dalle consuetudini e temono che certe tradizioni si vadano perdendo anche se non è così. Basti pensare che c’è stata una “apparizione” dello Spirito con la Scure anche nell’albo con Jovanotti di pochi mesi fa, ma a guardar bene se ne possono rintracciare alcune anche in tempi recenti. Ne “L’uomo che sconfisse la morte” (il secondo Zagorone) di “apparizioni” ce ne sono addirittura due. Ce n’è una nello Speciale, di non troppo tempo fa, “La danza degli spiriti”. Una che mi è piaciuta particolarmente immaginare è in “Magia indiana”. Tuttavia è vero che questo tipo di “show”  non è troppo frequente, però neppure Nolitta lo metteva in scena in ogni numero. Del resto, se ci fosse di continuo non sarebbe più d’effetto (anzi, sarebbe ripetitivo, prevedibile). Va aggiunto un particolare. La sensibilità dei nostri giorni potrebbe percepire come offensivo per i nativi americani il fatto che li facciamo passare per dei creduloni, gente disposta a farsi abbindolare da trucchi da avanspettacolo. Perciò, bisogna stare attenti a non esagerare.


TERZA PUNTATA

http://zagorealtro.blogspot.com/2018/04/a-domanda-moreno-risponde-3.html

 
Nella trasferta (vedrei bene in Asia) ci sarà una capatina in uno spazio-tempo fuori dal tempo-spazio (con creature fantasiose stile mondo perduto o palude degli orrori)?
 
Le trasferte tendono a essere collocate nel tempo e nello spazio. Cioè, andando in Sud America lo Spirito con la Scure ha visitato regioni realmente esistenti così com’erano nel suo periodo storico (almeno quello che per convenzione gli si attribuisce). Ciò non esclude aspetti fantastici (tant’è vero che Boselli ha ricreato in Mato Grosso il “mondo perduto” di Arthur Conan Doyle), però le creature fantasiose devono essere collegate alla realtà antropologica e folkloristica dei luoghi visitati. Andando in Transilvania Zagor avrà a che fare con i vampiri e altri elementi leggendari caratteristici di quella terra. Uscire dallo spazio-tempo o dal tempo-spazio lo si può fare anche a Darkwood (che di per sé è già, direi, abbastanza “fuori”). La capatina in Asia ci sarà ma sarà brevissima e senza mostri fantastici.


SECONDA PUNTATA

http://zagorealtro.blogspot.com/2018/03/a-domanda-moreno-risponde-2.html
 
Che fine ha fatto l’alieno buono che abbiamo conosciuto nell’avventura "Gli assassini venuti dallo spazio"? Sappiamo che si è insediato a Darkwood, ma ritornerà, a breve, in una nuova avventura? Sono proprio curioso di sapere come Burattini intende utilizzarlo.
 
Ah, dunque c’è chi ha apprezzato “Gli assassini venuti dallo spazio”! Scherzo, ho ricevuto tanti complimenti quante critiche, entrambi in misura inaspettata. Quel personaggio, Change, secondo me è riuscito molto bene e ha grandi potenzialità. Se non temessi di suscitare le ire dei detrattori sarebbe già tornato. Prima o poi lo farà.


PRIMA PUNTATA

http://zagorealtro.blogspot.com/2018/03/a-domanda-moreno-risponde-1.html
 
E' vera la voce che nel prossimo maxi storie-brevi ci sarà una storia disegnata da Piccinelli? Io mi auguro di vederlo all' opera in uno speciale, ma anche così andrebbe bene!
 
Se dipendesse da me non chiederei di meglio -  ma anche se dipendesse da lui credo che Alessandro disegnerebbe più che volentieri una storia di Zagor, breve o meno breve. Il problema è che di Piccinelli lo staff di Tex ha estremo bisogno e Boselli per il momento non è disposto a prestarcelo (ci sono storie importanti a cui il nostro copertinista deve lavorare e già le copertine lo rallentano).

Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Moreno%2BCorbetta%2BBesana%2B19%2BIMG_4828

FORUM ZAGOR TE NAY - Home | Facebook

claudio57
claudio57
PROFETA DI ZTN
PROFETA DI ZTN

Messaggi : 5679
Data d'iscrizione : 25.06.15
Località : broni PV

Torna in alto Andare in basso

Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Empty Re: Moreno Burattini - parte seconda

Messaggio Da claudio57 il Sab 17 Ott 2020, 20:39


FORUM ZAGOR TE NAY - Home | Facebook

claudio57
claudio57
PROFETA DI ZTN
PROFETA DI ZTN

Messaggi : 5679
Data d'iscrizione : 25.06.15
Località : broni PV

Torna in alto Andare in basso

Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Empty Re: Moreno Burattini - parte seconda

Messaggio Da wakopa il Dom 18 Ott 2020, 10:40

@claudio57 ha scritto:

" L’incontro con Darwin, come la storia successiva a mia firma, quella in Terra del Fuoco, sono, per quanto mi riguarda, fra le cose migliori che ho scritto. Le implicazioni scientifiche e filosofiche, oltre che alla documentazione, che ci sono dietro, sono più che notevoli."



Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Qt5nuzaon4-sora-lella-annamo-bene-proprio-bene-vaccata_a
wakopa
wakopa
Vincitore COPPA ITALIA
Vincitore COPPA ITALIA

Messaggi : 6760
Data d'iscrizione : 20.01.15

Torna in alto Andare in basso

Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Empty Re: Moreno Burattini - parte seconda

Messaggio Da capelli d'argento il Dom 18 Ott 2020, 11:17

*.* azzzz

_________________________________________________
“Il domani spera che noi si abbia imparato qualcosa dallo ieri.”
John Wayne
capelli d'argento
capelli d'argento
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 2072
Data d'iscrizione : 02.08.16
Località : canaveìs

Torna in alto Andare in basso

Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Empty Re: Moreno Burattini - parte seconda

Messaggio Da claudio57 il Dom 18 Ott 2020, 16:02

A DOMANDA… MORENO RISPONDE (22)


Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 IMG_1906%2B%2528Copy%2529




Amici zagoriani,

ecco a voi le…….. domande perdute!


Come spiegato nel post precedente,

questa serie di domande avrebbe dovuto essere

- cronologicamente parlando - la n. 21.


È invece accaduto che per qualche oscuro motivo

(gli agenti di Altrove stanno indagando…)

il file spedito si è “smarrito” nella rete

e il buon Moreno Burattini (che non finiremo

mai di ringraziare per la sua disponibilità)

ha risposto alla serie successiva (pubblicata il 05.10.2020)

“saltando” incolpevolmente questa.


Ma poiché nulla sfugge a questo superiore comando,

non appena accortomi del fattaccio ho provveduto

a inviare nuovamente il file a Moreno

e lui ha prontamente dato risposta alle vostre domande!


Il tutto (d & r) lo trovate qui sotto…


Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Corrado%2Broi


1 – Ciao. Vorrei chiedere a Moreno Burattini se in futuro si avrà la possibilità di vedere all’opera su Zagor il disegnatore Corrado Roi. Grazie.

Corrado per primo è venuto spontaneamente a consegnarsi, proponendosi (conosce benissimo Zagor) ma pare sia indispensabile su altre testate.
Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Stephen%2Bking


2 – Caro Moreno, vedremo mai Zagor alle prese con avventure ispirate ad alcuni dei libri di Stephen King come “I sonnambuli”, “Cose preziose”, “The mangler” o “La creatura del cimitero”, oppure “L’estate della paura” di Dan Simmons? Grazie.

Citi due autori che sono mio personale olimpo, e alcuni loro libri che amo particolarmente. Diciamo che sia King che Simmons hanno già offerto alcuni spunti. Penso a “L’orribile maledizione” (Maxi Zagor n° 1, 2000), storia debitrice verso “L’occhio del male”, e a “Non umani” (Zagor 613, 2016) dove comprare lo Shrike, creatura aliena che ha turbato i sonni dei lettori della saga di Hyperion. Riguardo ai “Sonnambuli” mi fa piacere ricordare come i gatti siano i risolutori della vicenda ne “Il maleficio di Anulka” (Zagor Speciale n° 19, 2007). Sicuramente i due autori fanno parte degli ispiratori miei e di altri sceneggiatori.
Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Cc_zag0027


3 – Nella saga di Zagor è soprattutto Cico a fare da spalla comica, oltre a diversi comprimari minori come Trampy, Drunky Duck, ecc. Cercando di non renderlo eccessivamente comico, un ritorno fuori serie o nella serie regolare di Jerome P.G. Belltower può venire preso in considerazione? Ripeto, senza esagerare con la comicità, e magari avendolo di nuovo al fianco del Messicano, anche se non si sono lasciati benissimo.

Sono molto affezionato a Jerome P.G. Belltower, nel cui nome e cognome si nascondono tre umoristi che mi hanno allietato la vita (Jerome Kapkla Jerome, Pelham Grenville Wodehouse e Achille Campanile). Mi fa piacere la tua proposta. Ci penserò.


4 – Gentile Moreno, ha mai pensato ad una storia in comune che vedrebbe protagonisti, o meglio comprimari di una storia più grande di loro, il detective Bat Batterton ed il Conte di Lapalette?

Sarebbero davvero una bella coppia. Per il momento accontentiamoci di vederli tornare entrambi ma in due Color separati, che sono in via di realizzazione.

Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Madame%2BSwarkoff


5 – Pur essendo stata utilizzata per permettere a Jonathan Clark di finire in prigione, l’imbrogliona Madame Swarkoff, può venire ripresa per future avventure a sé stanti?

Perché no? Segnata in agenda.
Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Malattie-genetiche


6 – Caro Moreno, cosa ne penseresti di aggiungere nelle storie di Zagor dei riferimenti a malattie genetiche al tempo alcune conosciute ed altre senza una terminologia (Schizofrenia, Disturbo Bipolare, Sindrome di Down), senza trasformare le storie in un trattato medico e mantenendo naturalmente il totale rispetto verso chi ne soffre veramente?

E’ sempre difficile trattare il tema della malattia, appunto perché lo “sfruttamento” del malato come personaggio rischia di sembrare irrispettoso verso chi soffre veramente di quel male. Tuttavia sono riuscito a farlo, spero in modo convincente, con la lebbra (“L’isola dei lebbrosi” è lo Zagor n° 352, del 1994) e con le deformazioni dei freaks (“Ombre nella foresta”, Zagor n° 533,  del 2009). Si parla di malattia anche nel caso dell’epidemia di malaria a Monrovia (“La terra della libertà”, Zagor n° 425 del 2000). Tu chiedi una storia ancora più delicata, su problematiche psichiatriche o sulla Sindrome di Down, e la sfida è stimolante. Ci penserò.
Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Mx_zag_35


7 – Caro Moreno, ti scrivo per chiedere se, dopo la storia racchiusa nel Maxi “Brividi da Altrove” ed intitolata “Le radici del male”, sia nei piani un sequel sempre scritto da Cavaletto oppure dagli altri sceneggiatori che sono presenze fisse nella serie. Viene infatti accennato che Altrove possa essere in procinto di andare a tastare di persona il terreno riguardo agli eventi soprannaturali di quella mini-storia.

Per realizzare un sequel occorrerebbe un soggetto che non ricalchi quel che si è già visto ma lo sviluppi in modo nuovo e convincente, e c’è il problema di dove collocare questo seguito, visto che se uscisse sulla serie regolare i lettori della Zenith (più numerosi e non coincidenti con quelli del Maxi) potrebbero non raccapezzarsi (in altre parole, il sequel dovrebbe comunque essere leggibile autonomamente). Ignorando le grida di protesta dei fautori del western puro a cui viene l’orticaria solo a sentir rammentare il nome “Altrove”,  vedo però nella tua proposta uno spunto per un ritorno di Poe sulle pagine dello Spirito con la Scure (ammesso che la storia del Maxi “Brividi da Altrove” non fosse appunto una invenzione letteraria del buon Edgardo). Non c’è nessun progetto, per il momento, ma  ci possiamo pensare.
Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Danai%2Bgurira


8 – Il personaggio di Danah della storia “Sacrificio Umano” del Maxi “Brividi da Altrove” è stato in qualche modo ispirato da quello interpretato da Danai Gurira in “The Walking Dead”?

A livello grafico è proprio quello il modello che ho suggerito a Enzo Troiano. A me Danai Gurira piace moltissimo, da tutti i punti di vista.
Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 1540566854098.jpg--la_minaccia_dei_morb___color_zagor_08_cover

9 – Mi dispiace dover scrivere le seguenti righe, ma rileggendo la storia con Brad Barron e Zagor, con possibile seguito a quanto ho capito dalle tue risposte in questa rubrica, la cosa mi dispiacerebbe eccome. Sia chiaro che accetto altri sceneggiatori e disegnatori provenienti da altri personaggi, e che la mia opinione può non essere condivisa da altri, ma vederli nuovamente insieme non mi stuzzicherebbe nell’acquisto di questo fumetto. Ho letto anche di Dampyr, ma non è stata ancora realizzata la storia e quindi non posso far altro che tacere di fronte ad una cosa non ancora letta. Sfortunatamente sono rimasto deluso da questo Team-Up, ritenendolo ancora dopo tanto tempo assolutamente non necessario una volta, figuriamoci due. Vorrei quindi chiedere se sei davvero interessato personalmente, come curatore, o lo sia lo sceneggiatore della prima storia, a riproporre un duo come il loro pur sapendo di non andare incontro alle preferenze di qualcuno dei vostri lettori più affezionati?

Non c’è in progetto, per il momento, nessun nuovo team-up fra Zagor e Brad Barron. Perciò, stiamo parlando del nulla. Tuttavia è vero che il finale dell’albo con il loro primo incontro è aperto a ogni possibilità. Potrebbe persino accadere che lo Spirito con la Scure debba affrontare da solo le creature dei Morb. Ma, ripeto, per ora non se ne parla. Tuttavia, è sicuramente escluso che Brad Barron entri a far parte dell’universo zagoriano come comprimario stabile o ricorrente, perciò, nella peggiore delle ipotesi (peggiore dal tuo punto di vista) potrebbe trattarsi di rivederlo in un altro Color o in uno Speciale di qualche tipo. Niente di più. Considerando che è normale nel fumetto seriale l’alternanza di storie che piacciono di più con altre che piacciono di meno, non me ne farei una malattia. Basta ignorare quell’albo e aspettare il successivo.
Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Dott.%2Bsand


10 – Quando riusciremo a rivedere il Dottor Sand?

Mi piacerebbe dire che accadrà presto, però ora non lo vedo all’orizzonte. Ma ho in mente di dedicargli un Color, prima o poi.
Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Zag0449


11 – È possibile che alcune creature di Howenstein de “Il Sudario Verde” possano essere sopravvissute ed ancora in libertà con possibile ritorno in scena?

Possibilissimo. Perché no?


12 – Gentile Moreno, ti chiedo se il duo Sedioli-Verni sia stato creato solo per necessità oppure perché hai voluto provare una strada innovativa per due disegnatori che non avevano mai avuto modo di lavorare in team in precedenza? Cosa ti ha spinto ad affiancare proprio loro due? Quali sono le loro affinità?

Tutto è nato quando Marco Verni ha chiesto l’aiuto di Gianni per realizzare la storia ambientata in Cile. Lo ha proposto lui, un po’ timoroso nel dover raffigurare scenari diversi dal solito e cataclismi come terremoti e tsunami. Li abbiamo fatti provare e si sono rivelati la coppia perfetta. Anche perché vicini di casa. Quasi.
Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Zag0546


13 – Caro Moreno, hai mai avuto per la mente il modo di far tornare Sharp, Shana e Josh de “Il Villaggio della Follia”? Anche solo per far capire se la redenzione di lui sia stata totale. 
 
Giro la domanda a Jacopo Rauch, a cui il curatore di questo blog dovrebbe, prima o poi, fare una intervista o passargli i quesiti dei lettori.
 
Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Pioggia%2BSilente


14 – Gentile Curatore della Serie Zagor, Le chiedo se possa essere visto di nuovo in azione Pioggia Silente, della storia “Un Lord a Darkwood”.

In questo caso ci sarebbe da interpellare Luigi Mignacco, che sicuramente ci legge. Sono infatti del parere che chi ha creato un personaggio abbia il diritto di prelazione per il ritorno.
Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Preacher


15 – È previsto il ritorno di Preacher de “L’Angelo della Morte”?

Personaggio interessante. Ma è di proprietà di Mauro Boselli, serve il suo permesso (per mio scrupolo, per i motivi detti poco sopra).
Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Molok


16 – Caro Moreno, avendoti letto parlare di Molok, mi chiedo se tu non possegga già qualche idea a proposito di un suo rientro in scena.

Assolutamente sì. Fermo restando che è già tornato, in qualche modo, in “Magia indiana” (Zagor n° 500).
Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Zag0462


17 – Caro Moreno, ti scrivo per rammentarti di uno degli infiniti personaggi passati fra le storie di Zagor. Mi riferisco a Margit Veszi di “Giustizia Sommaria” e ti chiedo cosa ne pensi a proposito, se ti è piaciuta la sua interpretazione grafica e se possa essere pronta per un ritorno dopo tanto, tanto tempo da quando venne creata proprio dalla tua mente? Con l’avvicinamento della trasferta europea, che possa ella apparire in Ungheria?

L’interpretazione grafica di Roberto D’Arcangelo è stata funzionale alla storia, breve e più psicologica che d’azione. Nella trasferta europea Margit non ricompare, perciò se la rivedremo sarà a Darkwood. Il problema è trovare una storia in linea con il personaggio (che sostanzialmente è solo una donna con problemi di integrazione nel Paese dove è immigrata, sradicata dalla sua terra), che non ripeta quanto si è già visto. Sono contento, però, che qualcuno la ricordi. A me, “Giustizia sommaria” è sempre piaciuta.
Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Zag0607


18 – Il maestro Ade Capone, coadiuvato dagli splendidi disegni di Paolo Bisi, ha lasciato in eredità “Il Ritorno dei Lupi Neri”. Come sceneggiatore te la sentiresti di riprendere quella storia, con la copia dei progetti fatta e nascosta, e con le armature ritrovate in fondo a dove c’è stata l’ultima esplosione?

Solito discorso: serve uno spunto che non tradisca le premesse ma che non ripeta le situazioni già viste. Ade, però, si merita di essere ricordato in ogni occasione e far rivivere i suoi personaggi è sempre un buon modo.


19 – Caro Moreno, cosa ne penseresti di una storia con protagoniste sia Blondie che Gambit?

Ne penserei tutto il bene possibile.
Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Zag0626


20 – Nell’avventura “Tentacoli” il finale viene lasciato leggermente aperto. Da questo spiraglio, potrebbe nascere un coinvolgimento di Altrove a proposito dello scovare qualche parassita ancora in vita oppure la presenza di un Padre, pensando che la Madre non potesse riprodursi da sola?

Altrove deve indagare su un sacco di casi misteriosi, in effetti. Ripensando a “Tentacoli” mi vengono in mente i figli piccoli di Marco Verni spaventati dai disegni del padre in cui comparivano i vermi neri. Buono lo spunto. Vedremo.
claudio57
claudio57
PROFETA DI ZTN
PROFETA DI ZTN

Messaggi : 5679
Data d'iscrizione : 25.06.15
Località : broni PV

Torna in alto Andare in basso

Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Empty Re: Moreno Burattini - parte seconda

Messaggio Da Il tessitore il Lun 19 Ott 2020, 01:32

@claudio57 ha scritto:
19 – Caro Moreno, cosa ne penseresti di una storia con protagoniste sia Blondie che Gambit?
Ne penserei tutto il bene possibile.

Secondo me sono due personaggi che potrebbero oscurarsi a vicenda, a meno che non appaiano come una nemica dell'altra.

_________________________________________________
Forse un mattino andando in un’aria di vetro,
arida, rivolgendomi, vedrò compirsi il miracolo:
il nulla alle mie spalle, il vuoto dietro
di me, con un terrore di ubriaco.
Il tessitore
Il tessitore
FORUMISTA GRINTOSO
FORUMISTA GRINTOSO

Messaggi : 660
Data d'iscrizione : 27.05.18
Località : Chiavari (GE)

Torna in alto Andare in basso

Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Empty Re: Moreno Burattini - parte seconda

Messaggio Da doctorZeta il Lun 19 Ott 2020, 09:28

Stavolta le domande sono più interessanti

_________________________________________________
E ti sta parlando un Bonelli-dipendente...
doctorZeta
doctorZeta
FORUMISTA MAXIMUS
FORUMISTA MAXIMUS

Messaggi : 14359
Data d'iscrizione : 08.06.16
Località : Torino

Torna in alto Andare in basso

Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Empty Re: Moreno Burattini - parte seconda

Messaggio Da wakopa il Lun 19 Ott 2020, 10:35

ma esiste davvero chi fa questo tipo di domande e auspica certi argomenti su un fumetto come zagor? Shocked

6 – Caro Moreno, cosa ne penseresti di aggiungere nelle storie di Zagor dei riferimenti a malattie genetiche al tempo alcune conosciute ed altre senza una terminologia (Schizofrenia, Disturbo Bipolare, Sindrome di Down), senza trasformare le storie in un trattato medico e mantenendo naturalmente il totale rispetto verso chi ne soffre veramente?



wakopa
wakopa
Vincitore COPPA ITALIA
Vincitore COPPA ITALIA

Messaggi : 6760
Data d'iscrizione : 20.01.15

Torna in alto Andare in basso

Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Empty Re: Moreno Burattini - parte seconda

Messaggio Da graziano il Lun 19 Ott 2020, 11:05

Questa è proprio una domanda idiota e spero proprio che non venga minimamente presa in considerazione, ma che roba è?? Siamo impazziti veramente?
graziano
graziano
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 3364
Data d'iscrizione : 19.01.15
Località : falconara marittima

Torna in alto Andare in basso

Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Empty Re: Moreno Burattini - parte seconda

Messaggio Da doctorZeta il Lun 19 Ott 2020, 11:24

È quella meno interessante, io manco avrei risposto...

_________________________________________________
E ti sta parlando un Bonelli-dipendente...
doctorZeta
doctorZeta
FORUMISTA MAXIMUS
FORUMISTA MAXIMUS

Messaggi : 14359
Data d'iscrizione : 08.06.16
Località : Torino

Torna in alto Andare in basso

Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Empty Re: Moreno Burattini - parte seconda

Messaggio Da Sam Fletcher il Lun 19 Ott 2020, 11:46

@doctorZeta ha scritto:È quella meno interessante, io manco avrei risposto...
Su questo non ci piove, però anche il sequel di tentacoli col coinvolgimento di altrove non scherza Suspect

_________________________________________________
...e probabilmente Zagor è già morto!
Che gli dei ti perdonino, pazzo! Lo spirito con la scure non può morire!
Sam Fletcher
Sam Fletcher
MATRICOLA DEL FORUM
MATRICOLA DEL FORUM

Messaggi : 486
Data d'iscrizione : 29.08.18
Località : Jesi

Torna in alto Andare in basso

Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Empty Re: Moreno Burattini - parte seconda

Messaggio Da natural killer il Lun 19 Ott 2020, 12:22

@wakopa ha scritto:ma esiste davvero chi fa questo tipo di domande e auspica certi argomenti su un fumetto come zagor?  Shocked

6 – Caro Moreno, cosa ne penseresti di aggiungere nelle storie di Zagor dei riferimenti a malattie genetiche al tempo alcune conosciute ed altre senza una terminologia (Schizofrenia, Disturbo Bipolare, Sindrome di Down), senza trasformare le storie in un trattato medico e mantenendo naturalmente il totale rispetto verso chi ne soffre veramente?

Surprised

_________________________________________________
the haematologist
natural killer
natural killer
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 19703
Data d'iscrizione : 27.01.15
Località : Sardegna centro orientale

Torna in alto Andare in basso

Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Empty Re: Moreno Burattini - parte seconda

Messaggio Da Smash il Lun 19 Ott 2020, 12:46

Dei tanti ritorni richiesti quello di Preacher sarebbe quello più gradito da me, oltre che fattibile. Personaggio che può dare ancora molto.
Smash
Smash
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 3539
Data d'iscrizione : 21.01.15

Torna in alto Andare in basso

Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Empty Re: Moreno Burattini - parte seconda

Messaggio Da natural killer il Lun 19 Ott 2020, 12:55

Molti personaggi boselliani hanno ancora potenzialità inespresse, ma per rendere al meglio dovrebbero essere gestiti dal suo creatore che al momento è troppo impegnato per poter dedicare attenzione anche a Zagor.
Speriamo che in futuro possa esserci la possibilità di rivederli.

_________________________________________________
the haematologist
natural killer
natural killer
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 19703
Data d'iscrizione : 27.01.15
Località : Sardegna centro orientale

Torna in alto Andare in basso

Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Empty Re: Moreno Burattini - parte seconda

Messaggio Da Walter Dorian il Lun 19 Ott 2020, 14:04

Non sono d'accordo e la dimostrazione ce l'hai con Rauch che ha gestito benissimo Ylenia Varga per es.

_________________________________________________
ZAGORIANITA' SITO UFFICIALE
ZAGORIANITA' PAGINA FACEBOOK
Walter Dorian
Walter Dorian
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 12670
Data d'iscrizione : 03.01.14

Torna in alto Andare in basso

Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Empty Re: Moreno Burattini - parte seconda

Messaggio Da ZACCA il Lun 19 Ott 2020, 15:07

@doctorZeta ha scritto:È quella meno interessante, io manco avrei risposto...

io non l'avrei nemmeno scelta tra quelle da portare a Moreno.
queste domande stanno perdendo interesse e spunto,
sono sempre con alla base lo stesso argomento

_________________________________________________
Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 9sdzb811Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 19b9yb10 Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 12961712
ZACCA
ZACCA
Amministratore
Amministratore

Messaggi : 4122
Data d'iscrizione : 03.01.14

Torna in alto Andare in basso

Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Empty Re: Moreno Burattini - parte seconda

Messaggio Da Preacher il Mar 20 Ott 2020, 00:32

@wakopa ha scritto:ma esiste davvero chi fa questo tipo di domande e auspica certi argomenti su un fumetto come zagor? Shocked

6 – Caro Moreno, cosa ne penseresti di aggiungere nelle storie di Zagor dei riferimenti a malattie genetiche al tempo alcune conosciute ed altre senza una terminologia (Schizofrenia, Disturbo Bipolare, Sindrome di Down), senza trasformare le storie in un trattato medico e mantenendo naturalmente il totale rispetto verso chi ne soffre veramente?



ahahhahahah

_________________________________________________
"Non c'è cosa più deprimente dell'appartenere a una moltitudine nello spazio.
Né più esaltante dell'appartenere a una moltitudine nel tempo."Nicolás Gómez Dávila
Preacher
Preacher
PROFETA DI ZTN
PROFETA DI ZTN

Messaggi : 5907
Data d'iscrizione : 19.01.15
Località : Vasto(CH)

Torna in alto Andare in basso

Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Empty Re: Moreno Burattini - parte seconda

Messaggio Da doctorZeta il Mar 20 Ott 2020, 08:39

Dalla pagina facebook della Cut-Up Publishing:

"Siamo felici e orgogliosi di mostrare la copertina del nuovo libro di Moreno "Zagor" Burattini che pubblicheremo a febbraio: "MI RITIRO PER DELIRARE: Dalla A di Aforismi alla Z di Zagor". Lo strepitoso disegno è di Massimo Bonfatti e la prefazione sarà firmata dal bravissimo attore comico Gianni Fantoni.

Aforismi, battute, facezie, giochi di parole, riflessioni sarcastiche o poetiche, frutto della penna corrosiva e dello sguardo controcorrente di uno dei più noti sceneggiatori italiani di fumetti. Frasi a effetto, brevissime e fulminanti, divise per argomento come in un dizionario universale, da leggere tutti insieme o saltando qua e là, puntando il dito a caso in cerca di una folgorazione. Senza necessariamente dover essere d'accordo. L’antologia riunisce il meglio delle precedenti raccolte e più di 1500 aforismi inediti, scelti tra le migliaia pubblicati dall’autore sul suo seguitissimo account Twitter.

Moreno Burattini è uno dei più noti sceneggiatori di fumetti italiani. Ha all’attivo numerose storie per Lupo Alberto, Cattivik, il Comandante Mark, Dampyr e Tex, ma il personaggio a cui si è soprattutto dedicato è Zagor, le cui avventure scrive dal 1991. Commediografo, umorista, conferenziere, saggista, gestisce due blog e un seguitissimo account Twitter e ha al suo attivo numerosi libri."

Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 FB-IMG-1603172305788

_________________________________________________
E ti sta parlando un Bonelli-dipendente...
doctorZeta
doctorZeta
FORUMISTA MAXIMUS
FORUMISTA MAXIMUS

Messaggi : 14359
Data d'iscrizione : 08.06.16
Località : Torino

Torna in alto Andare in basso

Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Empty Re: Moreno Burattini - parte seconda

Messaggio Da KLAIN il Mar 20 Ott 2020, 11:12

Io avrei modificato leggermente il titolo.... *.* q*

_________________________________________________
ZAGROSKY , altrove...
Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 2la5wyo

Rispetto per i Di Vitto e per Pini Segna, grazie!!!

Detrattore con la scure!!!
KLAIN
KLAIN
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 2852
Data d'iscrizione : 24.01.15
Località : AVEZZANO

Torna in alto Andare in basso

Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Empty Re: Moreno Burattini - parte seconda

Messaggio Da graziano il Mar 20 Ott 2020, 12:04

Nemmeno per regalo lo vorrei
graziano
graziano
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 3364
Data d'iscrizione : 19.01.15
Località : falconara marittima

Torna in alto Andare in basso

Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Empty Re: Moreno Burattini - parte seconda

Messaggio Da natural killer il Mar 20 Ott 2020, 21:11

non si può aver tutto... passo

_________________________________________________
the haematologist
natural killer
natural killer
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 19703
Data d'iscrizione : 27.01.15
Località : Sardegna centro orientale

Torna in alto Andare in basso

Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Empty Re: Moreno Burattini - parte seconda

Messaggio Da claudio57 il Mar 20 Ott 2020, 23:37

non riguarda i fumetti... passo anch'io
claudio57
claudio57
PROFETA DI ZTN
PROFETA DI ZTN

Messaggi : 5679
Data d'iscrizione : 25.06.15
Località : broni PV

Torna in alto Andare in basso

Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Empty Re: Moreno Burattini - parte seconda

Messaggio Da Spirito errante il Mer 21 Ott 2020, 14:57

Mi sembra una replica di Facezie e Sarò Brè, sinceramente.

_________________________________________________
La scienza non ci ha ancora insegnato se la pazzia sia o no più sublime dell'intelligenza.
(Edgar Allan Poe)
Spirito errante
Spirito errante
DIPLOMATO IN ZAGOROLOGIA
DIPLOMATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 1166
Data d'iscrizione : 15.05.18
Località : Abbottabad

Torna in alto Andare in basso

Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Empty Re: Moreno Burattini - parte seconda

Messaggio Da claudio57 il Mer 21 Ott 2020, 16:37

@Spirito errante ha scritto:Mi sembra una replica di Facezie e Sarò Brè, sinceramente.
Hai ragione!
Moreno ha dichiarato che il volume è composto al 50% dagli aforismi già pubblicati in "facezie" e "sarò brè" e 50% da nuovi aforismi.


FORUM ZAGOR TE NAY - Home | Facebook

claudio57
claudio57
PROFETA DI ZTN
PROFETA DI ZTN

Messaggi : 5679
Data d'iscrizione : 25.06.15
Località : broni PV

Torna in alto Andare in basso

Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Empty Re: Moreno Burattini - parte seconda

Messaggio Da claudio57 il Sab 31 Ott 2020, 12:48

A DOMANDA… MORENO RISPONDE (23)


Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 IMG_9999_35%2B%2528Copy%2529



Cari amici zagoriani, ecco a voi

come promesso

la ventitreesima puntata della rubrica

“A domanda… Moreno risponde”!


Un grande grazie a Moreno Burattini

per la sua disponibilità!

 
Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Mister%2BRope


1 – Gentile Moreno, se è tornato Hays dopo essere stato nello spazio, pur grazie a un’astronave aliena, quante probabilità ci sono di rivedere Mister Rope che è finito nello spazio in un modo diverso? E della roccia Zero Gravity ne sentiremo ancora parlare?

Di primo acchito mi verrebbe da dire che mister Rope non ha potuto contare sulla protezione di un’astronave con dentro dell’aria respirabile, e che dunque sia morto molto presto o asfissiato o congelato negli strati più alti dell’atmosfera. Tuttavia, nei fumetti tutto è possibile. Della roccia Zero Gravity invece si potrebbe ancora sentir parlare, in effetti.
Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Zag0266


2 – Caro Moreno, hai in mente di far tornare l’equipaggio della Rosebud in un’altra avventura futura? E di far tornare Zagor fra i Predatori della Valle del Diavolo della storia omonima?

All’equipaggio della Rosebud sono molto legato, per la caratterizzazione che mi sono sforzato di dare ai vari componenti, per cui conto di farlo ritornare o spero che qualche altro sceneggiatore me lo chieda in prestito. Nella Valle del Diavolo si potrebbe tornare, perché no? Vedo bene una storia scritta da Mignacco, in questo caso. Luigi, se ci sei batti un colpo.
Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Mx_zag_06


3 – La Loggia della Corona è apparsa per ben due volte nelle storie di Zagor. Un proverbio afferma che “Non c’è due senza tre ed il resto vien da sé”. Quindi è in programmazione il ritorno di questo gruppo di nemici dello Spirito con la Scure?

Se la domanda è questa, e cioè se un ritorno della Loggia della Corona sia in programmazione, la risposta è: per ora, e purtroppo, no. Se invece mi si chiede se mi piacerebbe far tornare i nostalgici dell’ancien régime, la risposta è: assolutamente sì. Sarebbe bello farlo riportando in America anche Tocqueville, in un viaggio segreto. Serve solo una buona idea.
Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Zag0415


4 – Caro Moreno, intendo scriverti a proposito da una mia personale curiosità. Prendendo in considerazione il periodo della Seconda Odissea Americana, ovvero dalla storia “L’esploratore scomparso” a “La fattoria assediata” prima del completo ritorno a Darkwood, vorrei sapere se qualche storia in esso compresa sia stata anticipata o posticipata a causa di velocizzazione/ritardi nella sceneggiatura o dei disegni? Se sì, di quali storie si tratta? Ringraziandoti per la tua sicura, futura, cortese risposta, ti auguro un buon proseguimento.

Non ero il curatore della serie, in quel periodo (stiamo parlando del 1994, 1995 e 1996: c’era ancora Mauro Boselli a fare da editor), per cui non posso sapere se ci furono dei problemi, a Milano, con storie di cui io, che lavoravo alle mie sceneggiature stando in Toscana, non conoscevo i retroscena. Tuttavia con Mauro mi sentivo al telefono quasi tutti i giorni, e una volta ogni due mesi salivo in redazione. Non ricordo nulla di particolare. Rammento invece molto bene che ci fu la posticipazione di una mia storia, quella intitolata “Fuga per la libertà”, disegnata da Michele Pepe e pubblicata postuma nel febbraio e nel marzo del 2000, dopo che Michele era scomparso tre anni prima. “Fuga per la libertà” avrebbe dovuto essere inserita nella Seconda Odissea Americana subito dopo “La nave negriera” (aprile 1996), in considerazione del fatto che a quel punto del viaggio lo Spirito con la Scure si trovava negli Stati del Sud e quindi poteva vivere un paio di avventure legate allo schiavismo. Invece, Sergio Bonelli (o forse Decio Canzio) decise che due storie consecutive con degli schiavi in fuga non si potevano pubblicare (a ragion veduta, oggi farei lo stesso). Così la storia di Pepe venne messa da parte in attesa che l’eroe di Darkwood facesse di nuovo ritorno, nel corso dei suoi spostamenti, in Georgia o in Alabama. Il che avvenne, quattro anni dopo, in seguito alla trasferta in territorio Comanche dei numeri 411-414.
Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 IMG_2135%2Bquater


5 – Ha mai pensato di utilizzare il Signor Baltorr, per quanto riguarda le fattezze fisiche e, ovviamente, il volto, come protagonista o comprimario (ma meglio protagonista) di un’avventura di Zagor?

Sinceramente no. Ma adesso che lo dici…

Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Repzagor130_g


6 – Caro Moreno, ho sentito parlare del ritorno di Brezza di Luna al termine della nuova miniserie (ti scrivo prima della sua fine) ma ti vorrei chiedere se fossi intenzionato a riprendere in mano un’altra indiana, Occhi di Cielo, con marito e pargoletto?

Mi piacciono molto i personaggi femminili, e anche questa è una buona idea.
Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Al_zag2010


7 – Hai mai pensato di far tornare Deveau, alias Piccolo Orso, della storia “Nessuna pietà per Coleman” pubblicata all’interno dell’Almanacco dell’Avventura 2010? Inoltre cosa ne pensi di raccontare, o far raccontare, il seguito con la scoperta del nascondiglio della cassaforte trafugata?

Ahimè, credo che proprio tutto ciò che è stato lasciato in sospeso non possa essere recuperato, così come non qualunque personaggio di una qualunque storia del passato avrà la fortuna (o la sfortuna, se poi magari gli succede qualcosa di brutto) di venire riportato alla ribalta.
Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Zag0289


8 – Hai mai pensato di utilizzare nuovamente il mostro dai mille volti de “La Collina Sacra”?

Sento già le proteste della curva dei nudi e puri del western: “Buuh! Basta mostri!”. In realtà, se dessi ascolto a questi ultras, si leverebbero i cori della curva dei simpatizzanti dei mostri. Scherzi a parte, “La collina sacra” la ricordo come una gran bella storia. Non ho mai pensato di far tornare la creatura dai mille volti, ma si potrebbe fare, magari scegliendo un volto diverso.
Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Tawar2


9 – Hai mai pensato ad un seguito della storia riguardante la morte di Tawar?

In parte è già stato fatto da Luigi Mignacco, ne “La prigione sul lago”, allorché si accenna al sommergibile che già era servito ai criminali che, nella storia di Toninelli, avevano ucciso lo stregone dei Tunican. Criminali facenti parte di una organizzazione descritta come ramificata e pericolosa, e che magari, certo, potrebbe tornare sulla scena.
Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Za-te-nay


10 – Da dove potresti partire per scrivere un soggetto riguardante lo Za-Te-Nay visto in Martin Mystere, con possibile Team-Up, comprendente o non comprendente Altrove?

È chiaro (“chiaro” però, mi rendo conto, è una parola grossa visto il garbuglio) che Za-Te-Nay non è Zagor ma un eroe di un’altra realtà alternativa, o mondo parallelo. Partirei da qui.
Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Sp_zag0016


11 – Quando, e se, potremo rivedere Pierpaolo Pelò sceneggiare Zagor?

Quando il simpatico (davvero) Pierpaolo presenterà un soggetto a prova di bomba e troveremo un disegnatore libero da affidargli.
Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Zag0104


12 – Hai in mente di far ritornare i due fratelli de “Il buono e il cattivo"?

No, prima della domanda. Sì, dopo la domanda.
Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Zag0382


13 – Gentile Moreno, sperando di non disturbare, ti voglio parlare di un mio ricordo. Mi è rimasto impresso il personaggio di un capo indiano, ormai ex, della tribù degli Oneida e che di nome fa Kauebi. Rimembro che fosse volenteroso nel fare una guerra contro i bianchi, venendo però rimpiazzato da un capo più saggio e che è per la pace con i bianchi. L’odio nei confronti dello Spirito con la Scure era evidente. Si sono perse le tracce di questa figura durante la serie. Sai darmi spiegazioni sul fatto che non sia stato preso in considerazione per un ritorno? Non è stato reputato abbastanza interessante? Cosa ne pensi di lui e di una sua vendetta?
 
Nessun disturbo, però confesso di ricordare a malapena chi sia Kauebi (mi viene in mente la storia con l’Uomo Dipinto, spero di non sbagliare). Questo significa che si tratta, con ogni probabilità, di un avversario decisamente minore nell’ambito della saga zagoriana, così ricca di nemici memorabili. Di pellerossa che covano propositi di vendetta nei confronti dello Spirito con la Scure ce ne sono parecchi, in giro. Direi che Kauebi debba aspettare il suo turno, e l’attesa potrebbe essere anche senza esito. A meno che proprio un ritorno dell’Uomo Dipinto non lo richiami in causa: per adesso non è previsto. 
 

Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Tex%2Be%2Bzagor
 
14 – Dicembre 2021. L’atteso incontro fra Zagor e Tex si farà. Hai scritto soggetto e sceneggiatura insieme a Boselli? Sarete voi gli sceneggiatori? Chi lo disegnerà?

Boselli, qualunque cosa abbia fatto, l’ha fatta tutta da solo.
Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Stella%2Bdel%2Bmattino


15 – Riusciremo a rivedere Stella Del Mattino?

Speriamo. “L’ultima freccia” aveva, secondo me, un bel finale. E Torricelli aveva disegnato quella fiera squaw in modo perfetto.
Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 028


16 – Caro Moreno, che ne pensi di un Color dedicato ai saltimbanchi Sullivan?

Penso che lo faremo.
Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Zag0622


17 – Avremo la possibilità di leggere la storia dell’incrocio fra Zagor, i Servi di Cromm e Betty Wilding? Senza snaturare la storia di Kandrax...

Terrò il più possibile separati i Servi di Cromm e Kandrax. Così come non vorrei legare Betty Wilding a niente di magico.
Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Azim%2Bsceicco


18 – Hai in mente di far tornare lo Sceicco Azim?

Purtroppo, visti i tempi e la suscettibilità di taluni, mi pare meglio non scatenare vespai.
Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Zagor_classic09


19 – Caro Moreno, sono un lettore di Zagor che ha iniziato da Gennaio di quest’anno, seppur conoscessi di nome la testata da anni. Tutti gli albi che ho letto e recuperato su consiglio mi sono piaciuti molto, e dal mese di luglio ho cominciato a prendere anche la Classic Zagor con l’inizio della prima storia con Hellingen. Volevo chiederle se la collana Classic terminerà con l’ultimo episodio della pubblicazione a strisce di Zagor, o se andrà avanti. Inoltre volevo chiederle se si ha l’intenzione di farla restare mensile, come io spero, o quindicinale. Grazie in anticipo della risposta e buon lavoro.

Zagor Classic continuerà finché ci saranno sufficienti lettori a sostenerla. Da questo punto di vista, l’inizio dell’entusiasmante ciclo nolittiano (dalla prima storia di Hellingen, in pratica, Nolitta ha felicemente imperversato fino a quella con gli Akkroniani) può far sperare che i lettori che abbiano li manterremo. Se poi chi legge spargesse in giro la voce, o facesse risuonare il tam tam, chissà che non si possa crescere. Circa la periodicità, in redazione sostengono che troppe uscite sarebbero un carico economico troppo pesante per quei lettori che volessero seguire tutto.
Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Dott.%2Bknox


20 – Caro Moreno, hai in mente di far tornare in scena il Detective Jason White de “Il Dottor Knox” in una storia cittadina nuovamente dalle parti di New York?

Io, il ritorno di Jason White,  non ce l’ho in mente. Però Mirko Perniola, che sceneggiò “Il dottor Knox”, potrebbe farci un pensierino.  Viceversa ho in mente un ritorno a New York.
[size]

FORUM ZAGOR TE NAY - Home | Facebook

[/size]
claudio57
claudio57
PROFETA DI ZTN
PROFETA DI ZTN

Messaggi : 5679
Data d'iscrizione : 25.06.15
Località : broni PV

Torna in alto Andare in basso

Moreno Burattini - parte seconda - Pagina 9 Empty Re: Moreno Burattini - parte seconda

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 9 di 11 Precedente  1, 2, 3 ... 8, 9, 10, 11  Seguente

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.