La strada di ferro (n.82/83)

+7
Smash
wakopa
Fabri73
Kramer76
Andrea67
Marco65
Admin
11 partecipanti

Andare in basso

La strada di ferro (n.82/83) Empty La strada di ferro (n.82/83)

Messaggio Da Admin Sab 10 Gen 2015, 15:41

La strada di ferro (n.82/83) H9a1ITrQR90KdFRVUD3XeLhQvz5I9AyJtpAVZYAX-- La strada di ferro (n.82/83) Ysq5wLTukyA6N+ePCpQ9MG--

Soggetto e sceneggiatura: Guido Nolitta
Disegni: Franco Donatelli
Copertina: Gallieno Ferri

L'ingegner Robson sta costruendo un'altra linea ferroviaria: ma gli indiani Kickapus si rivelano una autentica spina nel fianco. Attaccano il treno sul quale sta viaggiando con Zagor e Cico, diretti verso Rolling Town, un misero agglomerato di baracche abitate da operai.
Il treno diventa un mattatoio, e sembra proprio che i nostri a Rolling Town non ci giungeranno mai...
I Kickapus sono ora guidati da un giovane e irrequieto guerriero, Atkor. Questi attacca i visi pallidi per ricevere viveri e coperte (che il governo americano, contravvenendo ai patti, non manda più loro) da parte di un inquietante individuo nascosto dietro una maschera bianca. Quali sono i piani del misterioso personaggio?


Ultima modifica di Admin il Sab 28 Mag 2016, 04:00 - modificato 1 volta.
Admin
Admin
Amministratore
Amministratore

Messaggi : 3443
Data d'iscrizione : 01.01.14

https://zagortenay.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

La strada di ferro (n.82/83) Empty Re: La strada di ferro (n.82/83)

Messaggio Da Admin Sab 10 Gen 2015, 15:42

Admin
Admin
Amministratore
Amministratore

Messaggi : 3443
Data d'iscrizione : 01.01.14

https://zagortenay.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

La strada di ferro (n.82/83) Empty Re: La strada di ferro (n.82/83)

Messaggio Da Marco65 Mer 11 Feb 2015, 23:04

Questa storia pur non essendo certo tra le migliori di Nolitta possiede il suo fascino discreto.A cominciare dalla bella copertina con Zagor sulla locomotiva per proseguire subito con il curioso inizio del racconto che vede due uomini nel buio(Zagor e Cico) camminare appaiati senza accorgersi(nemmeno i lettori)di farlo a fianco di una ferrovia.Magari l'amico ingegnere e il nemico maschera bianca non hanno la personalità spiccata di altri comprimari dello spirito con la scure ma fanno decorosamente la loro parte.E' il primo Zagor che mio cugino provo' a farmi leggere,il mese successivo sarebbe iniziata la Golden Age e non a caso la mia passione per questo fumetto. VOTO 7
Marco65
Marco65
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 2563
Data d'iscrizione : 20.01.15
Località : Genova

Torna in alto Andare in basso

La strada di ferro (n.82/83) Empty Re: La strada di ferro (n.82/83)

Messaggio Da Andrea67 Gio 12 Feb 2015, 08:56

Siamo alla vigilia della golden age e lo siamo perchè questa storia non è al livello delle successive, altrimenti la golden age inizierebbe prima.
Dopo questa ovvia premessa, ci tengo a sottolineare che grazie alla CSAC sto rivalutando alcune storie del periodo Nolittiano che - in b/n ed in tempi passati - non avevo gradito molto, pur considerandole sempre sulla sufficienza.
Oltre a questa, ci metto Il fiore che uccide, Molok, Lo strano Mister Smith, tutte storie non brutte ma che non avevo riletto tanto spesso come altre più famose.
Ebbene, nell'avventura in esame ho trovato parecchi lati positivi: innanzitutto un Cico superlativo, in più occasioni, in una delle quali, addirittura, esce vincitore, ed é un caso più unico che raro.
Poi, si continua ad ammirare uno Zagor carismatico agli occhi degli indiani, persino di questa tribù non troppo conosciuta e neanche tanto ricorrente nella saga. E questa è una caratteristica che fa sempre piacere ad uno zagoriano.
Poi abbiamo la giusta dose di azione ed un giallo con tentativo di sviare il lettore.
Insomma una storia gustosa e piacevole da leggere.

Voto alla storia: 6,8
Voto ai disegni: 8,5

_________________________________________________
Hernan Cortes
Andrea67
Andrea67
PROFETA DI ZTN
PROFETA DI ZTN

Messaggi : 5000
Data d'iscrizione : 20.01.15
Località : Catanzaro

Torna in alto Andare in basso

La strada di ferro (n.82/83) Empty Re: La strada di ferro (n.82/83)

Messaggio Da Kramer76 Sab 11 Apr 2015, 13:13

La strada di ferro (n.82/83) LqJ9fIS

la strada di ferro
numeri 82 e 83, testi nolitta, disegni donatelli
esattamente come nella storia precedente, il primo albo è il migliore, veramente notevole, c'è un pò di tutto
grandi gag cichiane (il sandwich sul 36), l'attacco dei kickapus al treno, il treno che ritorna pieno di cadaveri, la guerriglia nei boschi
il secondo albo è meno interessante, quasi crepuscolare, quasi toninelliano (lupo solitario, i trafficanti, la riserva indiana)
strepitosa la prima copertina con la firma "ferri gallieno" sulla locomotiva

voto 8


Ultima modifica di Kramer76 il Ven 08 Gen 2021, 18:51 - modificato 12 volte.
Kramer76
Kramer76
Vincitore Champions league/Europa league/Supercoppa/Europeo
Vincitore Champions league/Europa league/Supercoppa/Europeo

Messaggi : 5968
Data d'iscrizione : 19.01.15

Torna in alto Andare in basso

La strada di ferro (n.82/83) Empty Re: La strada di ferro (n.82/83)

Messaggio Da Ospite Sab 11 Apr 2015, 21:58

Storia abbastanza ingenua che non mi ha mai preso, anzi la scena in cui Cico, col suo comportamento fantozziano, mette a repentaglio la vita di zagor, mi ha addirittura irritato. 
La considero una delle avventure nolittiane meno riuscite.

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

La strada di ferro (n.82/83) Empty Re: La strada di ferro (n.82/83)

Messaggio Da Fabri73 Dom 12 Apr 2015, 19:50

storia molto convenzionale, ma è un classico.
Donatelli in gran forma, e Ferri con ottime copertine.
una stranezza che fu fatta è l'essersi dimenticato di scrivere
"Fine" nell'ultima tavola, ma anche l'ambiguità del titolo
"La Maschera Bianca" , che in costolina
è scritto senza l'articolo. (parlo dell'albo Zenith).

_________________________________________________
ARSÈNE LUPIN, LADRO GENTILUOMO

FABRIZIO
Fabri73
Fabri73
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 4739
Data d'iscrizione : 21.01.15
Località : Quartu S. Elena (CA)

Torna in alto Andare in basso

La strada di ferro (n.82/83) Empty Re: La strada di ferro (n.82/83)

Messaggio Da Ospite Mer 15 Apr 2015, 19:26

Una storia che non rileggo da molto tempo. Mi colpì all'epoca per la splendida copertina di Ferri, e per i disegni di un Donatelli che comunque dava una versione valida di Zagor. Veramente una carogna, l'uomo che doveva consegnare la merce ai pellerossa, e invece gliela consegnava solo se ubbidivano ai suoi malvagi piani.
Cico ne combina di tutti i colori... prima si stende tra le rotaie del treno, poi riesce a vincere alla roulette facendosi pagare in sandwich, e infine si fa scoprire dal nemico credendo di riuscire a muoversi a occhi chiusi. Tuttavia non reputo queste sue gag molto divertenti... neanche Nolitta poteva essere sempre brillantissimo.

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

La strada di ferro (n.82/83) Empty Re: La strada di ferro (n.82/83)

Messaggio Da Ospite Gio 17 Set 2015, 16:34

Piacevole storia con un Cico divertentissimo, ricordo la gag della roulette con la vincita fatta a sandwich stella2 oppure all'inizio quando la locomotiva lo stava travolgendo perchè lui si era addormentato sui binari stella2 o lo scambio di battute con Zagor quando quest'ultimo si chiede chi può avercela contro la ferrovia, Cico gli risponde i produttori di scarpe... stella2
Storia comunque che non è niente di eccezionale e anche il misterioso maschera bianca viene liquidato con un colpo di freccia.
Belli i disegni di Donatelli.
voto storia: 7
voto disegni: 8.5

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

La strada di ferro (n.82/83) Empty Re: La strada di ferro (n.82/83)

Messaggio Da wakopa Ven 18 Set 2015, 10:00

Marco65 ha scritto:Magari l'amico ingegnere e il nemico maschera bianca non hanno la personalità spiccata di altri comprimari dello spirito con la scure ma fanno decorosamente la loro parte.
La strada di ferro (n.82/83) N2lb10
wakopa
wakopa
Vincitore COPPA ITALIA
Vincitore COPPA ITALIA

Messaggi : 7353
Data d'iscrizione : 20.01.15

Torna in alto Andare in basso

La strada di ferro (n.82/83) Empty Re: La strada di ferro (n.82/83)

Messaggio Da Smash Ven 18 Set 2015, 10:55

Magari tutti gli autori di adesso sapessero gestire Cico in maniera così sapiente come in questa storia!
Smash
Smash
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 4244
Data d'iscrizione : 21.01.15

Torna in alto Andare in basso

La strada di ferro (n.82/83) Empty Re: La strada di ferro (n.82/83)

Messaggio Da Tonka Dom 14 Feb 2016, 01:38

LA STRADA DI FERRO

Aprile 1972 …torna mio padre dal lavoro.
Non lo so ancora…ma tra le mani stringe qualcosa che mi legherà a lui  in un atto d’amore che si protrarrà per anni …anni... e anni…
E’ un film…uno di quei film che posso vedere solo raramente alla tv perché… dopo Carosello… si va a dormire.
E’ qui … è tra le mie mani… lo posso prendere …guardare ...poi …tornare indietro… soffermarmi su un’immagine …. fantasticare…e quindi riprendere il via… il tutto…ogni volta che voglio.

Che memorabile sensazione.

Sulla copertina  c’è  una grossa locomotiva…sta sbuffando …e l’enorme fumo nero che fuoriesce dal camino della sua caldaia non lascia dubbi sul fatto che sia lanciata in una corsa sfrenata.
L’attrito stridente delle sue ruote ferrose emana un fumo bianco che si mescola alla polvere sollevata dalla corsa e al vapore che scalpitante esce dalla caldaia …. sembra inarrestabile.
Un uomo… vestito con un costume alquanto originale… armato di un’insolita scure … sta affrontando l’impervia  impresa per raggiungere  l’apice della locomotiva.
E’ in piedi…in piena corsa …il suo busto inclinato in avanti si sottrae all’acre odore di ciò che resta di una brace incandescente in un atto che poderoso contrasta quel  muro d’aria impervio che la locomotiva sfonda e la sua figura impatta.
Nel suo volto c’è stampata la fermezza di chi sa che riuscirà nella sua impresa …di chi sa che nulla lo può fermare.
Resto a fissarlo per interminabili minuti…poi… ammaliato da quella figura che sembra dirmi “Sali che ci sono io”… mi fido… sfoglio la cover …e parto con lui per un’avventura …che prende il via per non fermarsi ancora.
Sembra  ieri … e sono passati 44 anni.

Sarà stato un caso … oppure quello fu un giorno fortunato…( lo dice anche Cico che si lascia ammirare in una delle rare volte in cui ne esce vincitore da un suo solito pasticcio)… perché credo che questa storia sia la storia ideale per poter iniziare la lettura dell’eroe di Darkwood.
Infatti l’avventura che vede un primo tempo in ascesa per poi calare nel finale  mi resta impressa per la grande capacità di Sergio  nel regalarmi … in 192 tavole …tutto quello che è indispensabile per conoscere quello che era ….dopo poche pagine …già diventato il mio eroe insieme all’inseparabile pancione messicano.
I due amici …uno l’opposto dell’altro…  si intrecciano armoniosamente insieme e il  comico …quasi farsesco …sa amalgamarsi meravigliosamente con la suspence e l’azione senza mai disturbarsi a vicenda … completandosi meravigliosamente attraverso quella mano sublime di cui mi sono innamorato…la mano di Guido Nolitta.


Cover:  
La strada di ferro  0123456
La maschera bianca 0123456

Storia
0123456

Disegni
0123456

_________________________________________________
JOEVITO NUCCIO: colui che disegna l'anima a Zagor
Tonka
Tonka
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 4182
Data d'iscrizione : 20.01.15

Torna in alto Andare in basso

La strada di ferro (n.82/83) Empty Re: La strada di ferro (n.82/83)

Messaggio Da Magico Vento Ven 05 Mar 2021, 20:36

Bella storia, anche se una delle storie meno riuscite del periodo (siamo alla vigilia della Golden Age, non dimentichiamolo).
Molto interessante il primo albo, con belle scene d'azione, tra cui la migliore è senz'altro quella del tragico attacco indiano al treno. Memorabile anche la scena dell'arrivo del treno pieno di morti al campo base. Ottimo l'utilizzo di Cico: divertentissima la scena in cui si addormenta sui binari e quella in cui vince 35 panini alla roulette. Intrigante il nemico con la maschera bianca, anche se, secondo me, avrebbe dovuto essere più presente e cattivo. Molto bella, comunque, la trama gialla, che tenta di sviare il lettore. Ottimo il colpo di scena sull'identità del volto celato dalla maschera e bello il finale.
I disegni di Donatelli sono nella sua discreta media. Bello il dinamismo delle sue tavole.
Spettacolari entrambe le copertine realizzate dal Maestro Ferri. 


Soggetto/Sceneggiatura: 7,6
Disegni: 7
Magico Vento
Magico Vento
MASTER IN ZAGOR
MASTER IN ZAGOR

Messaggi : 7376
Data d'iscrizione : 03.12.19
Località : Blizzard

Torna in alto Andare in basso

La strada di ferro (n.82/83) Empty Re: La strada di ferro (n.82/83)

Messaggio Da Magico Vento Ven 05 Mar 2021, 20:38

Fabri73 ha scritto:storia molto convenzionale, ma è un classico.
Donatelli in gran forma, e Ferri con ottime copertine.
una stranezza che fu fatta è l'essersi dimenticato di scrivere
"Fine" nell'ultima tavola, ma anche l'ambiguità del titolo
"La Maschera Bianca" , che in costolina
è scritto senza l'articolo. (parlo dell'albo Zenith).  
Mah, non penso sia una questione di "essersi dimenticato di". Anche alla fine della storia precedente non c'era la scritta "Fine", se è per questo.
Magico Vento
Magico Vento
MASTER IN ZAGOR
MASTER IN ZAGOR

Messaggi : 7376
Data d'iscrizione : 03.12.19
Località : Blizzard

Torna in alto Andare in basso

La strada di ferro (n.82/83) Empty Re: La strada di ferro (n.82/83)

Messaggio Da doctorZeta Sab 06 Mar 2021, 01:44

Anche all'inizio succedeva e io la consideravo una unica stora

_________________________________________________
SENZA ORSATO CHE JUVE SAREBBE?

E ti sta parlando un Bonelli-dipendente...
doctorZeta
doctorZeta
ZAGORIANO INDISPENSABILE
ZAGORIANO INDISPENSABILE

Messaggi : 23302
Data d'iscrizione : 08.06.16
Località : Torino

Torna in alto Andare in basso

La strada di ferro (n.82/83) Empty Re: La strada di ferro (n.82/83)

Messaggio Da Gianpy Sab 06 Mar 2021, 04:33

Tonka ha scritto:LA STRADA DI FERRO

Aprile 1972 …torna mio padre dal lavoro.
Non lo so ancora…ma tra le mani stringe qualcosa che mi legherà a lui  in un atto d’amore che si protrarrà per anni …anni... e anni…
E’ un film…uno di quei film che posso vedere solo raramente alla tv perché… dopo Carosello… si va a dormire.
E’ qui … è tra le mie mani… lo posso prendere …guardare ...poi …tornare indietro… soffermarmi su un’immagine …. fantasticare…e quindi riprendere il via… il tutto…ogni volta che voglio.

Che memorabile sensazione.

Sulla copertina  c’è  una grossa locomotiva…sta sbuffando …e l’enorme fumo nero che fuoriesce dal camino della sua caldaia non lascia dubbi sul fatto che sia lanciata in una corsa sfrenata.
L’attrito stridente delle sue ruote ferrose emana un fumo bianco che si mescola alla polvere sollevata dalla corsa e al vapore che scalpitante esce dalla caldaia …. sembra inarrestabile.
Un uomo… vestito con un costume alquanto originale… armato di un’insolita scure … sta affrontando l’impervia  impresa per raggiungere  l’apice della locomotiva.
E’ in piedi…in piena corsa …il suo busto inclinato in avanti si sottrae all’acre odore di ciò che resta di una brace incandescente in un atto che poderoso contrasta quel  muro d’aria impervio che la locomotiva sfonda e la sua figura impatta.
Nel suo volto c’è stampata la fermezza di chi sa che riuscirà nella sua impresa …di chi sa che nulla lo può fermare.
Resto a fissarlo per interminabili minuti…poi… ammaliato da quella figura che sembra dirmi “Sali che ci sono io”… mi fido… sfoglio la cover …e parto con lui per un’avventura …che prende il via per non fermarsi ancora.
Sembra  ieri … e sono passati 44 anni.

Sarà stato un caso … oppure quello fu un giorno fortunato…( lo dice anche Cico che si lascia ammirare in una delle rare volte in cui ne esce vincitore da un suo solito pasticcio)… perché credo che questa storia sia la storia ideale per poter iniziare la lettura dell’eroe di Darkwood.
Infatti l’avventura che vede un primo tempo in ascesa per poi calare nel finale  mi resta impressa per la grande capacità di Sergio  nel regalarmi … in 192 tavole …tutto quello che è indispensabile per conoscere quello che era ….dopo poche pagine …già diventato il mio eroe insieme all’inseparabile pancione messicano.
I due amici …uno l’opposto dell’altro…  si intrecciano armoniosamente insieme e il  comico …quasi farsesco …sa amalgamarsi meravigliosamente con la suspence e l’azione senza mai disturbarsi a vicenda … completandosi meravigliosamente attraverso quella mano sublime di cui mi sono innamorato…la mano di Guido Nolitta.


Cover:  
La strada di ferro  0123456
La maschera bianca 0123456

Storia
0123456

Disegni
0123456

Descrizione da bnividi che quoto totalmente.
Ebbi la stessa esperienza sensoriale leggendo l’albo, da bambino, e poi giocando, negli interminabili e assolati pomeriggi estivi, lungo la piccola ferrovia del mio paese.
Tra l’altro, c’erano ancora i treni a vapore lungo quella tratta periferica e c’era un solo binario su cui passavano pochi treni con carro postale e vagoni con sedili di legno (come quelli del racconto di Zagor).
Lungo i binari calcinati dal sole il silenzio era rotto solo dal frinire di grilli mentre si effondeva, dalle traversine in legno, l’odore acremente aromatico di olio e carbone di cui erano impregnate.
E stavamo li, ad aspettare che il treno passasse, annunciato dal lontano tintinnio di un passaggio a livello.
Ed io immaginavo Zagor, sulla locomotiva sbuffante, e la realtà di confondeva con la fantasia.

Gianpy
New Entry
New Entry

Messaggi : 93
Data d'iscrizione : 16.09.19

Torna in alto Andare in basso

La strada di ferro (n.82/83) Empty Re: La strada di ferro (n.82/83)

Messaggio Da Magico Vento Sab 06 Mar 2021, 06:33

doctorZeta ha scritto:Anche all'inizio succedeva e io la consideravo una unica stora
Sì infatti
Magico Vento
Magico Vento
MASTER IN ZAGOR
MASTER IN ZAGOR

Messaggi : 7376
Data d'iscrizione : 03.12.19
Località : Blizzard

Torna in alto Andare in basso

La strada di ferro (n.82/83) Empty Re: La strada di ferro (n.82/83)

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.