Il genio del crimine (n.251/252/253)

Andare in basso

Il genio del crimine (n.251/252/253) Empty Il genio del crimine (n.251/252/253)

Messaggio Da Admin il Sab 17 Gen 2015 - 11:37

Il genio del crimine (n.251/252/253) XzkQGS3Qv1ylwQBGUuWByk9UXBeAxkvcubaOqdJvGlblwtp-- Il genio del crimine (n.251/252/253) Sd9NgfZXQLrWvfpvfBD9QQP5QV7vkxPsaImx9z--

Soggetto e sceneggiatura: Daniele Nicolai
Disegni: Franco Donatelli
Copertina: Gallieno Ferri

Robert Gray è un ex ufficiale dell’esercito esperto in chimica, che Zagor incontra a Walcott. Ma il sergente Bronsky ha organizzato, con alcuni complici, il furto delle paghe dei soldati di Fort Brandon. Zagor e Gray si mettono sulle tracce dei rapinatori, che Gray elimina in modo spietato, grazie a sofisticate armi di sua invenzione, dimostrandosi più pericoloso e letale degli stessi criminali. C’è da fidarsi di lui?
Robert Gray getta la maschera! Allontanato dall'esercito dopo aver perso le mani (usa delle protesi al loro posto), vuole vendicarsi dei militari. Grazie a una serie di incidenti da lui provocati, causa la morte di alcuni ufficiali e diventa signore di una tribù di Mohawk. Dice di essere un inviato di Manito: Mani d'Acciaio!
Admin
Admin
Amministratore
Amministratore

Messaggi : 3440
Data d'iscrizione : 01.01.14

http://zagortenay.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

Il genio del crimine (n.251/252/253) Empty Re: Il genio del crimine (n.251/252/253)

Messaggio Da Admin il Sab 17 Gen 2015 - 11:38

Admin
Admin
Amministratore
Amministratore

Messaggi : 3440
Data d'iscrizione : 01.01.14

http://zagortenay.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

Il genio del crimine (n.251/252/253) Empty Re: Il genio del crimine (n.251/252/253)

Messaggio Da Kramer76 il Ven 20 Feb 2015 - 21:01

Il genio del crimine (n.251/252/253) 2jdkyhd

il genio del crimine
nel primo albo ci sono tre botte in testa vergognose. zagor se la vede brutta, nel corso della storia. ecco perchè il finale, oltre che bello, è anche uno snodo simbolico degli anni ottanta. burattini, nel prologo di sangue mohawk, si è voluto mettere di traverso alla legge non scritta che può fare di un daniele nicolai, giorgio casanova, stefano marzorati, un autore stracult. le spiegazioni non servono. nicolai ha potuto collaborare con ferri (il marchio dell'infamia è il primo albo che ho acquistato) e poi ha scritto questa storia castelliana, con un nemico quasi ai livelli nolittiani, potente, elegante e macabro. macabri anche i catafalchi e le "barchette" della gag finale.

voto 8


Ultima modifica di Kramer76 il Gio 14 Mar 2019 - 14:31, modificato 6 volte
Kramer76
Kramer76
Vincitore EUROPA LEAGUE/SUPERCOPPA
Vincitore  EUROPA LEAGUE/SUPERCOPPA

Messaggi : 3859
Data d'iscrizione : 19.01.15

Torna in alto Andare in basso

Il genio del crimine (n.251/252/253) Empty Re: Il genio del crimine (n.251/252/253)

Messaggio Da Andrea67 il Sab 28 Feb 2015 - 8:27

Al terzo ed ultimo tentativo Nicolai fa centro costruendo una storia incentrata su un villain di prim’ordine, tanto da venire riesumato da Burattini, così come avrebbe fatto con lo Skull di Toninelli.
L'Autore sorprende tutti con questa piacevolissima storia nella quale Zagor viene messo in grosse difficoltà dall'indimenticato alchimista.
I topoi della saga ci sono tutti, dai banditi ai soldati, agli indiani, per finire all’affascinante protagonista in negativo della vicenda.
Zagor è caratterizzato stile Nolitta, arrabbiato al punto giusto quando c’è da esserlo, mentre Cico si fa valere forse un po’ troppo rispetto ai canoni tradizionali.
Finale, però, poco accettato dagli Zagoriani doc (dei quali sono fiero di far parte) che avrebbero preferito che il loro eroe vincesse il duello senza far ricorso alle armi.
Ne esce, comunque, un’ottima storia che sicuramente spicca su altre di quel periodo.
Donatelli migliore rispetto alle sue ultime non convincenti prove.

Voto alla storia: 7,6
Voto ai disegni: 8


Ultima modifica di Andrea67 il Sab 29 Dic 2018 - 18:27, modificato 2 volte

_________________________________________________
Hernan Cortes
Andrea67
Andrea67
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 4541
Data d'iscrizione : 20.01.15
Località : Catanzaro

Torna in alto Andare in basso

Il genio del crimine (n.251/252/253) Empty Re: Il genio del crimine (n.251/252/253)

Messaggio Da Ospite il Sab 22 Ago 2015 - 16:12

A parte il finale dove Zagor spara a Gray, questa è una bellissima storia!
Un grande personaggio Robert Gray! Devo dire eccezionali tutte le varie invenzioni che vengono adoperate da Gray nel corso della storia. Poi questa cinica astuzia nell'uccidere le persone, tra tutte quando uccide il tenente Johnson e sua moglie nella festa del forte! Oppure un altra scena "forte" nell'attentato che fa al colonello Hughes facendo esplodere il cannone!
Bella anche tutta la parte quando vengono coinvolti i Mohawks.
Nel finale avrei preferito un bel duello e invece si chiude tutto con quella scena con Zagor che spara a Gray...  pale
Altra nota negativa da segnalare a inizio storia ben 3 botte in testa a Zagor in pieno stile toninelliano! scratch
Ottimi i disegni di Donatelli!
voto storia: 8
voto disegni: 8

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Il genio del crimine (n.251/252/253) Empty Re: Il genio del crimine (n.251/252/253)

Messaggio Da wakopa il Dom 23 Ago 2015 - 11:17

Il genio del crimine (n.251/252/253) 1387292445600
wakopa
wakopa
Vincitore COPPA ITALIA
Vincitore COPPA ITALIA

Messaggi : 6154
Data d'iscrizione : 20.01.15

Torna in alto Andare in basso

Il genio del crimine (n.251/252/253) Empty Re: Il genio del crimine (n.251/252/253)

Messaggio Da Marco65 il Ven 18 Set 2015 - 17:46

Tipica storia costruita sul fascino e la personalità del nemico, davvero uno dei villan più riusciti non solo del periodo ma dell'intera saga. L'avventura però è tutta qui e non è priva di qualche difetto : che Zagor arrivi ad un passo dalla sconfitta è un bene, ma impugnando la pistola quando questo avviene non ci fa una bella figura ne con i lettori ne con gli indiani di Mano Ferma (altra tribù Mohawk aggiunta...)
La caratterizzazione di Robert Gray è però così convincente ( anche per merito di Donatelli nella parte grafica) nello stile nelle conoscenze chimiche e nel desiderio di rivalsa dai torti subiti in passato che il racconto viene giustamente ricordato come uno dei più rappresentativi dell' epoca.
VOTO 7+
Marco65
Marco65
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 2563
Data d'iscrizione : 20.01.15
Località : Genova

Torna in alto Andare in basso

Il genio del crimine (n.251/252/253) Empty Re: Il genio del crimine (n.251/252/253)

Messaggio Da Tessitore2 il Mer 28 Ott 2015 - 21:25

Storia carina, con un nemico azzeccatissimo che dà parecchio filo da torcere a Zagor.
Lo spirito con la scure perde un pochino le staffe quando spara a Robert Gray, ma non penso sia il caso di stracciarsi le vesti.
Mi è piaciuto invece l'intuito che lo spirito con la scure dimostra in questa vicenda: nonostante Gray all'inizio cerchi in tutti i modi di accreditarsi come un amico, Zagor non ci mette nulla per capire che c'è qualcosa che non va e comportarsi di conseguenza.
Ottimi anche i disegni di Donatelli.

Tessitore2
New Entry
New Entry

Messaggi : 1
Data d'iscrizione : 27.10.15

Torna in alto Andare in basso

Il genio del crimine (n.251/252/253) Empty Re: Il genio del crimine (n.251/252/253)

Messaggio Da Walter Dorian il Mar 3 Mag 2016 - 13:14

La potenzialità fondamentale di questa storia sta tutta nella figura diabolica, enigmatica e affascinante dell'antagonista. Nicolai a dipanare piano piano il mistero dimostra una certa dimestichezza, infatti la personalità, il passato e i veri intenti di Gray vengono rivelati man mano che la matassa si sbroglia.Exclamation
Un Gray che inizialmente non si sa da che parte stia nonostante riveli le sue armi formidabili, la cosa spiazza, affascina e desta un notevole interesse. Poi piano piano si rivela finché non esplode l'odio di Zagor su di lui, Zagor che sembra anche soffrirlo visto che si esaspera molto.
La storia ha dei sussulti proprio quando Gray rivela la sua vendetta verso i suoi ex colleghi: molto suggestiva e spietata la scena quando comunica alla moglie dell'ufficiale che era stata avvelenata. Azzeccata anche la scena quando carbonizza i soldati nel bosco.
Qualche ingenuità c'è, ad es. gli indiani che solo per il fatto che Gray gli avesse promesso di trovare la cura per l'epidemia e lo eleggono come loro protettore, fa degli indiani gente troppo credulona, l'ho trovata un'esagerazione. flower
Ottimamente gestito Cico, Exclamation macchiettistico ma sempre presente nella vicenda e protagonista di belle battute.
Il tanto discusso finale un po' ha lasciato interdetto anche me. A me lo Zagor talvolta spietato piace, però qui si dimostra opportunista che è diverso. Se non avesse estratto la pistola, Zagor avrebbe perso il confronto fisico con Gray, anche se poi questo era dotato di protesi e trucchi geniali.


Storia: 8
Disegni: 9,5

_________________________________________________
PRENOTAZIONI ZAGORIANITA' N.12 - LA RIVISTA
Il genio del crimine (n.251/252/253) 2gtvj8z
Walter Dorian
Walter Dorian
campione Febbre a 90
campione Febbre a 90

Messaggi : 11529
Data d'iscrizione : 03.01.14

Torna in alto Andare in basso

Il genio del crimine (n.251/252/253) Empty Re: Il genio del crimine (n.251/252/253)

Messaggio Da Preacher il Mer 4 Mag 2016 - 0:39

Buona storia, a parte un finale dove la cosa più brutta di quel finale è stata vedere Zagor addirittura quasi divertito a corrergli dietro a sparargli. flower

_________________________________________________
"Non c'è cosa più deprimente dell'appartenere a una moltitudine nello spazio.
Né più esaltante dell'appartenere a una moltitudine nel tempo."Nicolás Gómez Dávila
Preacher
Preacher
PROFETA DI ZTN
PROFETA DI ZTN

Messaggi : 5264
Data d'iscrizione : 19.01.15
Località : Vasto(CH)

Torna in alto Andare in basso

Il genio del crimine (n.251/252/253) Empty Re: Il genio del crimine (n.251/252/253)

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum