Oltre il fiume (596/597)

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Oltre il fiume (596/597)

Messaggio Da jsteele88 il Ven 16 Gen 2015 - 11:06



Soggetto e sceneggiatura: Claudio Nizzi
Disegni: José Ortiz
Copertine: Claudio Villa

Lo stregone Ukasi convince Cane Giallo, un tempo capo degli Utes, a riprendere il comando della tribù e ad attaccare i Navajos, con l'intento di impadronirsi dei loro giacimenti d'oro. I quattro pards non hanno intenzione di assistere inermi al saccheggio e rispondono all'attacco di Cane Giallo e i suoi uomini. Ma gli Utes sono più agguerriti che mai e persino Tex viene sorpreso dalla loro furia!

Il topic nel vecchio forum: http://ramath.forumup.it/viewtopic.php?t=8419&highlight=&mforum=ramath
avatar
jsteele88
ZTN BABY
ZTN BABY

Messaggi : 281
Data d'iscrizione : 15.01.15

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Oltre il fiume (596/597)

Messaggio Da Andrea67 il Dom 25 Gen 2015 - 18:40

Io sono uno tra quelli che ha sempre difeso Nizzi e che considera molte storie di questo autore, ritenute pessime dalla maggior parte dei forumisti, quantomeno sufficienti ed abbastanza scorrevoli....ma qui non me la sento più di prendere le sue difese.
A mio parere questa storia é assolutamente insufficiente, e non soltanto per la prima parte assolutamente ridicola, ma anche per il comportamento di Tex che, purtroppo, non é più lui (e spero che non ci siano lettori novizi per questi albi).
Quando dice a Tiger "ricorda che ci sono in giro mio figlio e Carson" e quello gli risponde "ma sono da tutt'altra parte" e Tex ribatte "hai ragione, é meglio non fare affidamento su di loro" ! Ma come, non li ha mandati lui??? Non sapeva dove fossero??? Glielo doveva ricordare Tiger??????Questa solo per dirne una che, forse, non era stata ancora sottolineata.
Voto alla storia: 4
Voto ai disegni: 6,5
E penso che si sia guadagnata la palma di peggiore storia di Tex.

_________________________________________________
Hernan Cortes
avatar
Andrea67
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 3917
Data d'iscrizione : 20.01.15
Località : Catanzaro

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Oltre il fiume (596/597)

Messaggio Da kit carson il Dom 25 Gen 2015 - 22:02

OLTRE IL FIUME
Per commentare questa storia vorrei prendere in prestito una frase da una canzone di Nek : è una noia bestiale.

Fortunatamente non posso dire di avere buttato via euro 2,70 per l’acquisto di tale albo, in quanto lo utilizzerò come combustibile per il caminetto durante il freddo periodo invernale.
Suggerimento spassionato a chi non possiede un caminetto : non comprate “oltre il fiume”, non sapreste proprio che farvene.

Storiella insipida e senza mordente, che racchiude tutte le solite baggianate sceneggiative a cui il Sommo ci ha abituati da alcuni anni a questa parte.
Partiamo da quella macchietta di stregone di Ukasi : mai visto un personaggio così astruso, strampalato e senza senso come questo, che uccide le persone con un grido, ma dai!!!!!!. Ma dove è stato trovato??? Il nostro Sommo deve essere un vero amante della pura fantascienza, da cui ha pescato a piene mani, peccato che abbia scelto tra la letteratura dei bambini, dimenticandosi che Tex è per la maggior parte letto da persone adulte e pensanti.

Poi, come di consueto, sono presenti le ripetizioni di ciò di cui è stato abbondantemente disquisito poche pagine prima : questo mi irrita molto e rende la sceneggiatura molto pesante e poco fluida. E’ il tipico stratagemma di chi ha poche idee e, con queste ridondanti spiegazioni, cerca di arrivare alla fatidica pagina 114.

Astuto piano di Tordo della Notte che va alla ricerca di Cane Giallo :
1) Decide di separare le forze: perché questa mossa dato che sa quasi per certo dell’ubicazione delle prigioniere????
2) All’alba si faranno dei segnali con gli specchi luminosi per accordarci sul luogo dell’incontro (essendo super astuto, Tordo decide di utilizzare un codice segreto). Però suo figlio, Piccolo Piccione, che è un furbone di sette cotte, si rende conto che forse il piano dell’astuto genitore presenta un punto debole, infatti palesa l’idea che gli Utes, vedendo da dove partono i segnali, li ubicheranno facilmente (ma chi l’avrebbe mai detto??? Alta suspence sceneggiativa). Però Tordo dà riprova della sua notevole arguzia e risponde : è un rischio che non possiamo evitare, una volta riuniti troveremo una grotta in cui nasconderci.
Ma qui siamo di fronte alla pura follia sceneggiativa : che senso ha dividersi per poi riunirsi, sapendo quasi per certo l’ubicazione delle prigioniere, e segnalando così la loro presenza in territorio nemico??? Non era logico e razionale che i 4 pards proseguissero uniti cercando di evitare gli Utes? Questa sequenza è un insulto all’intelletto dei lettori.

Altra scena di alta qualità sceneggiativa : Tordo della Notte e Tordello Jack sono su uno spuntone roccioso circondati dai temibilissimi e ferocissimi Utes. Tordello si getta nel fiume sottostante per andare a cercare aiuto, mentre successivamente Tordo cade nelle mani dei nemici. Cane Giallo chiede a Tordo che fine ha fatto Tordello Jack e questi gli risponde che è morto. Non era logico che Cane Giallo facesse fare un’ispezione accurata del fiume? Anche se vi è corrente un cadavere si trova!!!! Ed invece ecco l’incredibile ed inaspettato colpo di scena, Cane Giallo non fa nessun controllo!!!!! Mirabolante trovata, ma che genio di sceneggiatore!!!!! Infatti il colpo di scena è scoprire che Cane Giallo è ancora più stupido di Tordo!!!!! A questo punto gli applausi al Sommo non possono proprio mancare.

Inoltre, come al solito, non manca chi spiattelli, per filo e per segno, ai fortunelli Piccolo Piccione e Capelli Bianchi tutto il bandolo della matassa (indiano a pag. 107). Ma ogni tanto un po’ d’indagine no eh?????
Voto sceneggiatura : 4, in quanto potrò utilizzare questo volume nel mio caminetto, altrimenti la valutazione scenderebbe.
avatar
kit carson
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 3495
Data d'iscrizione : 24.01.15
Località : Lucca

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Oltre il fiume (596/597)

Messaggio Da kit carson il Dom 25 Gen 2015 - 22:04

IL PONTE DI ROCCIA
Che noia, che ammasso di banalità, trama insulsa e senza mordente, che suscita solamente grandi sbadigli, dialoghi estremamente sciocchi e piatti. Sulle scene in cui fanno i segnali di fumo ed i segnali con gli specchi evito di esprimere il mio dissenso, in quanto penso che anche le mie nipotine di 3 e 5 anni le troverebbero assurde : ma è mai possibile che i pards debbano essere rappresentati come persone così stupide che ragionano in maniera così contorta ed illogica?
Per mettermi ad elencare tutto ciò che non mi ha deluso non basterebbero le pagine dell’enciclopedia Treccani, quindi non intendo tediarvi con i miei commenti.

Volevo comunque fare notare l’assurdità dello stregone Ukasi, che avrebbe dovuto avere la pretesa di essere una figura carismatica, invece si rivela essere una macchietta, una specie di pagliaccio che viene liquidato in un paio di vignette. Per poi non parlate di quella buffonata della pistola nascosta nel teschio: di fumetti ne ho letti molti, ma un espediente così stupido non l’avevo ancora incontrato. Tra l’altro, invece di stendere un velo pietoso sul fatto, viene addirittura spiegato due volte : a pag 92 e successivamente a pag. 110.

Voto sulla mirabolante sceneggiatura dell’intera opera : 3,5.
avatar
kit carson
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 3495
Data d'iscrizione : 24.01.15
Località : Lucca

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Oltre il fiume (596/597)

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum