Il segno del coraggio (n.148/149/150)

Andare in basso

Il segno del coraggio (n.148/149/150)

Messaggio Da Admin il Gio 15 Gen 2015 - 15:24




Soggetto e sceneggiatura: Guido Nolitta
Disegni: Giancarlo Tenenti - Gallieno Ferri
Copertina: Gallieno Ferri

I soldati guidati da Walter Maddenbrook sono pesantemente sconfitti dagli Shawnee che, per giunta, riescono a impossessarsi della bandiera del reggimento. Il sergente Morris accusa Walter di viltà, per essersi rifiutato di riprendere il vessillo. Il giovane viene così messo agli arresti. Ma Zagor non pensa che Walter sia un codardo e nottetempo lo fa fuggire di prigione. Insieme, i due andranno a recuperare la bandiera…
Si chiama Red Warrior. È il capo dei ribelli Shawnee e crede esclusivamente nel suo fucile, non negli dèi. E neppure nel potente Spirito con la Scure, che ha (apparentemente?) ucciso... Privo dell'aiuto di Zagor, Walter Maddenbrook si trova a combattere da solo contro una banda di ferocissimi indiani!

_________________________________________________
il nuovo forum di ZTN http://zagortenay.forumattivo.it

ZTN pagina facebook


ZAGOR TV pagina facebook


Sleep
avatar
Admin
Amministratore
Amministratore

Messaggi : 3437
Data d'iscrizione : 01.01.14

Visualizza il profilo http://zagortenay.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

Re: Il segno del coraggio (n.148/149/150)

Messaggio Da Admin il Gio 15 Gen 2015 - 15:25


_________________________________________________
il nuovo forum di ZTN http://zagortenay.forumattivo.it

ZTN pagina facebook


ZAGOR TV pagina facebook


Sleep
avatar
Admin
Amministratore
Amministratore

Messaggi : 3437
Data d'iscrizione : 01.01.14

Visualizza il profilo http://zagortenay.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

Re: Il segno del coraggio (n.148/149/150)

Messaggio Da Kramer76 il Mar 17 Feb 2015 - 10:20



la prova del fuoco
storia con indiani ma non sulla questione indiana: occorreva per questa storia una banda di "picciotti" (in l'uomo che sconfisse la morte utilizzeranno gli stessi metodi gomorristici, nei confronti di zagor e degli altri indiani) e un "guerriero rosso" in guerra contro gli uomini e contro dio, un buon numero di pecoroni, insomma, da immolare all'iniziazione del giovane lettore "appena uscito da west point". come al solito manda ai pazzi ferri, che una storia western la trasforma in dark: l'odissea deAMicis si svolge di notte, come fosse una "fuitina", come in un romanzo di formazione di stephen king in cui patrick wilding ricopre il ruolo che fu di wandering fitzy. quasi uno zagor special antelitteram.

voto 10


Ultima modifica di Kramer76 il Dom 23 Set 2018 - 19:56, modificato 5 volte
avatar
Kramer76
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 3012
Data d'iscrizione : 19.01.15

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Il segno del coraggio (n.148/149/150)

Messaggio Da Andrea67 il Lun 23 Feb 2015 - 13:59

Altro capolavoro di Nolitta che, per fortuna, in quel periodo intervallava altre storie, non sue, un po' meno riuscite.
Qua gli ingredienti ci sono tutti, compreso un grande avversario - almeno nell'immaginario dei lettori: infatti, seppur comparso per poche pagine (ed in una cover), ha lasciato un ricordo indelebile, tanto da spingere Burattini a rispolverarlo nell'ultimo Zagorone - ed il duello finale con quest'ultimo.
Da ricordare, inoltre, il divertentissimo salto ai barili di Zagor.

Voto alla storia: 9,4
Voto ai disegni: 9,5

_________________________________________________
Hernan Cortes
avatar
Andrea67
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 4309
Data d'iscrizione : 20.01.15
Località : Catanzaro

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Il segno del coraggio (n.148/149/150)

Messaggio Da Marco65 il Sab 28 Mar 2015 - 14:56

Una bella storia,magari non eccelsa perché con dei momenti di stanca e qualche lungaggine di troppo,ma che ha il suo punto di forza nell'antimilitarismo che l'autore esprime per bocca di Walter Maddenbrook.Si contesta la cieca obbedienza senza riflessione ma soprattutto la negazione della libertà di poter scegliere la propria strada senza prima dover passare per una divisa militare.Sergio Bonelli e' inoltre attento nel cogliere la tipica mentalità giovanile di contestare alcuni valori dei padri(all'epoca in particolare).Ho letto che nel rapporto di Walter con suo padre c'e' persino qualcosa di quello di Sergio con suo padre Gianluigi.
Red Warrior(guerriero rosso) e' forse l'indiano meno indiano che si sia mai visto,in pratica un bianco dalla pelle rossa e a differenza di tanti altri cattivi vittime del destino sara' proprio Zagor ad ucciderlo.
Da notare infine che con il salto effettuato ad inizio avventura,il nostro eroe sarebbe diventato campione olimpico.
VOTO 7/8
avatar
Marco65
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 2448
Data d'iscrizione : 20.01.15
Località : Genova

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Il segno del coraggio (n.148/149/150)

Messaggio Da toro seduto il Dom 16 Ott 2016 - 15:07

bellissima storia per me ...ma del resto con Nolitta e Ferri si va sempre sul sicuro ...storia incentrata sul giovane tenente in carriera sofferente al vecchio padre colonnello Mandenbrook al quale prospetta una carriera che il figlio ( antimilatarista) non vuole avere .. Zagor naturalmente appoggiera' la scelta del giovane e sara' anche aiutato dall' ufficiale nella difficile missione per il recupero dello stendardo militare perso per parte di indiani ribelli ....disegni capolavoro di Ferri , aiutato se non sbaglio da Tenenti nelle prime 30 pag. Memorabile per me la scena di Zagor che distrugge il fucile di Red Warrior citando che nessuna arma puo' uccidere lo spirito con la scure Exclamation ...stupenda la cover di guerriero rosso per me una delle piu' belle di sempre .... il mio voto e' un 9 pieno no-ta
avatar
toro seduto
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 3847
Data d'iscrizione : 20.01.15
Località : parma

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Il segno del coraggio (n.148/149/150)

Messaggio Da doctorZeta il Lun 17 Ott 2016 - 2:30

Una vera e propria storia western, ovviamente dalla parte degli indiani (Nolitta parla attraverso il guerriero rosso e Zagor in difesa degli indiani) con una magistrale scena di Cico che reagisce alla grande a una offesa. Unica, per me, nota stonata: Walter che decide di dimettersi, vede il padre deluso e le ritira... Maddaiii! Vero che se non le avesse ritirate non ci sarebbe stata questa storia, però, rileggendola poco tempo fa, mi è sembrata una forzatura, particolare che non ho colto molti anni fa, alla mia prima lettura della storia

_________________________________________________
E ti sta parlando un Bonelli-dipendente...
avatar
doctorZeta
MASTER IN ZAGOR
MASTER IN ZAGOR

Messaggi : 7537
Data d'iscrizione : 08.06.16
Località : Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Il segno del coraggio (n.148/149/150)

Messaggio Da Smash il Lun 17 Ott 2016 - 10:09

Per le tematiche trattate è l'anello di congiunzione tra lo Zagor antimilitarista delle prime storie e il periodo più fulgido della golden age che si protrae oltre anche per queste storia

un nemico indimenticabile che è l'estrema conseguenza dell'odio dei pellerossa verso il nemico, un rapporto generazionale padre-figlio complicato messo ottimamente in luce, e il riscatto finale con tante scene dark sparse nella storia come quella del massacro

Capolavoro
avatar
Smash
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 2545
Data d'iscrizione : 21.01.15

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Il segno del coraggio (n.148/149/150)

Messaggio Da Preacher il Lun 17 Ott 2016 - 23:01

@toro seduto ha scritto:disegni capolavoro di Ferri , aiutato se non sbaglio da Tenenti nelle prime 30 pag.

Inchiostrazione di Tenenti che IMHO non ha tolto nulla a disegni magnifici. Exclamation

_________________________________________________
"Non c'è cosa più deprimente dell'appartenere a una moltitudine nello spazio.
Né più esaltante dell'appartenere a una moltitudine nel tempo."Nicolás Gómez Dávila
avatar
Preacher
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 4310
Data d'iscrizione : 19.01.15
Località : Vasto(CH)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Il segno del coraggio (n.148/149/150)

Messaggio Da toro seduto il Mar 18 Ott 2016 - 10:05

@Preacher ha scritto:
@toro seduto ha scritto:disegni capolavoro di Ferri , aiutato se non sbaglio da Tenenti nelle prime 30 pag.

Inchiostrazione di Tenenti che IMHO non ha tolto nulla a disegni magnifici. Exclamation
..Infatti.. no-ta
avatar
toro seduto
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 3847
Data d'iscrizione : 20.01.15
Località : parma

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Il segno del coraggio (n.148/149/150)

Messaggio Da wakopa il Mar 18 Ott 2016 - 10:27

@doctorZeta ha scritto: Unica, per me, nota stonata: Walter che decide di dimettersi, vede il padre deluso e le ritira...


Very Happy

avatar
wakopa
PROFETA DI ZTN
PROFETA DI ZTN

Messaggi : 5349
Data d'iscrizione : 20.01.15

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Il segno del coraggio (n.148/149/150)

Messaggio Da Capitan Kidd il Dom 23 Set 2018 - 18:59

Collocata nel periodo meno brillante di Nolitta, eppure è una storia dove la filosofia e lo Zagor nolittiano vengono fuori come tante altre.
Sembra la critica da parte di Sergio verso chi vuole che i suoi discendenti seguano per forza una strada che gli viene imposta, con qualche spruzzata di antimilitarismo insito in Nolitta.

PRO

1) L'interessante contrapposizione padre-figlio, con il primo che vuole indirizzarlo alla carriera militare e il secondo che fa capire che non era vita per lui come dimostrerà poi nel prosieguo della vicenda. Ottimamente caratterizzato il padre e tutti i momenti della rottura con il figlio Walter.



2) Davvero bello il momento di rottura, inaspettato colpo di scena con Zagor che libera Maddenbrook.  Exclamation
   Molto belli i dialoghi e i vari momenti di riflessione tra il Nostro e il giovane militare, con uno Zagor che sembra quasi un fratello maggiore per Maddenbrook.

3)Da annotare lo Zagor iracondo che dà un pugno a Walter perché questi aveva tentennato a intervenire nello scontro con gli indiani. Nolitta con poche vignette e con questi scatti d'ira ci metteva poco a dipingere e mostrare la filosofia del Nostro.



4)Bellissima la figura di Red Warrior. Nolitta costruisce un personaggio messianico, perfido, nichilista. Un indiano che dichiara di non credere neanche in Manito, ma solo nel suo fucile, è raro vederne. Un personaggio che rappresenta il punto apicale dell'odio dei rossi verso i colonizzatori bianchi.

5)Splendida e adrenalinica tutta la parte finale della prova e la sfida con Red Warrior. La tortura di quest'ultimo a Walter è una bella perla.



CONTRO

Nessuno.

DISEGNI

Ferri seppur aiutato in alcuni frangenti da Tenenti dà il meglio di sé nelle scene al buio, molto evocative.

STORIA: 10
DISEGNI: 9,5


Ultima modifica di Capitan Kidd il Lun 24 Set 2018 - 20:38, modificato 1 volta

_________________________________________________
Undici uomini sulla cassa del morto, e una bottiglia di rhum!
avatar
Capitan Kidd
Novellino del forum
Novellino del forum

Messaggi : 195
Data d'iscrizione : 05.09.16

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Il segno del coraggio (n.148/149/150)

Messaggio Da wakopa il Lun 24 Set 2018 - 10:46

@Capitan Kidd ha scritto:


Bellissima la figura di Red Warrior. Nolitta costruisce un personaggio messianico, perfido, nichilista.

il meritato successo del secondo zagorone deve molto a questa figura no-ta
avatar
wakopa
PROFETA DI ZTN
PROFETA DI ZTN

Messaggi : 5349
Data d'iscrizione : 20.01.15

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Il segno del coraggio (n.148/149/150)

Messaggio Da toro seduto il Lun 24 Set 2018 - 11:07

@wakopa ha scritto:
@Capitan Kidd ha scritto:


Bellissima la figura di Red Warrior. Nolitta costruisce un personaggio messianico, perfido, nichilista.

il meritato successo del secondo zagorone deve molto a questa figura no-ta
...certo che SI !! no-ta
avatar
toro seduto
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 3847
Data d'iscrizione : 20.01.15
Località : parma

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Il segno del coraggio (n.148/149/150)

Messaggio Da Capitan Kidd il Lun 24 Set 2018 - 21:00

@wakopa ha scritto:
@Capitan Kidd ha scritto:


Bellissima la figura di Red Warrior. Nolitta costruisce un personaggio messianico, perfido, nichilista.

il meritato successo del secondo zagorone deve molto a questa figura no-ta

Assolutamente sì, Wakopa. no-ta

_________________________________________________
Undici uomini sulla cassa del morto, e una bottiglia di rhum!
avatar
Capitan Kidd
Novellino del forum
Novellino del forum

Messaggi : 195
Data d'iscrizione : 05.09.16

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Il segno del coraggio (n.148/149/150)

Messaggio Da francesco67 il Mar 2 Ott 2018 - 22:02

Una storia che riveste un significato particolare per me, infatti, quando venne pubblicata, nell'autunno del 1977, fu il mio primo albo di Zagor da collezionista della saga. Ovviamente avevo già altri albi, ma si trattava di numeri che acquistavo sporadicamente perchè, fino all'estate del 1977, ero esclusivamente un collezionista di Tex. Con quest'albo, invece, iniziò ufficialmente la mia carriera di zagoriano professionista.. Non la leggo oramai da anni, quindi, non la ricordo più nei minimi dettagli, tuttavia ricordo che all'epoca mi entusiasmò parecchio, specie la figura del villain, Red Warrior, tenebroso ed affascinante al punto giusto. Bella anche la figura del giovane Maddenbrock, con il suo genuino spirito borghese ed anti militarista (ricordo che mi fece sorridere l'idea che volesse mettere sù una fabbrica di tessuti, nonostante fosse appena uscito da West Point..!). Che dire? Una storia amio parere tra le più belle, meritevole di essere inserite tra quelle cult della golden age. Voto: tra l'8 ed il 9.

francesco67
New Entry
New Entry

Messaggi : 16
Data d'iscrizione : 02.10.18

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Il segno del coraggio (n.148/149/150)

Messaggio Da wakopa il Mer 3 Ott 2018 - 10:30

@francesco67 ha scritto:Una storia che riveste un significato particolare per me, infatti, quando venne pubblicata, nell'autunno del 1977, fu il mio primo albo di Zagor da collezionista della saga.

ci tieni alle date eh ? Very Happy

Bravo no-ta
avatar
wakopa
PROFETA DI ZTN
PROFETA DI ZTN

Messaggi : 5349
Data d'iscrizione : 20.01.15

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Il segno del coraggio (n.148/149/150)

Messaggio Da francesco67 il Mer 3 Ott 2018 - 12:29

Si, grazie... no-ta infatti, non caso, una mia passione è la Storia in generale...

francesco67
New Entry
New Entry

Messaggi : 16
Data d'iscrizione : 02.10.18

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Il segno del coraggio (n.148/149/150)

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum