Il ponte dell'arcobaleno (n.400)

Andare in basso

Il ponte dell'arcobaleno (n.400)

Messaggio Da Admin il Lun 12 Gen 2015 - 19:00



Soggetto e sceneggiatura: Mauro Boselli
Disegni e copertina: Gallieno Ferri

Alba dei tempi. Athaska , un valoroso guerriero che non ha mai accettato l’esistenza della Morte, ha osato sfidare Manito scagliando la sua lancia oltre l’abisso e generando così il Ponte sull’Arcobaleno, che conduce nel Regno dei Morti. Ponte che Zagor dovrà attraversare, per scoprire la verità su suo padre (era veramente un massacratore di indiani?), e per salvare Darkwood!

_________________________________________________
il nuovo forum di ZTN http://zagortenay.forumattivo.it

ZTN pagina facebook


ZAGOR TV pagina facebook


Sleep
avatar
Admin
Amministratore
Amministratore

Messaggi : 3426
Data d'iscrizione : 01.01.14

Visualizza il profilo dell'utente http://zagortenay.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il ponte dell'arcobaleno (n.400)

Messaggio Da Admin il Lun 12 Gen 2015 - 19:06


_________________________________________________
il nuovo forum di ZTN http://zagortenay.forumattivo.it

ZTN pagina facebook


ZAGOR TV pagina facebook


Sleep
avatar
Admin
Amministratore
Amministratore

Messaggi : 3426
Data d'iscrizione : 01.01.14

Visualizza il profilo dell'utente http://zagortenay.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il ponte dell'arcobaleno (n.400)

Messaggio Da strepa il Mar 27 Gen 2015 - 10:03

Quando lessi “Il ponte dell'arcobaleno” nel 1998 non mi piacque particolarmente e, per questo, lo infilai tra gli altri albi di Zagor e non lo guardai più.
In occasione della ristampa della CSAC, l'ho riletto: mi rendo conto che 16 anni fa non avevo capito nulla.
L'albo, in realtà, è un ottimo esempio di come potrebbe essere un albo celebrativo.
E' il seguito di “Zagor racconta” che riprende da dove era arrivato Nolitta: l'ultima vignetta di quella memorabile storia ci mostra Zagor che guarda fuori dalla finestra della capanna e informa Cico che ha smesso di piovere e che c'è l'arcobaleno.
In tutte le culture l'arcobaleno è un simbolo di contatto tra due mondi diversi, di riappacificazione di serenità.
Alla fine di Zagor racconta, lo Spirito con la Scure non ha ancora trovato la pace: l'avere narrato a Cico il suo tragico passato è solo il primo passo verso la catarsi, è la presa di coscienza di avere un problema, non la sua soluzione.
E il problema di Zagor è il tradimento del padre, che non era l'essere meraviglioso che credeva che fosse, ma un assassino spietato che lo aveva ingannato, spingendolo, suo malgrado, ad una vendetta sanguinosa e cruenta quanto ingiusta.
Il rimorso aveva spinto il giovane Pat Wilding a trasformarsi nello Spirito con la Scure: in definitiva, a muovere Zagor non era un senso di giustizia, ma solo la volontà di riparare al male compiuto. Di tutto questo Zagor incolpa il padre, al punto nasconde che l'unica immagine di lui e della madre che possiede: è un genitore di cui vergognarsi, non di cui andare fiero.
Ne “Il ponte dell'arcobaleno” Zagor deve fare i conti con i suo passato: i tre fratelli Kinski (tre come le Moire, le divinità greche che soprintendono al destino dell'uomo) vogliono riannodare i fili della giustizia che l'inerzia delle autorità hanno lasciato in sospeso quando non hanno perseguito il colpevole dell'uccisione di Salomon.
Per farlo colpiscono Zagor in ciò che è per lui più importante: la sua missione, l'affetto del popolo rosso che costituiscono la sua redenzione. Di fronte a tutti i capi smascherano il suo inganno e tutti, tranne Molti Occhi e Tonka, gli voltano le spalle.
E' la fine del mondo di Zagor, la fine dell'illusione di avere posto rimedio al male fatto.
Per rimettere tutto a posto lo Spirito con la Scure deve prima di tutto fare chiarezza in se stesso e per farlo deve parlare con suo padre, capire e perdonare; ma il padre è morto, non c'è più.
Come gli eroi del mito, come Dante che si è smarrito, per ritrovarsi Zagor deve recarsi nel Regno dei Morti. Per raggiungerlo deve quasi morire e attraversare l'arcobaleno, ponte tra i due mondi.
Nelle praterie di Manito, finalmente Zagor incontra suo padre: in un drammatico colloquio apprende che è tutto vero, che il genitore ha veramente compiuto quel terribile eccidio. Ma apprende anche che dopo quel fatto il vecchio arrivista e crudele capitano Wilding è morto ed ha lasciato il posto al tenero marito e padre che lui conosceva. Il passato non si può cancellare, ma gli uomini possono cambiare: è questo il messaggio di redenzione, di speranza, che in fondo in fondo Zagor ha sempre portato nel suo animo. Allora lo Spirito con la scure può perdonare il padre e riappacificarsi con il suo passato.
Mentre la sua anima è nell'Aldilà, i Kinski catturano gli amici fedeli e li incatenano.
Convinti che Zagor sia morto lo legano ad un palo e lo mettono al rogo. Proprio in quel momento Zagor ritorna in sé e, come l'araba fenice, balza fuori dalle fiamme vivo ed incolume, purificato dal fuoco. Da solo affronta i nemici, ma benché si batta come una furia da solo non potrebbe vincere. In suo soccorso arrivano i fantasmi del passato, ora non più suoi nemici ma suoi alleati, non più suoi tallone d'Achille ma suo punto di forza.
Sconfitti i Kinski, gli indiani lo riaccolgono come inviato di Manito, testimoni del suo ritorno dalla Morte e di nuovo fiduciosi nella sua giustizia.
E Zagor, in realtà, è un uomo nuovo: a muoverlo ora non c'è nessun rimorso, ma solo un motivo più alto: il desiderio di un Giustizia imparziale.
Non serve neppure che si sappia perché Zagor sia il paladino della giustizia, l'importante è che compia la sua missione.
Riappacificato con il padre, Zagor appende nella sua capanna il ritratto che nascondeva per la vergogna.
Sbaglierebbe chi cercasse in quest'albo l'azione, il ritmo incalzante: questa è la storia di un'anima, della sua redenzione, è una storia di perdono e di crescita umana.
E' la consacrazione di un mito.
Se la storia non è un capolavoro assoluto è solo perché qualche passaggio appare un po' forzato ed incongruente (i Kinski adoratori del male, le allucinazioni collettive).

Al servizio di tutto questo gli splendidi disegni di Ferri.

Voto alla storia: 9
Voto ai disegni: 9

_________________________________________________
Andrea

Per aspera ad astra
avatar
strepa
DIPLOMATO IN ZAGOROLOGIA
DIPLOMATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 1661
Data d'iscrizione : 19.01.15
Località : Tavernerio (CO)

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il ponte dell'arcobaleno (n.400)

Messaggio Da wakopa il Mar 27 Gen 2015 - 10:27

@strepa ha scritto:

Sconfitti i Kinski, gli indiani lo riaccolgono come inviato di Manito


il punto e' proprio questo ^^77ò
da "Incubi",passando per il ponte dell'arcobaleno e "Darkwood anno zero",zagor e' diventato davvero l'inviato di Manito non per finta zzzz
il tema della predestinazione divina ha finito col prevalere su quello squisitamente umano(che delizia per esempio erano i siparietti con Molti occhi che conosceva i veri segreti dello spirito con la scure stella2 )
non e' un caso che zagor sia diventato sempre piu' un eroe meccanico incapace di emozionare benvenuto
avatar
wakopa
campione Febbre 90 Mondiale Brasile 2014
campione Febbre 90 Mondiale Brasile 2014

Messaggi : 4738
Data d'iscrizione : 20.01.15

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il ponte dell'arcobaleno (n.400)

Messaggio Da Marco65 il Sab 7 Feb 2015 - 23:23

@strepa ha scritto:Quando lessi “Il ponte dell'arcobaleno” nel 1998 non mi piacque particolarmente e, per questo, lo infilai tra gli altri albi di Zagor e non lo guardai più.
In occasione della ristampa della CSAC, l'ho riletto: mi rendo conto che 16 anni fa non avevo capito nulla.
L'albo, in realtà, è un ottimo esempio di come potrebbe essere un albo celebrativo.
E' il seguito di “Zagor racconta” che riprende da dove era arrivato Nolitta: l'ultima vignetta di quella memorabile storia ci mostra Zagor che guarda fuori dalla finestra della capanna e informa Cico che ha smesso di piovere e che c'è l'arcobaleno.
In tutte le culture l'arcobaleno è un simbolo di contatto tra due mondi diversi, di riappacificazione di serenità.
Alla fine di Zagor racconta, lo Spirito con la Scure non ha ancora trovato la pace: l'avere narrato a Cico il suo tragico passato è solo il primo passo verso la catarsi, è la presa di coscienza di avere un problema, non la sua soluzione.
E il problema di Zagor è il tradimento del padre, che non era l'essere meraviglioso che credeva che fosse, ma un assassino spietato che lo aveva ingannato, spingendolo, suo malgrado, ad una vendetta sanguinosa e cruenta quanto ingiusta.
Il rimorso aveva spinto il giovane Pat Wilding a trasformarsi nello Spirito con la Scure: in definitiva, a muovere Zagor non era un senso di giustizia, ma solo la volontà di riparare al male compiuto. Di tutto questo Zagor incolpa il padre, al punto nasconde che l'unica immagine di lui e della madre che possiede: è un genitore di cui vergognarsi, non di cui andare fiero.
Ne “Il ponte dell'arcobaleno” Zagor deve fare i conti con i suo passato: i tre fratelli Kinski (tre come le Moire, le divinità greche che soprintendono al destino dell'uomo) vogliono riannodare i fili della giustizia che l'inerzia delle autorità hanno lasciato in sospeso quando non hanno perseguito il colpevole dell'uccisione di Salomon.
Per farlo colpiscono Zagor in ciò che è per lui più importante: la sua missione, l'affetto del popolo rosso che costituiscono la sua redenzione. Di fronte a tutti i capi smascherano il suo inganno e tutti, tranne Molti Occhi e Tonka, gli voltano le spalle.
E' la fine del mondo di Zagor, la fine dell'illusione di avere posto rimedio al male fatto.
Per rimettere tutto a posto lo Spirito con la Scure deve prima di tutto fare chiarezza in se stesso e per farlo deve parlare con suo padre, capire e perdonare; ma il padre è morto, non c'è più.
Come gli eroi del mito, come Dante che si è smarrito,  per ritrovarsi Zagor deve recarsi nel Regno dei Morti. Per raggiungerlo deve quasi morire e attraversare l'arcobaleno, ponte tra i due mondi.
Nelle praterie di Manito, finalmente Zagor incontra suo padre: in un drammatico colloquio apprende che è tutto vero, che il genitore ha veramente compiuto quel terribile eccidio. Ma apprende anche che dopo quel fatto il vecchio arrivista e crudele capitano Wilding è morto ed ha lasciato il posto al tenero marito e padre che lui conosceva. Il passato non si può cancellare, ma gli uomini possono cambiare: è questo il messaggio di redenzione, di speranza, che in fondo in fondo Zagor ha sempre portato nel suo animo. Allora lo Spirito con la scure può perdonare il padre e riappacificarsi con il suo passato.
Mentre la sua anima è nell'Aldilà, i Kinski catturano gli amici fedeli e li incatenano.
Convinti che Zagor sia morto lo legano ad un palo e lo mettono al rogo. Proprio in quel momento Zagor ritorna in sé e, come l'araba fenice, balza fuori dalle fiamme vivo ed incolume, purificato dal fuoco. Da solo affronta i nemici, ma benché si batta come una furia da solo non potrebbe vincere. In suo soccorso arrivano i fantasmi del passato, ora non più suoi nemici ma suoi alleati, non più suoi tallone d'Achille ma suo punto di forza.
Sconfitti i Kinski, gli indiani lo riaccolgono come inviato di Manito, testimoni del suo ritorno dalla Morte e di nuovo fiduciosi nella sua giustizia.
E Zagor, in realtà, è un uomo nuovo: a muoverlo ora non c'è nessun rimorso, ma solo un motivo più alto:  il desiderio di un Giustizia imparziale.
Non serve neppure che si sappia perché Zagor sia il paladino della giustizia, l'importante è che compia la sua missione.
Riappacificato con il padre, Zagor appende nella sua capanna il ritratto che nascondeva per la vergogna.
Sbaglierebbe chi cercasse in quest'albo l'azione, il ritmo incalzante: questa è la storia di un'anima, della sua redenzione, è una storia di perdono e di crescita umana.
E' la consacrazione di un mito.
Se la storia non è un capolavoro assoluto è solo perché qualche passaggio appare un po' forzato ed incongruente (i Kinski adoratori del male, le allucinazioni collettive).

Al servizio di tutto questo gli splendidi disegni di Ferri.

Voto alla storia: 9
Voto ai disegni: 9
Straordinaria recensione condivido tutto voto compreso,infatti la storia sfiora il capolavoro e chi come te ne raggiunge l'essenza non può metterla in discussione Exclamation
avatar
Marco65
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 2305
Data d'iscrizione : 20.01.15
Località : Genova

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il ponte dell'arcobaleno (n.400)

Messaggio Da Marco65 il Dom 8 Feb 2015 - 0:43

Il miglior color di sempre e lo dico da affezionato fan di "Indian circus",per me anche la più bella avventura scritta da Boselli.L'autore riesce nel difficilissimo compito di rispolverare la storia di Zagor ,un autentico caposaldo della collana,chiudendo meravigliosamente il cerchio lasciato aperto da Nolitta e facendo respirare a pieni polmoni l'aria del suo predecessore.Non ribalta la triste realtà ma ne svela il meccanismo psicologico. L' incontro con personaggi chiave del passato dell'eroe nel suo viaggio nell'aldilà e' anche un omaggio a noi lettori di vecchia data.Una fantastica storia onirica,una favola leggendaria nell'universo del protagonista.Il tutto rappresentato da colori stupefacenti e da i soliti splendidi disegni del grande Ferri. Un solo difetto:la mancanza durante il raduno dei capi storici(Tonka a parte) delle tribu' indiane che sono invece rappresentate da nomi piuttosto anonimi.VOTO 9
avatar
Marco65
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 2305
Data d'iscrizione : 20.01.15
Località : Genova

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il ponte dell'arcobaleno (n.400)

Messaggio Da Andrea67 il Ven 13 Feb 2015 - 21:57

Quarto centenario della serie nel quale l’Autore aggiunge un altro tassello al passato di Zagor, mischiandolo questa volta col presente, condito di eventi soprannaturali che contribuiscono a renderlo celebrativo.
Si pesca ancora dalla mitologia greca e Zagor, dopo Ulisse, Ercole e Giasone (nell’ordine), ritorna a mettersi nei panni di Ulisse.
E così abbiamo l’ennesima sciamana ultracentenaria di sfolgorante bellezza, i fratelli di Salomon Kinsky, un nuovo capo indiano cattivo ed agguerrito e, soprattutto, tanti amici ritrovati, seppur per pochi istanti.
L’incontro tra padre e figlio è inizialmente poco buonista: forse ci si aspettava che il primo desse una spiegazione logica e scriminante al proprio passato comportamento, ma così non è, poiché vi è una cruda confessione che non lascia più adito a dubbi o speranze, ma che lascia comunque Zagor ottimista sul proprio futuro.
La parte finale, con le polveri allucinogene che generano mostri, è un po’ più debole e fa calare il gradimento su una storia che resta comunque discreta, grazie anche agli stupendi disegni del Maestro.

Voto alla storia: 7,2
Voto ai disegni: 9,5

_________________________________________________
Hernan Cortes
avatar
Andrea67
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 4093
Data d'iscrizione : 20.01.15
Località : Catanzaro

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il ponte dell'arcobaleno (n.400)

Messaggio Da Walter Dorian il Ven 8 Mag 2015 - 14:01



Ottima l'idea di riprendere un passato di quel caposaldo zagoriano di Zagor racconta e dargli un seguito, con annessa la vendetta dei Kinsky. Mi è piaciuto il dialogo tra Zagor e il padre dove traspare tutta l'umanità del nostro eroe, e anche un po' di dispiacere perché è evidente che dal padre si aspettava una risposta completamente diversa. Anche rivedere tutti quei suoi ex amici, anche se i dialoghi tra Zagor e questi mi sono sembrati un po' troppo deboli, non sono quei dialoghi coloriti di cui Boselli mi ha sempre abituato e di cui ne è capace. Surprised

Il finale troppo compresso e poco convincente: questi Kinsky come hanno fatto a spargere nell'aria di una miniregione intera come Darkwood quella polvere per far impazzire la popolazione ??? Shocked
Se a Zagor serviva altro fluido da far bere per fargli ritrovare la via giusta sull'arcobaleno e proprio mentre stava bevendo la brocca che conteneva quel liquido viene distrutta dai proiettili, come ha fatto a ritrovare la strada giusta ? Tra l'altro quando la ritrova si vede uno sfondo tutto fuoco come quello del demone Shayatan.

Unico passo falso di Boselli nel rinascimento.

Sempre ottimi i disegni di Ferri, non mi ha convinto solo qualche espressione come quando Zagor parlando davanti al consiglio degli indiani, lo fa con espressioni tipiche da persona troppo calma.


STORIA: 5,5
DISEGNI: 8,5

_________________________________________________
avatar
Walter Dorian
vincitore SUPERCOPPA Febbre 90
vincitore SUPERCOPPA Febbre 90

Messaggi : 8739
Data d'iscrizione : 03.01.14

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il ponte dell'arcobaleno (n.400)

Messaggio Da kit carson il Mar 12 Mag 2015 - 13:15

Non è certo un capolavoro, però è una buona storia, adatta ad un centenario. Infatti secondo me alcune storie centenarie, oltre al colore, dovrebbero cercare di dare ulteriori dettagli sulla vita dell'eroe, ed in questo caso boselli ci ha provato.
Quindi ho molto apprezzato l'incontro padre-figlio, così come ho ritenuto giusto e logico che non sia stata modificata e giustificata l'azione indegna compiuta dal padre. In caso contrario sarebbe stata stravolta la psiche del nostro eroe e ciò sarebbe stato illogico. Invece è bellissima la sequenza in cui zagor perdona il padre
avatar
kit carson
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 3502
Data d'iscrizione : 24.01.15
Località : Lucca

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il ponte dell'arcobaleno (n.400)

Messaggio Da Kramer76 il Mar 12 Mag 2015 - 13:23







avatar
Kramer76
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 2402
Data d'iscrizione : 19.01.15

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il ponte dell'arcobaleno (n.400)

Messaggio Da Salgor il Dom 24 Mag 2015 - 12:06

Discreto albo centenario. Molte scene le avrei evitate, appunto quella tipo con Mohican Jack, o il ritorno dei Kinski. Bella e toccante la scena dell'incontro col padre di Zagor...
In definitiva un soggetto evitabile.
Belli i disegni di Ferri.
voto storia: 6
voto disegni: 9

_________________________________________________
VINCITORE DI FEBBRE A 90 (2009-10)


ZTN pagina facebook : https://www.facebook.com/ZagortenayForumZTN/
ZAGOR TV pagina facebook : https://www.facebook.com/ZAGOR-TV-THE-ORIGINAL-ONE-198129876892120/
avatar
Salgor
photoreporter del forum
photoreporter del forum

Messaggi : 4672
Data d'iscrizione : 04.01.14

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il ponte dell'arcobaleno (n.400)

Messaggio Da gigi brivio il Lun 25 Mag 2015 - 10:48

@wakopa ha scritto:
@strepa ha scritto:

Sconfitti i Kinski, gli indiani lo riaccolgono come inviato di Manito


il punto e' proprio questo ^^77ò
da "Incubi",passando per il ponte dell'arcobaleno e "Darkwood anno zero",zagor e' diventato davvero l'inviato di Manito non per finta zzzz
il tema della predestinazione divina ha finito col prevalere su quello squisitamente umano(che delizia per esempio erano i siparietti con Molti occhi che conosceva i veri segreti dello spirito con la scure stella2 )
non e' un caso che zagor sia diventato sempre piu' un eroe meccanico incapace di emozionare benvenuto

Tutto vero...sono le esagerazioni solite di Boselli..
avatar
gigi brivio
PROFETA DI ZTN
PROFETA DI ZTN

Messaggi : 5091
Data d'iscrizione : 28.01.15
Località : Biassono

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il ponte dell'arcobaleno (n.400)

Messaggio Da Smash il Lun 25 Mag 2015 - 11:12

@Kramer76 ha scritto:

Neanche fosse un benefattore dell'umanità. ^^77ò
avatar
Smash
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 2212
Data d'iscrizione : 21.01.15

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il ponte dell'arcobaleno (n.400)

Messaggio Da Ospite il Lun 25 Mag 2015 - 18:43

Per me ci può stare che Zagor alla fine diventi realmente l'inviato di Manito, ma la storia di Sclavi probabilmente era "l'ultima storia di Zagor"... gli altri autori avrebbero dovuto tornare indietro, fare come nel n.100 di Dylan Dog, dove si diceva che quella storia andava posta alla fine della collezione.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Il ponte dell'arcobaleno (n.400)

Messaggio Da Kramer76 il Sab 28 Ott 2017 - 10:18



il ponte dell'arcobaleno
apparentemente fantasy ma il pomo della discordia o della "concordia", a seconda dei punti di vista, riguarda la colpa, il rimorso, il perdono, la vita dopo la morte e la famiglia, temi umani e universali comprensibilmente toccanti per coloro (quasi tutti i lettori) che hanno amato questo albo, intendiamoci, realizzato cromaticamente per lasciare il segno (anche troppo), cosa che non sempre si può dire per i centenari e i numeri a colori bonelli, un eden ricostruito dal buon cuore del protagonista in cui tutto si annulla (rileggete l'ultima frase di zagor in "finale di partita" prima di essere schiacciato dai cyborg) e c'è posto per tutti e l'inferno è solo per i demoni e i trafficanti, con l'approvazione di bonelli: in questo senso va il cameo di mohican jack.. a parte questo ultimo deprimente particolare, un albo forse non sbagliato, ma quanto necessario? zagor uomo o fumetto?

voto 5,5


Ultima modifica di Kramer76 il Dom 21 Gen 2018 - 13:27, modificato 2 volte
avatar
Kramer76
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 2402
Data d'iscrizione : 19.01.15

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il ponte dell'arcobaleno (n.400)

Messaggio Da capelli d'argento il Sab 28 Ott 2017 - 22:34

@Kramer76 ha scritto:

il ponte dell'arcobaleno

A parer mio, una delle tante "bosellate" ( per la verità meno "presenti" su Zagor rispetto a Tex ).
Nun se pò vedè.... Laughing Neutral
E non l' ho "dimenticata". Crying or Very sad old

_________________________________________________
“Il domani spera che noi si abbia imparato qualcosa dallo ieri.”
John Wayne
avatar
capelli d'argento
FORUMISTA GRINTOSO
FORUMISTA GRINTOSO

Messaggi : 586
Data d'iscrizione : 02.08.16
Località : canaveìs

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il ponte dell'arcobaleno (n.400)

Messaggio Da L'uomo lupo il Dom 29 Ott 2017 - 9:58

Storia troppo assurda , avrei evitato assolutamente .
avatar
L'uomo lupo
Oscar ZTN miglior forumista
Oscar ZTN miglior forumista

Messaggi : 618
Data d'iscrizione : 20.11.16

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il ponte dell'arcobaleno (n.400)

Messaggio Da Walter Dorian il Dom 29 Ott 2017 - 12:21

La normalizzazione e beatificazione di Mohican Jack fu una scelta folle, concordo.

_________________________________________________
avatar
Walter Dorian
vincitore SUPERCOPPA Febbre 90
vincitore SUPERCOPPA Febbre 90

Messaggi : 8739
Data d'iscrizione : 03.01.14

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il ponte dell'arcobaleno (n.400)

Messaggio Da RemovedQuasar il Dom 12 Nov 2017 - 9:35

A me l'albo piacque molto ma molto ma ammetto che non conoscevo il personaggio di Mohican Jack, se ha davvero fatto quanto scritto nelle vignette sopra....bè cacchio una beatificazione esagerata o__0
avatar
RemovedQuasar
Novellino del forum
Novellino del forum

Messaggi : 119
Data d'iscrizione : 03.07.15

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il ponte dell'arcobaleno (n.400)

Messaggio Da Liberty Secular Sam il Mer 7 Feb 2018 - 21:12

Per me è un capolavoro assoluto ! Ci sono diverse cosette che all'inizio non sembrano funzionare ( vedasi la visione collettiva ) e per le quali occorre una buona sospensione di incredulità, al di la del contesto spiritualista - teista - religioso che dir si voglia , però le pagine finali sono di una intensità unica e volano alto su tutto.
avatar
Liberty Secular Sam
Novellino del forum
Novellino del forum

Messaggi : 132
Data d'iscrizione : 28.01.15

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il ponte dell'arcobaleno (n.400)

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum