Aquila nera (Maxi n.34)

Pagina 6 di 6 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6

Andare in basso

Re: Aquila nera (Maxi n.34)

Messaggio Da Smash il Ven 12 Ott 2018 - 9:42

@Kramer76 ha scritto:
@RemovedQuasar ha scritto:Mister Steel! Sebbene sia comparso solo una volta è uno dei cattivi che mi sono rimasti più impressi! Uno dei miei preferiti, tra l'altro considero il Vagone Blindato ed i Rapinatori come una delle migliori storie di Zagor stile puro western! Avro riletto quella storia non so quante volte!

una storia semplice, diretta, efficace
da riscoprire, in effetti! Wink

Forse leggermente inferiore a I naufragatori e L''oro dei fratelli Ward, ma un western scorrevole e avvincente che non ritengo sia sottovalutato.
avatar
Smash
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 2545
Data d'iscrizione : 21.01.15

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Aquila nera (Maxi n.34)

Messaggio Da Wonder il Ven 12 Ott 2018 - 10:45

Ciao, ho finito di leggere l'albo solo ieri,
complessivamente trovo la storia gradevole, si legge bene, anche se è molto scontata l'unico vero colpo di scena è la ricomparsa di Don Lope nel finale,
è  poi sicuro che prima o poi tornerà fuori il nemico Goldberg,
la cosa che mi è piaciuto di meno è il ruolo di Rolando, dovendo essere una "specie" di Zorro la sua identità doveva essere conosciuta solo a poche persone invece ha praticamente un esercito che lo conosce infatti poi nella storia "scompare" per lasciare ovviamente posto a Zagor.
Mi è piaciuto invece la trama dei comprimari, prima il bandito in prigione Pepe Sanchez che sembra diventare un buono quasi simpatico e poi si rivela una gran canaglia, poi Rico che è proprio un idealista, vuole la rivoluzione a tutti i costi tanto da colpire alle spalle Zagor per cominciare la battaglia ma che sacrifica la propria vita per salvare Rolando.
Due osservazioni che mi sento di fare, è vero che nel fumetto i tempi hanno un "importanza" relativa ma tra l'acquisto dell'Alaska da parte degli Stati Uniti  e l'annessione della Repubblica della California sempre agli Stati Uniti passano diversi anni quindi mi viene da dire che la camminata che hanno fatto Zagor e Cico in questa trilogia di Maxi è "durata" veramente tanto
L'altra osservazione che faccio riguarda il Maxi del 2019 un serie di racconti brevi su come hanno fatto Zagor e Cico a tornare a Darkwood !!!???

Wonder
Novellino del forum
Novellino del forum

Messaggi : 198
Data d'iscrizione : 06.11.16

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Aquila nera (Maxi n.34)

Messaggio Da RemovedQuasar il Ven 12 Ott 2018 - 20:35

@Lapalette ha scritto:
Non voleva farsi annettere dagli USA, ma proclamare la California indipendente grazie all'appoggio dei ribelli e diventarne Presidente, lo dice anche in un passaggio coi suoi uomini. Wink

Uhm io pensavo che sarebbe diventato Presidente con l'appoggio degli USA e che poi sarebbe rimasto tipo il Governatore dopo l'annessione. E' un personaggio furbo, non credo gli convenisse mettersi contro gli Stati Uniti.

@Smash ha scritto:
Forse leggermente inferiore a I naufragatori e L''oro dei fratelli Ward, ma un western scorrevole e avvincente che non ritengo sia sottovalutato.
In effetti anche l'Oro dei Fratelli Ward è una signora storia. no-ta no-ta (i Naufragatori non l'ho letta purtroppo).
avatar
RemovedQuasar
Novellino del forum
Novellino del forum

Messaggi : 127
Data d'iscrizione : 03.07.15

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Aquila nera (Maxi n.34)

Messaggio Da Walter Dorian il Ven 12 Ott 2018 - 21:07

@Wonder ha scritto:
Due osservazioni che mi sento di fare, è vero che nel fumetto i tempi hanno un "importanza" relativa ma tra l'acquisto dell'Alaska da parte degli Stati Uniti  e l'annessione della Repubblica della California sempre agli Stati Uniti passano diversi anni quindi mi viene da dire che la camminata che hanno fatto Zagor e Cico in questa trilogia di Maxi è "durata" veramente tanto

Può essere vero, ma sulle verosimiglianze storiche ci si può passare, anche perché Zagor come è concepito come fumetto senza spazio e senza tempo non si è mai dato tanto peso a far quadrare qualche evento storico appena accennato con l'anno esatto in cui è ambientato Zagor.

_________________________________________________
PRENOTAZIONI ZAGORIANITA' N.10 - LA RIVISTA
avatar
Walter Dorian
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 9842
Data d'iscrizione : 03.01.14

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Aquila nera (Maxi n.34)

Messaggio Da Kramer76 il Ven 12 Ott 2018 - 21:56

@RemovedQuasar ha scritto:
@Smash ha scritto:
Forse leggermente inferiore a I naufragatori e L''oro dei fratelli Ward, ma un western scorrevole e avvincente che non ritengo sia sottovalutato.
In effetti anche l'Oro dei Fratelli Ward è una signora storia. no-ta no-ta (i Naufragatori non l'ho letta purtroppo).

dovresti

per tornare in topic, aquila nera è una di quelle che mi è piaciuta meno
avatar
Kramer76
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 3012
Data d'iscrizione : 19.01.15

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Aquila nera (Maxi n.34)

Messaggio Da Capitan Kidd il Ven 12 Ott 2018 - 22:41

@Walter Dorian ha scritto:
@Wonder ha scritto:
Due osservazioni che mi sento di fare, è vero che nel fumetto i tempi hanno un "importanza" relativa ma tra l'acquisto dell'Alaska da parte degli Stati Uniti  e l'annessione della Repubblica della California sempre agli Stati Uniti passano diversi anni quindi mi viene da dire che la camminata che hanno fatto Zagor e Cico in questa trilogia di Maxi è "durata" veramente tanto

Può essere vero, ma sulle verosimiglianze storiche ci si può passare, anche perché Zagor come è concepito come fumetto senza spazio e senza tempo non si è mai dato tanto peso a far quadrare qualche evento storico appena accennato con l'anno esatto in cui è ambientato Zagor.

Non posso che sottoscrivere.
Il bello di Zagor è che è ambientato in un periodo storico vago che va dai primi anni del 1800 a metà del secolo (1850). Ricercare esatte corrispondenze storiche su questa serie vorrebbe dire essere coerenti con le date da una parte, ma annacquare la fantasia e il sense of wonder dall'altra.

_________________________________________________
Undici uomini sulla cassa del morto, e una bottiglia di rhum!
avatar
Capitan Kidd
Novellino del forum
Novellino del forum

Messaggi : 195
Data d'iscrizione : 05.09.16

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Aquila nera (Maxi n.34)

Messaggio Da Lapalette il Ven 12 Ott 2018 - 22:48

@RemovedQuasar ha scritto:
@Lapalette ha scritto:
Non voleva farsi annettere dagli USA, ma proclamare la California indipendente grazie all'appoggio dei ribelli e diventarne Presidente, lo dice anche in un passaggio coi suoi uomini. Wink
Uhm io pensavo che sarebbe diventato Presidente con l'appoggio degli USA e che poi sarebbe rimasto tipo il Governatore dopo l'annessione. E' un personaggio furbo, non credo gli convenisse mettersi contro gli Stati Uniti.
.

Lui dice "festeggeremo la repubblica libera di California che avrà il suo nuovo presidente, e cioè il sottoscritto": mi sembra che le intenzioni erano di voler governare la regione.
Magari in seguito l'avrebbe annessa agli Stati Uniti sempre con lui a capo, probabile, visto che è americano e visto che lo dovevano aiutare gli americani a conquistare Monterrey.
avatar
Lapalette
ZTN BABY
ZTN BABY

Messaggi : 320
Data d'iscrizione : 05.10.16
Località : Busti Grandi

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Aquila nera (Maxi n.34)

Messaggio Da Wonder il Sab 13 Ott 2018 - 11:11

@Capitan Kidd ha scritto:
@Walter Dorian ha scritto:
@Wonder ha scritto:
Due osservazioni che mi sento di fare, è vero che nel fumetto i tempi hanno un "importanza" relativa ma tra l'acquisto dell'Alaska da parte degli Stati Uniti  e l'annessione della Repubblica della California sempre agli Stati Uniti passano diversi anni quindi mi viene da dire che la camminata che hanno fatto Zagor e Cico in questa trilogia di Maxi è "durata" veramente tanto

Può essere vero, ma sulle verosimiglianze storiche ci si può passare, anche perché Zagor come è concepito come fumetto senza spazio e senza tempo non si è mai dato tanto peso a far quadrare qualche evento storico appena accennato con l'anno esatto in cui è ambientato Zagor.

Non posso che sottoscrivere.
Il bello di Zagor è che è ambientato in un periodo storico vago che va dai primi anni del 1800 a metà del secolo (1850). Ricercare esatte corrispondenze storiche su questa serie vorrebbe dire essere coerenti con le date da una parte, ma annacquare la fantasia e il sense of wonder dall'altra.

La mia non era una critica infatti ho scritto "importanza" tra virgolette era giusto per farci una risata  sopra, so bene  e sono anche d'accordo che in un fumetto come Zagor il tempo e il periodo storico lasciano il tempo che trovano (per stare in argomento stella2  )

Wonder
Novellino del forum
Novellino del forum

Messaggi : 198
Data d'iscrizione : 06.11.16

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Aquila nera (Maxi n.34)

Messaggio Da RemovedQuasar il Lun 15 Ott 2018 - 0:56

Comunque in quella storia viene detto che gli americani stanno solo valutando di acuistare o no l'Alaska, ancora nessun dato di fatto, quindi con i tempi ci sta.

Zagor io me lo immagino ambientato sempre "intorno al 1835".
avatar
RemovedQuasar
Novellino del forum
Novellino del forum

Messaggi : 127
Data d'iscrizione : 03.07.15

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Aquila nera (Maxi n.34)

Messaggio Da anto1965 il Lun 15 Ott 2018 - 9:30

@RemovedQuasar ha scritto:Comunque in quella storia viene detto che gli americani stanno solo valutando di acuistare o no l'Alaska, ancora nessun dato di fatto, quindi con i tempi ci sta.

Zagor io me lo immagino ambientato sempre "intorno al 1835".

no-ta Coinciderebbe poi con Andrew Jackson (più volte incontrato da Zagor) che fu presidente Usa
dal 1829 al 1837

_________________________________________________
Felix qui potuit rerum cognoscere causas flower
avatar
anto1965
DIPLOMATO IN ZAGOROLOGIA
DIPLOMATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 1094
Data d'iscrizione : 17.06.18
Località : crema

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Aquila nera (Maxi n.34)

Messaggio Da doctorZeta il Gio 18 Ott 2018 - 16:44

Bella storia. Continuano i ritorni, ma se sono fatti così, vanno bene. Addirittura qui c'è un ritorno nel ritorno con il redivivo don Lope. Trama molto intricata, incentrata tutto su Goldberg/Steele. Certo che mi ha dato un po' fastidio il suo perenne apparire ogni volta succedeva qualcosa, ma tant'è. Applausi a Rauch Exclamation

_________________________________________________
E ti sta parlando un Bonelli-dipendente...
avatar
doctorZeta
MASTER IN ZAGOR
MASTER IN ZAGOR

Messaggi : 7537
Data d'iscrizione : 08.06.16
Località : Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Aquila nera (Maxi n.34)

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 6 di 6 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum