Aquila nera (Maxi n.34)

Pagina 5 di 6 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Seguente

Andare in basso

Re: Aquila nera (Maxi n.34)

Messaggio Da Spirito errante il Mar 25 Set 2018 - 23:15

@natural killer ha scritto:Di Zagor ce n'è uno
tutti gli altri son nessuno

Un emulo del nostro ci può stare per una storia, ma non oltre

Ma anche come personaggio che non emuli per forza Zagor non vorrei rivederlo più, ormai direi che ha detto tutto.
Tanto andrà a nozze con Sarita felice e contento, sai che gli frega di emulare Zagor. Very Happy

_________________________________________________
La scienza non ci ha ancora insegnato se la pazzia sia o no più sublime dell'intelligenza.
(Edgar Allan Poe)
avatar
Spirito errante
Novellino del forum
Novellino del forum

Messaggi : 187
Data d'iscrizione : 15.05.18
Località : Abbottabad

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Aquila nera (Maxi n.34)

Messaggio Da Walter Dorian il Mer 26 Set 2018 - 14:19

@capelli d'argento ha scritto: uno Zagor poco protagonista, sballottato dagli eventi e che piglia, in puro stile "toninelliano" una caterva di botte in testa ! pale

Comunque non sono botte in testa "Toninelliane" da quello che mi sembra.flower
Toninelli ridicolizzava il personaggio facendolo sorprendere da mezze tacche di nemici che lo colpivano alle spalle, qui ci vogliono un gruppo di soldati e un gruppo di ribelli che lo prendono in tanti contro uno per abbatterlo.

_________________________________________________
PRENOTAZIONI ZAGORIANITA' N.10 - LA RIVISTA
avatar
Walter Dorian
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 9842
Data d'iscrizione : 03.01.14

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Aquila nera (Maxi n.34)

Messaggio Da Liberty Secular Sam il Mer 26 Set 2018 - 16:29

Concordo . 
Con Toninelli Zagor andava in difficoltà con nemici non irresistibili . Ricordo il finale di Testa di Morto , gran bella storia, rovinata dalle botte in testa e da un finale con una fuga indecorosa e una vittoria ottenuta in modo assai discutibile su di un vecchio. Qui invece Zagor cede solo alla soverchia dell'avversario , l'espediente della botta in testa a tradimento è stato usato mille volte da Nolitta . Solo dopo il rinascimento Zagoriano il ns eroe è diventato granitico e sin troppo simile a Tex .
avatar
Liberty Secular Sam
ZTN BABY
ZTN BABY

Messaggi : 241
Data d'iscrizione : 28.01.15

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Aquila nera (Maxi n.34)

Messaggio Da capelli d'argento il Mer 26 Set 2018 - 17:07

@Walter Dorian ha scritto:
@capelli d'argento ha scritto: uno Zagor poco protagonista, sballottato dagli eventi e che piglia, in puro stile "toninelliano" una caterva di botte in testa ! pale

Comunque non sono botte in testa "Toninelliane" da quello che mi sembra.flower
Toninelli ridicolizzava il personaggio facendolo sorprendere da mezze tacche di nemici che lo colpivano alle spalle, qui ci vogliono un gruppo di soldati e un gruppo di ribelli che lo prendono in tanti contro uno per abbatterlo.


Avevo già risposto, Walter. Come, qui di seguito, riportato. Wink benvenuto

@capelli d'argento ha scritto:
@Sam Fletcher ha scritto: devo dire che quanto meno le botte in testa in questa storia risultano molto più digeribili rispetto a quelle del periodo d'oro toninelliano.
Non è la botta in testa in sé ad essere insopportabile, ma il fatto che Zagor faccia la figura del fesso e non è questo il caso

Vero.

@Sam Fletcher ha scritto: una volta il numero degli avversari è soverchiante, un'altra è già legato, un'altra ancora viene colpito a tradimento... insomma ci può stare...

Ci può stare ma son sempre troppe, però ! old  Wink

_________________________________________________
“Il domani spera che noi si abbia imparato qualcosa dallo ieri.”
John Wayne
avatar
capelli d'argento
DIPLOMATO IN ZAGOROLOGIA
DIPLOMATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 1096
Data d'iscrizione : 02.08.16
Località : canaveìs

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Aquila nera (Maxi n.34)

Messaggio Da L'uomo lupo il Gio 27 Set 2018 - 15:28

"Aquila nera" : letto. Non è facile commentare . Una storia discreta , ma nient'affatto entusiasmante . Certo è un capolavoro rispetto allo Speciale coi mostriciattoli del bosco ... Trama complessa , non annoia , ma forse preferisco le storie più classiche di Zagor, a Darkwood, con trappers e indiani. Avrei preferito scoprire nel finale la vera identità di Aquila Nera , che viene svelata troppo presto. L'azione non manca , Zagor prende un po' troppe botte in testa (sì, lo so, ho letto cosa dice Rauch...ma sono comunque tante in una sola storia ) . Disegni: discreti, meglio i primi piani che i personaggi visti da lontano. Preferisco Verni e/o Verni/Sedioli.
Voto alla storia: 6+
Voto ai disegni: 6,5.
avatar
L'uomo lupo
Oscar ZTN miglior forumista
Oscar ZTN miglior forumista

Messaggi : 754
Data d'iscrizione : 20.11.16

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Aquila nera (Maxi n.34)

Messaggio Da Walter Dorian il Gio 27 Set 2018 - 16:57

@capelli d'argento ha scritto:


Avevo già risposto, Walter. Come, qui di seguito, riportato.  Wink benvenuto

@capelli d'argento ha scritto:

Ci può stare ma son sempre troppe, però ! old  Wink

Ah, non avevo letto.
Capito, però considera che è un Maxi come se fossero tre albi normali, a me non sembrano troppe.

_________________________________________________
PRENOTAZIONI ZAGORIANITA' N.10 - LA RIVISTA
avatar
Walter Dorian
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 9842
Data d'iscrizione : 03.01.14

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Aquila nera (Maxi n.34)

Messaggio Da capelli d'argento il Gio 27 Set 2018 - 21:08

@Walter Dorian ha scritto:
Ah, non avevo letto.

Figurati…. no-ta


@Walter Dorian ha scritto:Capito, però considera che è un Maxi come se fossero tre albi normali, a me non sembrano troppe.
Mah…. Certo che, unite alla "rincorsa" continua di Zagor a star dietro agli eventi, mi hanno "indispettito" ….. cheers benvenuto

_________________________________________________
“Il domani spera che noi si abbia imparato qualcosa dallo ieri.”
John Wayne
avatar
capelli d'argento
DIPLOMATO IN ZAGOROLOGIA
DIPLOMATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 1096
Data d'iscrizione : 02.08.16
Località : canaveìs

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Aquila nera (Maxi n.34)

Messaggio Da Spirito errante il Ven 28 Set 2018 - 20:56

Leggo in molti delusi dall'aver scoperto l'identità di Aquila Nera troppo presto. Sì ma non era lui il personaggio centrale e focale della vicenda, bensì Goldberg.

Forse è stato poco azzeccato anche il titolo Aquila nera all'albo che ha creato in tal senso inutili aspettative.

_________________________________________________
La scienza non ci ha ancora insegnato se la pazzia sia o no più sublime dell'intelligenza.
(Edgar Allan Poe)
avatar
Spirito errante
Novellino del forum
Novellino del forum

Messaggi : 187
Data d'iscrizione : 15.05.18
Località : Abbottabad

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Aquila nera (Maxi n.34)

Messaggio Da capelli d'argento il Ven 28 Set 2018 - 22:22

@Spirito errante ha scritto:Forse è stato poco azzeccato anche il titolo Aquila nera all'albo che ha creato in tal senso inutili aspettative.
Senza "forse". old Wink

_________________________________________________
“Il domani spera che noi si abbia imparato qualcosa dallo ieri.”
John Wayne
avatar
capelli d'argento
DIPLOMATO IN ZAGOROLOGIA
DIPLOMATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 1096
Data d'iscrizione : 02.08.16
Località : canaveìs

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Aquila nera (Maxi n.34)

Messaggio Da Liberty Secular Sam il Sab 29 Set 2018 - 10:50

[quote="Spirito errante"]Leggo in molti delusi dall'aver scoperto l'identità di Aquila Nera troppo presto. Sì ma non era lui il personaggio centrale e focale della vicenda, bensì Goldberg.

Forse è stato poco azzeccato anche il titolo Aquila nera all'albo che ha creato in tal senso inutili aspettative. [/quote]
 


Mi era sfuggita , mi perdoni chi l'ha mossa , ma la ritengo una critica priva di senso . Il lettore affezionato ha già intuito tutto dalle caratteristiche di Aquila Nera ( costume quasi uguale a quello di Zagor , stessa scure , stesso urlo e stesso modo di combattere ) non fatica  troppo a fare 2+2 , non poteva che essere Rolando, per altro la storia [b]non punta mai all'indovina chi[/b],  neanche con Goldberg ( anche se l'autore ci gioca un pò all'inizio mantenendolo nell'ombra è bastato mostrare la sua mano d'acciaio per intuirne l' identità  ) .  Tanto meno è mai in dubbio l'identità di Aquila Nera ,   già chiara dalle primissima pagine . Proprio la nota identità di Aquila nera permette al lettore di gustarsi piuttosto il confronto psico-filosofico con Zagor , il doppio gioco di Goldberg e la suspense che sta tutta nel ...ce la farà il nostro eroe ? 

Una piccola critica mi sento invece di muoverla sulla natura fisica di Aquila Nera , quella si ingannatrice sia in copertina e in alcune tavole . In qualche vignetta lo Zorro in chiave Zagoriana è possente come il ns eroe , c'ha un torace da apneista , sembra Zagor , anzi Supermike , poi qualche vignetta dopo si toglie la maschera e si ridimensiona alla mole di quello sbarbatello di Rolando  Surprised stella2
avatar
Liberty Secular Sam
ZTN BABY
ZTN BABY

Messaggi : 241
Data d'iscrizione : 28.01.15

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Aquila nera (Maxi n.34)

Messaggio Da Spirito errante il Sab 29 Set 2018 - 12:37

@Liberty Secular Sam ha scritto:
@Spirito errante ha scritto:Leggo in molti delusi dall'aver scoperto l'identità di Aquila Nera troppo presto. Sì ma non era lui il personaggio centrale e focale della vicenda, bensì Goldberg.

Forse è stato poco azzeccato anche il titolo Aquila nera all'albo che ha creato in tal senso inutili aspettative.
 Mi era sfuggita , mi perdoni chi l'ha mossa , ma la ritengo una critica priva di senso . Il lettore affezionato ha già intuito tutto dalle caratteristiche di Aquila Nera ( costume quasi uguale a quello di Zagor , stessa scure , stesso urlo e stesso modo di combattere ) non fatica  troppo a fare 2+2 , non poteva che essere Rolando,

Sì infatti, dicevo che il titolo Aquila nera ha creato delle aspettative altisonanti al lettore che magari sperava o che al personaggio gli venisse dato un ruolo più centrale, o che la sua identità venisse celata per buona parte della storia.

_________________________________________________
La scienza non ci ha ancora insegnato se la pazzia sia o no più sublime dell'intelligenza.
(Edgar Allan Poe)
avatar
Spirito errante
Novellino del forum
Novellino del forum

Messaggi : 187
Data d'iscrizione : 15.05.18
Località : Abbottabad

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Aquila nera (Maxi n.34)

Messaggio Da Walter Dorian il Sab 29 Set 2018 - 16:27

@Liberty Secular Sam ha scritto:neanche con Goldberg ( anche se l'autore ci gioca un pò all'inizio mantenendolo nell'ombra è bastato mostrare la sua mano d'acciaio per intuirne l' identità  ) . 

Io l'avevo intuito anche dalla scena iniziale del massacro, dove si vede nella collinetta in penombra.
Anche se non è molto intuibile, Rauch ci ha giocato bene su questo.

_________________________________________________
PRENOTAZIONI ZAGORIANITA' N.10 - LA RIVISTA
avatar
Walter Dorian
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 9842
Data d'iscrizione : 03.01.14

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Aquila nera (Maxi n.34)

Messaggio Da Capitan Kidd il Lun 1 Ott 2018 - 14:40

Storia molto bella di Rauch, a me è piaciuta molto, al netto di qualche parte della sceneggiatura troppo ingolfata, comunque un bel Maxi.

PRO

1)Lo spunto è decisamente interessante: praticamente "un altro Zagor" che imita il nostro Spirito con la scure che strizza l'occhio a Zorro, personaggio che a sua volta ha molti punti in comuni con il nostro. Forse come detto da altri amici forumisti Aquila Nera come personaggio man mano che la storia entra nel vivo sembra come ritagliarsi un ruolo come uno tra i tanti e non come "personaggio della storia", ma l'idea in sé è uno spunto molto interessante per far tornare il giovane Rolando con una motivazione convincente e allo stesso tempo originale.

2)Bello anche l'incipit, con la morte di Don Lope in apertura dopo l'assalto alla fattoria, che getta un alone drammatico su tutta la vicenda iniziale.

3)Tutti i personaggi sono caratterizzati idelogicamente e caratterialmente dando a ognuno una loro mentalità che li definisce e nonostante ce ne siano molti me li ha fatti riconoscere e restare impressi (ancora adesso) nel corso e nel prosieguo della vicenda.

4)Davvero azzeccata l'idea del ripescaggio di Goldberg. Un nemico a cui Rauch conferisce il giusto spessore e dose di cattiveria. L'ho visto ancora più perfido dell'episodio de Il vagone blindato che putacaso Rauch scrisse sempre con Sedioli ai disegni. Un nemico che vuole usare tutti ma al contempo tutti vuole gabbare per i suoi scopi.

5)Zagor: non ha una caratterizzazione molto centrale, ma nel suo essere premuroso nei confronti degli intenti bellicosi e rivoluzionari del suo piccolo alter ego Rolando, Rauch centra bene la sua personalità. Personalità che mi è piaciuta anche nei combattimenti dove si dimostra una furia che non si arrende e i nemici per aver ragione su di lui devono accopparlo in gruppi di più persone.

CONTRO

1)Piani, contropiani, doppi e tripli giochi: sono troppi e a un certo punto la storia soprattutto verso la conclusione mi è sembrata un po' ingolfata da tutti questi espedienti e contorcimenti mentali delle intenzioni dei singoli personaggi per cui ho faticato un po' a starvi dietro.

2)La riapparizione finale di Don Lope mi ha lasciato un senso di amaro in bocca. Secondo me era meglio lasciare il vecchio ucciso e avrebbe reso il finale lieto ma con un pizzico di amaro in più che non ci sarebbe stato affatto male.

DISEGNI

Ottimo Sedioli soprattutto nei primi piani. Trovo che il disegnatore ravennate abbia smussato qualche suo difetto degli ultimi tempi su alcuni volti non in primo piano troppo convincenti. Ben caratterizzati graficamente tutti gli altri personaggi, in particolare le versioni di Rolando e Ines "cresciuti" rispetto a Bandidos di Boselli/Della Monica.

Storia: 7,5/8
Disegni: 8

_________________________________________________
Undici uomini sulla cassa del morto, e una bottiglia di rhum!
avatar
Capitan Kidd
Novellino del forum
Novellino del forum

Messaggi : 195
Data d'iscrizione : 05.09.16

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Aquila nera (Maxi n.34)

Messaggio Da SPARKS82 il Lun 1 Ott 2018 - 20:47

Rientrato ieri dalle vacanze l'ho letto tutto d'un fiato oggi pomeriggio, un bel maxi mi è piaciuta sia la storia che i disegni di Sedioli, quest'ultimo insieme a Verni lo trovo davvero un punto di riferimento e vorrei leggere molte storie disegnate da lui e dal suo collega. Una nota in merito la trama: avrei preferito che Don Lope fosse rimasto ucciso durante l'assalto in modo tale da rendere un po' più drammatica la vicenda ma comunque resta un bel lavoro. Ottima la parte di Zagor, il quale ha fatto di tutto per cercare di evitare il massacro senza passare mai in secondo piano rispetto la vicenda. Per concludere direi: STORIA 7, disegni 8.
avatar
SPARKS82
Novellino del forum
Novellino del forum

Messaggi : 196
Data d'iscrizione : 25.12.16
Località : roma

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Aquila nera (Maxi n.34)

Messaggio Da KLAIN il Mer 3 Ott 2018 - 17:47

A me il maxi é piaciuto, un po' più la prima parte un po' meno la seconda, ma alla fine lo promuovo. Il ripescaggio dei vecchi personaggi é funzionale alla trama, e il vecchio Steel credo che lo rivedremo a gennaio per la resa dei conti.
Disegni con i soliti pro e contro, francamente Sedioli lo preferisco in coppia con Verni.

_________________________________________________
ZAGROSKY , altrove...


Rispetto per i Di Vitto e per Pini Segna, grazie!!!

Detrattore con la scure!!!
avatar
KLAIN
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 2245
Data d'iscrizione : 24.01.15
Località : AVEZZANO

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Aquila nera (Maxi n.34)

Messaggio Da MASSIMO il Gio 4 Ott 2018 - 13:13

Storia più che discreta, che non mi ha annoiato, con la 'ripresa' di personaggi piacevoli e soprattutto di un vecchio nemico che tornerà presto a farsi sentire. Avrei risparmiato a Zagor certe botte in testa, soprattutto nella seconda parte dell'albo.....
I disegni non mi son piaciuti: certi primi piani di Zagor ben resi, alternati ad altri fatti male: preferisco Sedioli quando è in coppia con Verni.
avatar
MASSIMO
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 2746
Data d'iscrizione : 21.01.15
Località : Sant'Eufemia D'Aspromonte (RC)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Aquila nera (Maxi n.34)

Messaggio Da Il tessitore il Ven 5 Ott 2018 - 23:28

Ho letto un bel Maxi, una storia che mi è piaciuta, qualche difetto ma passabile.
Tantissimi sono i colpi di scena e i capovolgimenti di fronte e poi questa spy story proiettata in un western californiano piena di trame intricate e doppi giochi per me è stata appassionante da seguire.
Un plauso a Rauch per aver centrato molto bene la Nolittianità del nostro quando Rolando gli mostra la sua voglia di fare la rivoluzione lui gli si mette contro cercando di farlo ragionare risolvendo la situazione. Ho rivisto anche in certe scene quello Zagor incazzoso, impetuoso e istintivo che tanto mi piace.
L'anello debole forse è proprio Rolando a cui è dedicato il titolo del Maxi. Secondo me viene accantonato un po' troppo presto e relegato al ruolo di semplice comprimario quando magari gli si poteva infondere più spessore facendogli tenere la maschera per tutto il racconto in modo che la sua figura da capo dei rivoltosi venisse più enfatizzata.
Sedioli senza particolari picchi ma fa il suo onesto lavoro.

Storia 8-
Disegni 7+
avatar
Il tessitore
Novellino del forum
Novellino del forum

Messaggi : 154
Data d'iscrizione : 27.05.18
Località : Chiavari (GE)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Aquila nera (Maxi n.34)

Messaggio Da Thunderman78 il Ven 5 Ott 2018 - 23:49

Anche a me tutto sommato senza particolari entusiasmi è piaciuta la storia.

Molto intricata come trama tra le varie sottotrame, ma non annoia mai. Qualche difetto spiegazionista (tipo Zagor che si sta tagliando le corde con il coltello conficcato nel muro per liberarsi, mi basta che mi si faccia vedere la vignetta, senza che lo dica Zagor), ma la tensione narrativa è sempre ben alta.

Zagor verrà anche abbattuto e catturato più di qualche volta, ma in quasi 300 tav. ci sta e poi si mostra sempre indomito.

Anche io sono rimasto un po' con l'amaro in bocca per la riapparizione finale di Don Lope, mentre ho visto bene la soluzione di Jacopo di aver fatto sposare Ines non con Rolando onde evitare un finale mieloso.

Sedioli ? Non male e a suo agio con questo western spionaggio tutto polveroso.

Un voto? 7,5 alla storia e 7 ai disegni.

_________________________________________________
http://www.mitiemisteri.it/index.html
avatar
Thunderman78
SAPIENTONE DI ZAGOR
SAPIENTONE DI ZAGOR

Messaggi : 842
Data d'iscrizione : 20.01.15

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Aquila nera (Maxi n.34)

Messaggio Da Andrea67 il Dom 7 Ott 2018 - 19:21

Bravissimo Rauch ad imbastire una trama contorta ma affascinante. Numerosi i nemici ed i colpi di scena, compreso l’ultimo, veramente inaspettato. Zagor, in alcuni casi, è vittima degli eventi, ma si riscatta alla fine quando, pur non essendo decisivo (lo sono i soldati di Don Lope, infatti), si rende protagonista di alcune eroiche azioni, tra le quali, la più importante, la liberazione di Ines, del marito e del suocero. Un po’ esagerata, invece, ho trovato la rappresentazione di Rolando che, da ragazzino quasi imberbe, è diventato un nuovo Zagor e, nella prima parte della storia, è riuscito perfino a fargli ombra.
Bravo Rauch, anche, conscio, probabilmente di aver trovato uno spietato antagonista per il nostro eroe, a non far morire Mister Steel, che così tornerà buono per un altro episodio.
Sedioli, senza Verni, ci perde parecchio, ma i suoi disegni sono sempre discreti.
Voto alla storia: 8
Voto ai disegni: 7,5

_________________________________________________
Hernan Cortes
avatar
Andrea67
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 4309
Data d'iscrizione : 20.01.15
Località : Catanzaro

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Aquila nera (Maxi n.34)

Messaggio Da Smash il Lun 8 Ott 2018 - 11:54

Comunque tra le tante critiche mosse che Zagor sia in balia degli eventi non la condivido.

se consideriamo che è grazie a quell'incendio appiccato nel presidio militare che vacilla tutto
avatar
Smash
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 2545
Data d'iscrizione : 21.01.15

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Aquila nera (Maxi n.34)

Messaggio Da Preacher il Gio 11 Ott 2018 - 23:43

Letto anche io questo Maxi di fine estate. Storia gradevole nonostante tutta la vicenda sia molto intricata. In alcune parti sono dovuto tornare indietro per riprendere vari pezzi e ricollegare i fili, ma il tutto devo dire che si legge in modo appassionante e coinvolgente, grazie a un Rauch che dota i vari e tanti personaggi di una spiccata personalità e donandogli varie sfaccettature. Molto positiva anche l'ambientazione ben resa della polverosa e arida California sull'orlo di una ribellione con l'ombra di Goldberg, un vecchio nemico rauchiano che si rivela molto più carismatico e diabolico di quello che ricordavo nell'episodio del Vagone blindato.

Testa e scaltrezza invece, sono le doti che Rauch esalta in questo Zagor, più dei muscoli e dell'abilità con la scure: i consigli che dà a Rolando, la scelta di mettersi né con i ribelli né con il governo, i travestimenti da soldato e l'introduzione d'astuzia nel fortino militare. Exclamation

Anche io vedendo la copertina con Zagor e il giovane Rolando nelle vesti di Aquila nera prendere a randellate i soldati mi aspettavo che il giovane sarebbe stato protagonista al fianco di Zagor fino alla fine invece mano a mano che la vicenda si dipana diventa un comprimario come tanti. Ottima invece la riproposizione di Ines, a tal proposito ho gradito la scelta di Rauch di farla sposare col marito riccone e agiato e non con Rolando, evitando un finale mieloso.
Finale comunque molto gradevole e con una bella suspense, anche se ci sono un po' rimasto della riapparizione di Don Lope. Non perché trovi il fatto che si sia salvato incongruente, però non so...una sua morte mi avrebbe dato quel tocco di amaro e tragico alla vicenda.

Qualche passaggio verboso c'è e in questo spero che Rauch non si stia adeguando alla politica dei sistemi narrativi citazionisti-spiegazionisti del resto della testata, dove si buttano nel mucchio qualche dialogo costruito per spiegare come mai Zagor si trovi in quel posto o come faccia a fare una determinata azione: tutte cose dove il lettore le intuisce comunque. Voto 7,5 comunque alla fine, perché il buon lavoro di Rauch traspare da ogni pagina, è una storia che tiene sulle corde, e ha più pregi che difetti.

Disegni solidi e a tratti minimalisti quelli di Sedioli, veramente buone le sue prospettive. Un 7,5 pieno anche a lui.

_________________________________________________
"Non c'è cosa più deprimente dell'appartenere a una moltitudine nello spazio.
Né più esaltante dell'appartenere a una moltitudine nel tempo."Nicolás Gómez Dávila
avatar
Preacher
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 4310
Data d'iscrizione : 19.01.15
Località : Vasto(CH)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Aquila nera (Maxi n.34)

Messaggio Da RemovedQuasar il Ven 12 Ott 2018 - 0:21

La storia è carina ma sono rimasto un pò deluso del fatto che le scene d'azione con Rolando e Zagor assieme siano pochissime...anzi una sola in pratica! Neanche nella "battaglia" finale succede niente, poi si toglie quasi subito il costume, meh.

La storia in se mi piace ma sono di parte per due motivi:
-Queste storie a sfondo geopolitico mi piacciono un botto clap
-Mister Steel! Sebbene sia comparso solo una volta è uno dei cattivi che mi sono rimasti più impressi! Uno dei miei preferiti, tra l'altro considero il Vagone Blindato ed i Rapinatori come una delle migliori storie di Zagor stile puro western! Avro riletto quella storia non so quante volte!

ps: però non ho capito una cosa, Goldemberg voleva diventare Presidente con l'appoggio degli USA e poi farsi annettere o voleva restare in proprio? Cioè...in fin dei conti lui non ha fatto proprio il "cattivo", ha eseguito solo gli ordini del governo americano

pps: ma...Zagor e Cico hanno mandato a monte l'annessione di uno stato! Ma i servizi segreti non li perseguiteranno per questo?? Shocked Shocked

Vabbè disegni Sedioli manco ve lo dico q* q*
avatar
RemovedQuasar
Novellino del forum
Novellino del forum

Messaggi : 127
Data d'iscrizione : 03.07.15

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Aquila nera (Maxi n.34)

Messaggio Da Lapalette il Ven 12 Ott 2018 - 0:27

@KLAIN ha scritto:il vecchio Steel credo che lo rivedremo a gennaio per la resa dei conti.

Ma a gennaio c'è Il mistero del Pueblo di Burattini e Kerac, mica il ritorno a Britannia. flower
avatar
Lapalette
ZTN BABY
ZTN BABY

Messaggi : 320
Data d'iscrizione : 05.10.16
Località : Busti Grandi

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Aquila nera (Maxi n.34)

Messaggio Da Lapalette il Ven 12 Ott 2018 - 0:33

@RemovedQuasar ha scritto:
ps: però non ho capito una cosa, Goldemberg voleva diventare Presidente con l'appoggio degli USA e poi farsi annettere o voleva restare in proprio? Cioè...in fin dei conti lui non ha fatto proprio il "cattivo", ha eseguito solo gli ordini del governo americano

Non voleva farsi annettere dagli USA, ma proclamare la California indipendente grazie all'appoggio dei ribelli e diventarne Presidente, lo dice anche in un passaggio coi suoi uomini. Wink
avatar
Lapalette
ZTN BABY
ZTN BABY

Messaggi : 320
Data d'iscrizione : 05.10.16
Località : Busti Grandi

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Aquila nera (Maxi n.34)

Messaggio Da Kramer76 il Ven 12 Ott 2018 - 8:25

@RemovedQuasar ha scritto:Mister Steel! Sebbene sia comparso solo una volta è uno dei cattivi che mi sono rimasti più impressi! Uno dei miei preferiti, tra l'altro considero il Vagone Blindato ed i Rapinatori come una delle migliori storie di Zagor stile puro western! Avro riletto quella storia non so quante volte!

una storia semplice, diretta, efficace
da riscoprire, in effetti! Wink
avatar
Kramer76
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 3012
Data d'iscrizione : 19.01.15

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Aquila nera (Maxi n.34)

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 5 di 6 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Seguente

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum