La strada di ferro (n.82/83)

Andare in basso

La strada di ferro (n.82/83) Empty La strada di ferro (n.82/83)

Messaggio Da Admin il Sab 10 Gen 2015 - 15:41

La strada di ferro (n.82/83) H9a1ITrQR90KdFRVUD3XeLhQvz5I9AyJtpAVZYAX-- La strada di ferro (n.82/83) Ysq5wLTukyA6N+ePCpQ9MG--

Soggetto e sceneggiatura: Guido Nolitta
Disegni: Franco Donatelli
Copertina: Gallieno Ferri

L'ingegner Robson sta costruendo un'altra linea ferroviaria: ma gli indiani Kickapus si rivelano una autentica spina nel fianco. Attaccano il treno sul quale sta viaggiando con Zagor e Cico, diretti verso Rolling Town, un misero agglomerato di baracche abitate da operai.
Il treno diventa un mattatoio, e sembra proprio che i nostri a Rolling Town non ci giungeranno mai...
I Kickapus sono ora guidati da un giovane e irrequieto guerriero, Atkor. Questi attacca i visi pallidi per ricevere viveri e coperte (che il governo americano, contravvenendo ai patti, non manda più loro) da parte di un inquietante individuo nascosto dietro una maschera bianca. Quali sono i piani del misterioso personaggio?


Ultima modifica di Admin il Sab 28 Mag 2016 - 4:00, modificato 1 volta
Admin
Admin
Amministratore
Amministratore

Messaggi : 3440
Data d'iscrizione : 01.01.14

http://zagortenay.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

La strada di ferro (n.82/83) Empty Re: La strada di ferro (n.82/83)

Messaggio Da Admin il Sab 10 Gen 2015 - 15:42

Admin
Admin
Amministratore
Amministratore

Messaggi : 3440
Data d'iscrizione : 01.01.14

http://zagortenay.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

La strada di ferro (n.82/83) Empty Re: La strada di ferro (n.82/83)

Messaggio Da Marco65 il Mer 11 Feb 2015 - 23:04

Questa storia pur non essendo certo tra le migliori di Nolitta possiede il suo fascino discreto.A cominciare dalla bella copertina con Zagor sulla locomotiva per proseguire subito con il curioso inizio del racconto che vede due uomini nel buio(Zagor e Cico) camminare appaiati senza accorgersi(nemmeno i lettori)di farlo a fianco di una ferrovia.Magari l'amico ingegnere e il nemico maschera bianca non hanno la personalità spiccata di altri comprimari dello spirito con la scure ma fanno decorosamente la loro parte.E' il primo Zagor che mio cugino provo' a farmi leggere,il mese successivo sarebbe iniziata la Golden Age e non a caso la mia passione per questo fumetto. VOTO 7
Marco65
Marco65
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 2563
Data d'iscrizione : 20.01.15
Località : Genova

Torna in alto Andare in basso

La strada di ferro (n.82/83) Empty Re: La strada di ferro (n.82/83)

Messaggio Da Andrea67 il Gio 12 Feb 2015 - 8:56

Siamo alla vigilia della golden age e lo siamo perchè questa storia non è al livello delle successive, altrimenti la golden age inizierebbe prima.
Dopo questa ovvia premessa, ci tengo a sottolineare che grazie alla CSAC sto rivalutando alcune storie del periodo Nolittiano che - in b/n ed in tempi passati - non avevo gradito molto, pur considerandole sempre sulla sufficienza.
Oltre a questa, ci metto Il fiore che uccide, Molok, Lo strano Mister Smith, tutte storie non brutte ma che non avevo riletto tanto spesso come altre più famose.
Ebbene, nell'avventura in esame ho trovato parecchi lati positivi: innanzitutto un Cico superlativo, in più occasioni, in una delle quali, addirittura, esce vincitore, ed é un caso più unico che raro.
Poi, si continua ad ammirare uno Zagor carismatico agli occhi degli indiani, persino di questa tribù non troppo conosciuta e neanche tanto ricorrente nella saga. E questa è una caratteristica che fa sempre piacere ad uno zagoriano.
Poi abbiamo la giusta dose di azione ed un giallo con tentativo di sviare il lettore.
Insomma una storia gustosa e piacevole da leggere.

Voto alla storia: 6,8
Voto ai disegni: 8,5

_________________________________________________
Hernan Cortes
Andrea67
Andrea67
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 4541
Data d'iscrizione : 20.01.15
Località : Catanzaro

Torna in alto Andare in basso

La strada di ferro (n.82/83) Empty Re: La strada di ferro (n.82/83)

Messaggio Da Kramer76 il Sab 11 Apr 2015 - 13:13

La strada di ferro (n.82/83) V8hdet

la strada di ferro
la demarcazione con indian circus, angoscia, odissea americana, eccetera, è siderale. la verità è che nella presunta pre-golden age ci sono fior fior di capolavori e di classici, ma anche queste storie ultra-minori, sinistramente anticipatorie: il giallo di burattini per zagor story, le storie anni ottanta, per quanto riguarda la strada di ferro e i falchi delle nevi, i trash non riusciti di sclavi e castelli, molok e l'arciere rosso. come in zagor story, il primo albo è simpatico. ci sono le gag di cico, la bella scena dell'agguato nel canyon, la festa alla rolling town interrotta dall'arrivo dei "salvatori" (con i cadaveri dei soldati che sporgono fuori), la guerriglia nei boschi. e sempre come in zagor story, il secondo è farraginoso e non sembra manco di nolitta, pilota automatico nolittiano

voto 8,5


Ultima modifica di Kramer76 il Mar 12 Mar 2019 - 12:38, modificato 9 volte
Kramer76
Kramer76
Vincitore EUROPA LEAGUE/SUPERCOPPA
Vincitore  EUROPA LEAGUE/SUPERCOPPA

Messaggi : 3863
Data d'iscrizione : 19.01.15

Torna in alto Andare in basso

La strada di ferro (n.82/83) Empty Re: La strada di ferro (n.82/83)

Messaggio Da kit carson il Sab 11 Apr 2015 - 21:58

Storia abbastanza ingenua che non mi ha mai preso, anzi la scena in cui Cico, col suo comportamento fantozziano, mette a repentaglio la vita di zagor, mi ha addirittura irritato. 
La considero una delle avventure nolittiane meno riuscite.
kit carson
kit carson
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 3502
Data d'iscrizione : 24.01.15
Località : Lucca

Torna in alto Andare in basso

La strada di ferro (n.82/83) Empty Re: La strada di ferro (n.82/83)

Messaggio Da Fabri73 il Dom 12 Apr 2015 - 19:50

storia molto convenzionale, ma è un classico.
Donatelli in gran forma, e Ferri con ottime copertine.
una stranezza che fu fatta è l'essersi dimenticato di scrivere
"Fine" nell'ultima tavola, ma anche l'ambiguità del titolo
"La Maschera Bianca" , che in costolina
è scritto senza l'articolo. (parlo dell'albo Zenith).

_________________________________________________
ARSÈNE LUPIN, LADRO GENTILUOMO

FABRIZIO
Fabri73
Fabri73
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 4033
Data d'iscrizione : 21.01.15
Località : Quartu S.E. (CA)

Torna in alto Andare in basso

La strada di ferro (n.82/83) Empty Re: La strada di ferro (n.82/83)

Messaggio Da Ospite il Mer 15 Apr 2015 - 19:26

Una storia che non rileggo da molto tempo. Mi colpì all'epoca per la splendida copertina di Ferri, e per i disegni di un Donatelli che comunque dava una versione valida di Zagor. Veramente una carogna, l'uomo che doveva consegnare la merce ai pellerossa, e invece gliela consegnava solo se ubbidivano ai suoi malvagi piani.
Cico ne combina di tutti i colori... prima si stende tra le rotaie del treno, poi riesce a vincere alla roulette facendosi pagare in sandwich, e infine si fa scoprire dal nemico credendo di riuscire a muoversi a occhi chiusi. Tuttavia non reputo queste sue gag molto divertenti... neanche Nolitta poteva essere sempre brillantissimo.

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

La strada di ferro (n.82/83) Empty Re: La strada di ferro (n.82/83)

Messaggio Da Ospite il Gio 17 Set 2015 - 16:34

Piacevole storia con un Cico divertentissimo, ricordo la gag della roulette con la vincita fatta a sandwich stella2 oppure all'inizio quando la locomotiva lo stava travolgendo perchè lui si era addormentato sui binari stella2 o lo scambio di battute con Zagor quando quest'ultimo si chiede chi può avercela contro la ferrovia, Cico gli risponde i produttori di scarpe... stella2
Storia comunque che non è niente di eccezionale e anche il misterioso maschera bianca viene liquidato con un colpo di freccia.
Belli i disegni di Donatelli.
voto storia: 7
voto disegni: 8.5

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

La strada di ferro (n.82/83) Empty Re: La strada di ferro (n.82/83)

Messaggio Da wakopa il Ven 18 Set 2015 - 10:00

@Marco65 ha scritto:Magari l'amico ingegnere e il nemico maschera bianca non hanno la personalità spiccata di altri comprimari dello spirito con la scure ma fanno decorosamente la loro parte.
La strada di ferro (n.82/83) N2lb10
wakopa
wakopa
Vincitore COPPA ITALIA
Vincitore COPPA ITALIA

Messaggi : 6154
Data d'iscrizione : 20.01.15

Torna in alto Andare in basso

La strada di ferro (n.82/83) Empty Re: La strada di ferro (n.82/83)

Messaggio Da Smash il Ven 18 Set 2015 - 10:55

Magari tutti gli autori di adesso sapessero gestire Cico in maniera così sapiente come in questa storia!
Smash
Smash
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 3140
Data d'iscrizione : 21.01.15

Torna in alto Andare in basso

La strada di ferro (n.82/83) Empty Re: La strada di ferro (n.82/83)

Messaggio Da Tonka il Dom 14 Feb 2016 - 1:38

LA STRADA DI FERRO

Aprile 1972 …torna mio padre dal lavoro.
Non lo so ancora…ma tra le mani stringe qualcosa che mi legherà a lui  in un atto d’amore che si protrarrà per anni …anni... e anni…
E’ un film…uno di quei film che posso vedere solo raramente alla tv perché… dopo Carosello… si va a dormire.
E’ qui … è tra le mie mani… lo posso prendere …guardare ...poi …tornare indietro… soffermarmi su un’immagine …. fantasticare…e quindi riprendere il via… il tutto…ogni volta che voglio.

Che memorabile sensazione.

Sulla copertina  c’è  una grossa locomotiva…sta sbuffando …e l’enorme fumo nero che fuoriesce dal camino della sua caldaia non lascia dubbi sul fatto che sia lanciata in una corsa sfrenata.
L’attrito stridente delle sue ruote ferrose emana un fumo bianco che si mescola alla polvere sollevata dalla corsa e al vapore che scalpitante esce dalla caldaia …. sembra inarrestabile.
Un uomo… vestito con un costume alquanto originale… armato di un’insolita scure … sta affrontando l’impervia  impresa per raggiungere  l’apice della locomotiva.
E’ in piedi…in piena corsa …il suo busto inclinato in avanti si sottrae all’acre odore di ciò che resta di una brace incandescente in un atto che poderoso contrasta quel  muro d’aria impervio che la locomotiva sfonda e la sua figura impatta.
Nel suo volto c’è stampata la fermezza di chi sa che riuscirà nella sua impresa …di chi sa che nulla lo può fermare.
Resto a fissarlo per interminabili minuti…poi… ammaliato da quella figura che sembra dirmi “Sali che ci sono io”… mi fido… sfoglio la cover …e parto con lui per un’avventura …che prende il via per non fermarsi ancora.
Sembra  ieri … e sono passati 44 anni.

Sarà stato un caso … oppure quello fu un giorno fortunato…( lo dice anche Cico che si lascia ammirare in una delle rare volte in cui ne esce vincitore da un suo solito pasticcio)… perché credo che questa storia sia la storia ideale per poter iniziare la lettura dell’eroe di Darkwood.
Infatti l’avventura che vede un primo tempo in ascesa per poi calare nel finale  mi resta impressa per la grande capacità di Sergio  nel regalarmi … in 192 tavole …tutto quello che è indispensabile per conoscere quello che era ….dopo poche pagine …già diventato il mio eroe insieme all’inseparabile pancione messicano.
I due amici …uno l’opposto dell’altro…  si intrecciano armoniosamente insieme e il  comico …quasi farsesco …sa amalgamarsi meravigliosamente con la suspence e l’azione senza mai disturbarsi a vicenda … completandosi meravigliosamente attraverso quella mano sublime di cui mi sono innamorato…la mano di Guido Nolitta.


Cover:  
La strada di ferro  0123456
La maschera bianca 0123456

Storia
0123456

Disegni
0123456

_________________________________________________
JOEVITO NUCCIO: colui che disegna l'anima a Zagor
Tonka
Tonka
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 3894
Data d'iscrizione : 20.01.15

Torna in alto Andare in basso

La strada di ferro (n.82/83) Empty Re: La strada di ferro (n.82/83)

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum