KEN PARKER

Pagina 25 di 27 Precedente  1 ... 14 ... 24, 25, 26, 27  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: KEN PARKER

Messaggio Da Fabri73 il Ven 16 Dic 2016 - 12:17

@Guitarjim1982 ha scritto:Lo so che non lo è... però tecnicamente gli somiglia, visto che s'incontrano due "mondi narrativi", quello poliziesco di Marvin e il western di Ken, ma non ci sono storie che s'intrecciano tra loro. E', ripeto, più una citazione divertita e beffarda degli autori.

una comparsata di un apocrifo Ken, anche se non viene mai rivelato il suo nome,  
c'è in "Bill l'inutile", storia di Tamagnini su Lanciostory negli anni '80.  
in questo topic avevo postato anche le immagini, ma vallo a ritrovare.
anzi, l'ho trovato, è a pag. 15 del topic.

_________________________________________________
ARSÈNE LUPIN, LADRO GENTILUOMO

FABRIZIO
avatar
Fabri73
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 2782
Data d'iscrizione : 21.01.15
Località : Quartu S.E. (CA)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: KEN PARKER

Messaggio Da natural killer il Ven 16 Dic 2016 - 12:27

A suo tempo si è dibattuto se quella su Bill l'inutile fosse una comparsata o un omaggio a Ken o come qualcuno sosteneva, soltanto una scopiazzatura del Ken di Trevisan


_________________________________________________
the haematologist
avatar
natural killer
MASTER IN ZAGOR
MASTER IN ZAGOR

Messaggi : 8597
Data d'iscrizione : 27.01.15
Località : Sardegna centro orientale

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: KEN PARKER

Messaggio Da Guitarjim1982 il Ven 16 Dic 2016 - 20:36

Ragazzi siete competenti a mille... complimenti!
avatar
Guitarjim1982
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 4466
Data d'iscrizione : 20.01.15

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: KEN PARKER

Messaggio Da Fabri73 il Ven 16 Dic 2016 - 22:00

e quando inizi il KP Magazine ci fai, spero, un commento anche
sugli episodi di "FunnyKen", la versione satirica di Ken
Parker, realizzata da Berardi e Cavazzano. Wink

_________________________________________________
ARSÈNE LUPIN, LADRO GENTILUOMO

FABRIZIO
avatar
Fabri73
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 2782
Data d'iscrizione : 21.01.15
Località : Quartu S.E. (CA)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: KEN PARKER

Messaggio Da natural killer il Ven 16 Dic 2016 - 22:52

Nell'albo di John Doe  "La polvere del tramonto"  appare per poche pagine Ken Parker


_________________________________________________
the haematologist
avatar
natural killer
MASTER IN ZAGOR
MASTER IN ZAGOR

Messaggi : 8597
Data d'iscrizione : 27.01.15
Località : Sardegna centro orientale

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: KEN PARKER

Messaggio Da doctorZeta il Ven 16 Dic 2016 - 23:42

Vabbè ragà, crossover inteso come apparizioni di altri personaggi. Voi lo chiamate team-up, non sono stato capillare sulla traduzione. Ahahah

_________________________________________________
E ti sta parlando un Bonelli-dipendente...


Buone Feste ai tutti i Forumisti.

Tutti, tranne:
xxxxxxxxxx


"Ringrazia che sono moderatore è devo tenere un certo equilibrio, comunque con te sul forum non ci scrivo più perchè ho capito che soggetto sei e con certa gente non voglio averci a che fare"

Ma me lo merito? Rolling Eyes
avatar
doctorZeta
Oscar ZTN miglior forumista
Oscar ZTN miglior forumista

Messaggi : 4780
Data d'iscrizione : 08.06.16
Località : Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: KEN PARKER

Messaggio Da Fabri73 il Sab 17 Dic 2016 - 7:53

@doctorZeta ha scritto:Vabbè ragà, crossover inteso come apparizioni di altri personaggi. Voi lo chiamate team-up, non sono stato capillare sulla traduzione. Ahahah

no, mario. un conto è la comparsata o citazione. E il crossover è altra cosa: una storia
che si sviluppa in varie parti in diverse serie. anche il team-up è cosa diversa: una storia
vera, che vede protagonisti 2 personaggi diversi.


_________________________________________________
ARSÈNE LUPIN, LADRO GENTILUOMO

FABRIZIO
avatar
Fabri73
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 2782
Data d'iscrizione : 21.01.15
Località : Quartu S.E. (CA)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: KEN PARKER

Messaggio Da Fabri73 il Dom 18 Dic 2016 - 18:20

Poster del 2014, per il rilancio di Ken della Mondadori Comics.

_________________________________________________
ARSÈNE LUPIN, LADRO GENTILUOMO

FABRIZIO
avatar
Fabri73
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 2782
Data d'iscrizione : 21.01.15
Località : Quartu S.E. (CA)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: KEN PARKER

Messaggio Da Guitarjim1982 il Lun 26 Dic 2016 - 12:49



DI BERARDI E MILAZZO (64)

Con le avventure pubblicate sul Magazine le storie di Ken Parker acquisiscono una nuova dimensione: maggiore libertà creativa, nessuna costrinzione editoriale e, soprattutto, un taglio diverso da poter dare alle storie. I paletti della serialità imponevano agli autori di dare omogeneità alla loro opera, restando sempre nei "limiti" delle canoniche novantasei tavole bonelliane. Quasi un'imposizione. In questo primo episodio del suo nuovo ciclo di storie ritroviamo Ken e Kamoose ancora in fuga dopo i tragici eventi di Sciopero. E sarà proprio questo il leitmotiv del Magazine e di tutte le prossime avventure, ossia la ricerca, da parte di Lungo Fucile, della sua libertà e della voglia di vivere. Ma quello che mi piace è anche una continuity più serrata e i collegamenti marcati tra albo e albo, tra un’avventura e l’altra. E, sullo sfondo, i bellissimi paesaggi del Grande Nord, con le sue tempeste di neve, le slitte, i cani, e il freddo. Con quest'albo fa il suo esordio anche la letale Fanny Freid, provocante cacciatrice di taglie che darà al nostro eroe molto filo da torcere in questa e altre storie. Una donna tanto bella quanto spietata che ingannerà Ken e causerà la morte del povero Kamoose. E nel finale gli autori citano, forse involontariamente, un classico di Tex come Massacro, quando il nostro eroe sceglie di lasciare al destino il compito di decidere della sorte di Fanny evitando di “macchiarsi le mani” con il suo assassinio. Ma è il silenzio di questo episodio che incute davvero paura e al contempo affascina. Un silenzio bianco, sclaviano, quello che si avverte pagina dopo pagina attraverso il disegno stilizzato di Milazzo. Luoghi remoti e perduti, dove le slitte dei cani scivolano lungo la neve e la lotta per la sopravvivenza alle volte diventa una sorta di richiamo... un richiamo cui spesso nessun orecchio darà mai ascolto. So long.

avatar
Guitarjim1982
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 4466
Data d'iscrizione : 20.01.15

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: KEN PARKER

Messaggio Da Guitarjim1982 il Lun 26 Dic 2016 - 13:09



DI BERARDI, MILAZZO, BARBATI E FRISENDA (65)

Con il suo incipit I selvaggi ricorda in modo nemmeno tanto velato un episodio memorabile come Chemako. Qui un febbricitante Ken, in fuga dopo gli eventi narrati in Silenzio bianco, viene accolto e curato dal saggio Sakehanska e dalla giovane e bella preparatrice di decotti Tawyela. Proprio come in Chemako Ken trova dunque rifugio presso quei selvaggi che, spesso, si rivelano molto più civili di tanti altri. E in questa storia torna anche il tema – sempre in parallelo con Chemako – della connivenza tra popoli e civiltà, attraverso i delicati disegni di Barbato e Frisenda coadiuvati dall’esperto Milazzo. La piccola Susweka, bimba bianca cresciuta con i Dakota, diventerà per il nostro eroe un'altra figura importante del suo campionario di conoscenze. Perché le vicende di questa ragazzina s’intrecciano con quelle di un gruppo di uomini, guidati dalla Giubba Rossa Paul Brady, che stanno cercando una giovane rapita dagli indiani per conto di un certo Ferguson. Gli scagnozzi di Brady, attirati dalla taglia che il papà della piccola ha messo per il suo ritrovamento, decidono di ammazzare la tribù che ha accolto Lungo Fucile. Un episodio crudo e realistico, breve nell'esposizione narrativa ma con momenti drammatici che si alternano a quelli più intimisti e pacati. E ai silenzi, in cui Ken pensa e riflette sulla sua vita e sulle scelte da farsi. E, ancora una volta, il nostro eroe in quest’albo torna a essere il vendicatore spietato visto in avventure come Mine Town e sceglie di ammazzare come cani i bianchi colpevoli dell'ennesimo eccidio. Perché Ken è un essere umano giusto e leale, ma sa adattarsi alle circostanze della vita e accettare l'aiuto delle persone di buona volontà. Senza la collaborazione di Brady, un coraggioso tradito dai suoi stessi uomini, non sarebbe infatti riuscito a condurre in salvo la piccola Susweka e a darle la famiglia che merita. So long.

avatar
Guitarjim1982
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 4466
Data d'iscrizione : 20.01.15

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: KEN PARKER

Messaggio Da Guitarjim1982 il Lun 26 Dic 2016 - 13:22



DI BERARDI, PARLOV, BARBATI, BERTOLOTTI, FRISENDA E MILAZZO (66)

Ore D’angoscia è il primo episodio ad ampio respiro di Berardi. Gli eventi sono strettamente collegati a I selvaggi: Ken, Brady e Susweca (ribattezzata Susy) arrivano a La Rochelle, una piccola e pacifica comunità situata nelle remote regioni canadesi, dove il nostro eroe ha trovato rifugio e impiego nel General Store di Spence e Kate, coppia che adotterà la piccola Susy. Sembra che la possibilità di rifarsi una vita, di ritrovare il proprio equilibrio, di sentirsi in qualche modo parte di una famiglia diventino per Lungo Fucile i punti fermi durante la sua tormentata fuga. Purtroppo per lui la sorte, o meglio Berardi&Milazzo, hanno deciso diversamente. Quando un gruppo di banditi, guidati dall’impavida Doug Kelly, Minnie e suo marito Eddie, dopo aver assaltato un treno diretto a La Rochelle, s’insediano nella casa di Spence e tengono in ostaggio il nostro eroe e i suoi nuovi amici. Ma a La Rochelle è arrivata anche la bella Fanny, che lentamente Berardi trasforma in una sorta di nemesi per il nostro Ken. La Reid, in sostanza, è un personaggio chiave di questi episodi del Magazine, ma anche la prova generale per la futura Myrna Harrod, la serial killer omosessuale che ha per Julia, altro grande personaggio berardiano, una sorta di rapporto morboso, fatto di odio e amore. E sono proprio questi i sentimenti che Fanny prova per Ken mentre è rinchiusa, suo malgrado, nell’appartamento di Spence. Una donna pronta a tutto pur di intascare la taglia e vendicarsi, ma gli eventi drammatici, le "ore d’angoscia" che vivranno Ken e i tanti personaggi di questo stupendo episodio, sono niente in confronto all’ennesimo cambiamento che Lungo Fucile dovrà compiere. Sempre in fuga, sempre costretto ad abbandonare, come avvenuto in snodi fondamentali per la saga come Sciopero, affetti e legami, Ken decide che è meglio per tutti lasciare La Rochelle. La scena commovente delle lacrime della piccola Susy mi hanno ricordato quelle versate da Pat ‘O Shane nel finale di Uomini, bestie ed eroi. Personaggi che diventano in qualche modo veri, come spesso ho detto, e che sono forse il tratto unico che contraddistingue questo fumetto. Ma questa ennesima separazione è una nuova ferita per Ken, un distacco che non lascia cicatrici lungo la pelle ma dentro un’anima tormentata che non riesce a trovare pace. E c’è qualcosa di ineluttabile in Ore d’angoscia, ma anche nelle prossime storie, come se lettori e autori siano consapevoli che l'avvenire del loro eroe non sarà per niente a lieto fine. So long.

avatar
Guitarjim1982
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 4466
Data d'iscrizione : 20.01.15

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: KEN PARKER

Messaggio Da Guitarjim1982 il Lun 26 Dic 2016 - 13:32



DI BERARDI, MILAZZO E FRISENDA (67)

Titolo meraviglioso per una storia che adoro. Lo dico senza mezzi termini: per me L’Eterno vagabondo è un piccolo capolavoro e mi ha ricordato per ambientazioni e sviluppo narrativo avventure come Le terre bianche. In questa storia Ken, lasciata La Rochelle, si ritrova a lavorare come guida insieme a Oakpeha, inuit Eskimo che, nel modo di parlare, è un chiaro omaggio al mitico Nanuk. Addentrandosi nei più remoti territori del Manitoba, Ken e il suo amico aiutano i fratelli Irw e Gill, due zoologi che vogliono studiare e scrivere un rapporto sull’orso canadese. Poesia, avventura, taglio documentaristico, dramma psicologico, sono le tante sfaccettature di questo racconto. E il protagonista è lui, “Pihoqahiak”, ossia l’Eterno vagabondo, come viene chiamato in lingua eskimo l’orso bianco che, di quei territori, conosce tutti i segreti. Segreti che i due zoologi vorrebbero attribuire all’istinto, mentre per Ken e Oakpeha è il frutto di una logica e di un adattamento maturato attraverso i millenni. Un’intelligenza vera, vivida, che permette all’orso di sopravvivere laddove uomini esperti e civilizzati perirebbero. L’Eterno vagabondo grazie ai meravigliosi disegni di un giovane Frisenda, è una storia forse troppo breve e che avrebbe meritato più pagine. Ma che importa? Alla fine in questo episodio chi ha voglia di respirare e assaporare atmosfere alla Jack London sarà accontentato. Ma per l’orsa, madre di due splendidi orsacchiotti, non ci sarà il lieto fine. L’incauti Jill e Irw, il primo irascibile e psicotico, il secondo più riflessivo e opportunista, catturano uno dei cuccioli d’orsa causandone la morte. Ed è appunto la loro incuria, quella di chi non rispetta la natura e le sue creature, che costringerà la madre ad attuare l’eterna lotta per la sopravvivenza e aggredire la spedizione. Suo malgrado, Ken dovrà ucciderla pur di salvare lui e Oakpeha. E’ la vita. La terribile lotta per la vita. Ma il sacrificio dell’Eterno vagabondo permetterà a uno dei suoi due cuccioli di trovare rifugio. “Uccidere Pihoqahiak è impresa grande che rende cacciatore grande… oggi però un cuore è triste” dirà a fine albo Oakpeha. Forse perché Ken in qualche modo s’identifica con l’orsa e capisce che anche lui è un eterno vagabondo. So long.

avatar
Guitarjim1982
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 4466
Data d'iscrizione : 20.01.15

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: KEN PARKER

Messaggio Da Fabri73 il Ven 6 Gen 2017 - 16:53

ma cosa indica quel numero fra parentesi che
metti a fianco degli autori di una storia?

_________________________________________________
ARSÈNE LUPIN, LADRO GENTILUOMO

FABRIZIO
avatar
Fabri73
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 2782
Data d'iscrizione : 21.01.15
Località : Quartu S.E. (CA)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: KEN PARKER

Messaggio Da natural killer il Ven 6 Gen 2017 - 17:48

Credo indichi la numerazione progressiva delle storie
le prime 59 corrispondono agli albi cepim,
60-63 le quattro storie su rivista,
dal 64 quelle del KPM
Wink

_________________________________________________
the haematologist
avatar
natural killer
MASTER IN ZAGOR
MASTER IN ZAGOR

Messaggi : 8597
Data d'iscrizione : 27.01.15
Località : Sardegna centro orientale

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: KEN PARKER

Messaggio Da Fabri73 il Ven 6 Gen 2017 - 18:01

@natural killer ha scritto:Credo indichi la numerazione progressiva delle storie
le prime 59 corrispondono agli albi cepim,
60-63 le quattro storie su rivista,
dal 64 quelle del KPM
Wink

allora c'è un errore, perché "Il respiro e il sogno"
va conteggiata come 4 storie; poi nel periodo 1984-1988
c'è anche "Quack", che non uscì su rivista.

alla fine, l'ultima storia inedita, del 2015, è la n. 92.

_________________________________________________
ARSÈNE LUPIN, LADRO GENTILUOMO

FABRIZIO
avatar
Fabri73
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 2782
Data d'iscrizione : 21.01.15
Località : Quartu S.E. (CA)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: KEN PARKER

Messaggio Da natural killer il Sab 7 Gen 2017 - 11:08

La numerazione nella cronologia ufficiale è attribuita in base alla pubblicazione della conclusione della storia.
La n.60 è Quack, pubblicata nel novembre 84 sul catalogo I love Paperino edito da Il Grifo
La n.61 è generalmente considerata Un principe per Norma uscita su Orient Express (OE) tra luglio 84 e febbraio 85
La n.62 è Dove muoiono i Titani pubblicata su Comic Art (CA) da novembre 85 a marzo 86
Il n. 63 è attribuito a Il respiro e il sogno considerata storia unica anche se composta da quattro episodi uscito il primo su OE nell'aprile 84 e gli altri 3 su CA tra aprile 85 e aprile 87
La n.64 è Un alito di ghiaccio (CA ottobre 87 -  gennaio 88)
Dal n.65 iniziano in ordine cronologico le storie del KPMagazine con Silenzio bianco (giugno 92)

L'ultimo episodio Fin dove arriva il mattino (Mondadoricomics aprile 2015) ha il n.89

_________________________________________________
the haematologist
avatar
natural killer
MASTER IN ZAGOR
MASTER IN ZAGOR

Messaggi : 8597
Data d'iscrizione : 27.01.15
Località : Sardegna centro orientale

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: KEN PARKER

Messaggio Da Guitarjim1982 il Sab 7 Gen 2017 - 13:11

Mi hai anticipato Natural (e così rispondo anche a Fabri) con estrema chiarezza. Avevo in mente un post dedicato alla cronologia una volta finito tutto, ma ora mi spiego meglio. La numerazione delle storie è quella che indichi tu, Fabri. La mia, si capisce, è una numerazione arbitraria, degli episodi, e la mantengo così perché ormai ho preso quella linea. Di Quack, Immagini e altre storie fuoriserie parlerò in un post apposito, ma non me la sono sentita di numerarle progressivamente con quelle che considero ufficiali alla continuity, così come ho indicato Il respiro e il Sogno come un'unica storia e non quattro distinte.

Dunque non si tratta di un "errore" (che, intendiamoci, poteva anche capitare, mica sono infallibile, solo Tex lo è) ma di una scelta mia.
avatar
Guitarjim1982
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 4466
Data d'iscrizione : 20.01.15

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: KEN PARKER

Messaggio Da Fabri73 il Sab 7 Gen 2017 - 14:00

@Guitarjim1982 ha scritto:Mi hai anticipato Natural (e così rispondo anche a Fabri) con estrema chiarezza. Avevo in mente un post dedicato alla cronologia una volta finito tutto, ma ora mi spiego meglio. La numerazione delle storie è quella che indichi tu, Fabri. La mia, si capisce, è una numerazione arbitraria, degli episodi, e la mantengo così perché ormai ho preso quella linea. Di Quack, Immagini e altre storie fuoriserie parlerò in un post apposito, ma non me la sono sentita di numerarle progressivamente con quelle che considero ufficiali alla continuity, così come ho indicato Il respiro e il Sogno come un'unica storia e non quattro distinte.

Dunque non si tratta di un "errore" (che, intendiamoci, poteva anche capitare, mica sono infallibile, solo Tex lo è) ma di una scelta mia.

Ora mi è chiaro, anche se non lo dicevo in quel senso, Guitar, ma "Il respiro e il sogno" se la consideri come una storia unica solo
per comodità espositiva, ora l'ho capito; ma sia chiaro, che, oggettivamente, è sempre una quadrilogia, un      
ciclo composto da 4 storie distinte e indipendenti; ogni episodio è indipendente, ha un titolo ogni volta diverso; l'edizione originale  
delle 4 storie è uscita ciascuna in 4 pubblicazioni diverse, in anni diversi, come ha detto Marco.  una delle 4 storie, non
ricordo quale, è stata ristampata in un volume antologico con altre storie di Ken non facenti parte della quadrilogia.  
Per questo, alla fine, "Fin dove arriva il mattino", è la 92ma storia di KP.

old urkaleppa

_________________________________________________
ARSÈNE LUPIN, LADRO GENTILUOMO

FABRIZIO
avatar
Fabri73
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 2782
Data d'iscrizione : 21.01.15
Località : Quartu S.E. (CA)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: KEN PARKER

Messaggio Da natural killer il Sab 7 Gen 2017 - 18:53

Rimando alla cronologia che appare nel blog Lungo Fucile del mio amico Daniele Giambi "danuota".
Non è vangelo, ma è tra le più accreditate.

http://lunfucile.blogspot.it/p/la-cronologia_4.html

_________________________________________________
the haematologist
avatar
natural killer
MASTER IN ZAGOR
MASTER IN ZAGOR

Messaggi : 8597
Data d'iscrizione : 27.01.15
Località : Sardegna centro orientale

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: KEN PARKER

Messaggio Da Fabri73 il Sab 7 Gen 2017 - 19:01

non si parla della cronologia, che quella è e non si cambia; è che Il Respiro e
il Sogno non è una storia unica, ma un ciclo di 4 storie indipendenti:
- Cuccioli
- Soleado
- La Luna delle Magnolie in Fiore
- Pallide ombre

_________________________________________________
ARSÈNE LUPIN, LADRO GENTILUOMO

FABRIZIO
avatar
Fabri73
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 2782
Data d'iscrizione : 21.01.15
Località : Quartu S.E. (CA)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: KEN PARKER

Messaggio Da natural killer il Sab 7 Gen 2017 - 19:41

Su questo hai ragione, si tratta di quattro episodi di 20 tavole ciascuno distinti e non collegati apparsi a distanza nell'arco di tre anni accomunati dai bellissimi acquerelli di Milazzo e dall'assenza di testo.
Però anche nella edizione Mondadori Il respiro e il sogno viene presentato come episodio n.63 di 80 tavole. Quack è presente e le sue tre tavole sono inserite dopo Pallide ombre, ma non viene conteggiato nell''edizione Mondadori.
La numerazione adottata da Guitarjim è in definitiva la stessa adottata dalla ristampa della collana Serie Oro (1-62)

_________________________________________________
the haematologist
avatar
natural killer
MASTER IN ZAGOR
MASTER IN ZAGOR

Messaggi : 8597
Data d'iscrizione : 27.01.15
Località : Sardegna centro orientale

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: KEN PARKER

Messaggio Da Fabri73 il Sab 7 Gen 2017 - 19:45

ma nella Serie Oro il n. 61 comprende "Dove muoiono i titani " e "Un alito di ghiaccio". ciò significa che è una storia unica? No, sono sempre 2 storie distinte
pubblicate in un unico albo.

_________________________________________________
ARSÈNE LUPIN, LADRO GENTILUOMO

FABRIZIO
avatar
Fabri73
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 2782
Data d'iscrizione : 21.01.15
Località : Quartu S.E. (CA)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: KEN PARKER

Messaggio Da natural killer il Sab 7 Gen 2017 - 19:56

Qui è chiaro che si tratta di due episodi distinti benchè racchiusi in uno stesso albo.
Mi pare però di ricordare che Guitarjim nella sua esposizione abbia saltato Un alito di ghiaccio attribuendo il 61 a Dove muoiono i Titani che ha commentato, saltando poi a Il respiro e il sogno.
In ogni caso mi sta facendo venir voglia di riprendere la saga Lungo Fucile...

So long

_________________________________________________
the haematologist
avatar
natural killer
MASTER IN ZAGOR
MASTER IN ZAGOR

Messaggi : 8597
Data d'iscrizione : 27.01.15
Località : Sardegna centro orientale

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: KEN PARKER

Messaggio Da Guitarjim1982 il Dom 8 Gen 2017 - 14:05

@natural killer ha scritto:Qui è chiaro che si tratta di due episodi distinti benchè racchiusi in uno stesso albo.
Mi pare però di ricordare che Guitarjim nella sua esposizione abbia saltato Un alito di ghiaccio attribuendo il 61 a Dove muoiono i Titani che ha commentato, saltando poi a Il respiro e il sogno.
In ogni caso mi sta facendo venir voglia di riprendere la saga Lungo Fucile...So long

No Natural no ho saltato nessuna storia:
Scheda 61 Dove muoiono i titani
Scheda 62 Il respiro e il sogno
Scheda 63 Un alito di ghiaccio

Puoi controllare ci sono tutte le storie. L'inghippo nasce forse perché nella cover che ho utilizzato per Dove muoioni i titani (numero 61 della Serie Oro) è un albo doppio in cui fu inserito anche Un alito di ghiaccio. Ma ho dedicato a queste avventure un'apposita analisi. Confermo che il sito del tuo amico Danuta (utente che scrive anche su Vintageforum) è tra i migliori, l'unico difetto suo è che è un implacabile tifoso juventino  stella2

A margine aggiungo che per omogeneità e seguendo la "mia" linea, per esempio, nelle storie del Magazine, pubblicate spesso a puntate, ho inserito nelle mie schede una sola copertina nonostante alcune avventure di quella serie siano state pubblicate a più episodi e con più cover. L'unico strappo che ho fatto finora è stato Adah, per composizione intendo, ma le altre schede sono tutte uguali e tali dovrebbero restare. Poi, intendiamoci, quello che sto facendo finora per Berardi&Milazzo non ha nessuna pretesa se non quella di essere un omaggio affettuoso a Ken.
avatar
Guitarjim1982
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 4466
Data d'iscrizione : 20.01.15

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: KEN PARKER

Messaggio Da natural killer il Dom 8 Gen 2017 - 16:47

Trovata la scheda di Un alito di ghiaccio.
no-ta

_________________________________________________
the haematologist
avatar
natural killer
MASTER IN ZAGOR
MASTER IN ZAGOR

Messaggi : 8597
Data d'iscrizione : 27.01.15
Località : Sardegna centro orientale

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: KEN PARKER

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 25 di 27 Precedente  1 ... 14 ... 24, 25, 26, 27  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum