NICK RAIDER

Pagina 4 di 7 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: NICK RAIDER

Messaggio Da Guitarjim1982 il Gio 14 Gen 2016 - 13:25



DI NIZZI E MILAZZO

Omicidio al Central Park è un poliziesco di routine che Nizzi riesce abilmente a trasformare in un episodio ricco di suspense. La vittima è lei, la bella Helen Curtiss, una donna contesa da troppi uomini e la città di New York questa volta fa da sfondo a una vicenda torbida e a carattere famigliare. L'indagine sembra orientata verso un presunto colpevole ma la verità ha varie sfaccettature. Lo sanno bene i fidi Nick e Marvin alle prese, a metà storia, con un avvincente inseguimento stradale degno di un film d'azione: una scena montata da un Nizzi d'annata e disegnata magistralmente dal kenparkeriano Milazzo. In questo episodio c'è anche una comparsata illustre e letteraria: Steve Carell (qui per esigenze citazionistiche chiamato Steve Carroll) è il personaggio che fornisce al nostro Nick un importante indizio sul suo caso. Un omaggio per gli affezionati lettori - me compreso - dell'87° Distretto di Ed McBain. Anche in questo episodio, però, l'amarezza fa da sfondo a una storia di gelosia e amore e, come nel precedente Chinatown, il lieto fine non è pervenuto.
avatar
Guitarjim1982
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 4622
Data d'iscrizione : 20.01.15

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: NICK RAIDER

Messaggio Da Ninaccio il Gio 14 Gen 2016 - 16:26

Milazzo, che gran disegnatore!

_________________________________________________
avatar
Ninaccio
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 3396
Data d'iscrizione : 19.01.15
Località : Isola di Ustica

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: NICK RAIDER

Messaggio Da Guitarjim1982 il Lun 18 Gen 2016 - 19:08



DI NIZZI E RAMELLA

In questo puntata Nizzi torna per un momento nel west ma solo apparentemente perché c'è un assassino che usa arco e frecce e la vittima di abusi sessuali è un'indiana Navajo. Ne Il caso Geronimo abbiamo l'ambiente cinematografico rappresentato da quattro porci che decidono di filmare la loro prodezza girando un video compromettente ai danni della loro vittima. Ma saranno colpiti dalla vendetta di un novello Tiger Jack che li impalmerà con una freccia nella gola: poetico e molto S.S. Van Dine tipo L'enigma dell'Alfiere. Dall'Arizona di Tex alla New York di Nick, dunque, ma il Nostro eroe è impegnato in una lotta contro il tempo per scoprire l'assassino. E chi è l'assassino? Non ve lo dico, anche se Nizzi fornisce una serie di indizi che, a un occhio attento, non dovrebbero scappare. Una storia solo in parte texiana, quindi, perché quando c'è da fare giustizia Nick, a differenza di Tex, applica la legge e soprattutto l'assioma: la vendetta non è uno strumento che il cittadino può utilizzare a proprio piacimento. Con buona pace del mitico ranger bonelliano.


Ultima modifica di Guitarjim1982 il Ven 19 Feb 2016 - 17:28, modificato 2 volte
avatar
Guitarjim1982
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 4622
Data d'iscrizione : 20.01.15

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: NICK RAIDER

Messaggio Da Guitarjim1982 il Lun 18 Gen 2016 - 19:29



DI NIZZI E TRIGO

E non poteva mancare l'Inchiesta a luci rosse, con le modelle, il fotografo piacione, l'acida direttrice e ancora: droga, locali, spogliarelliste e puttane speculatrici. Qui Nizzi anticipa Fabrizio Corona e, dietro a una foto compromettente, si nascondono giochi di potere che coinvolgeranno un pezzo grosso di cui non si può fare il nome. Nick, insieme a un Marvin scatenato tra battute e doppi sensi, indaga su una storia in parte urbana e che ci mostra, dopo la Chinatown e il Central Park delle storie precedenti, il Ponte di Brooklyn, un altro dei luoghi simbolo della Grande Mela ma anche epitaffio per il suicidio. Ai disegni un Trigo poco convincente nei primi piani del volto di Nick ma capace nella composizione delle scene interne e in quelle d'azione: del resto la formula gialla di questa storia non viene meno e Nizzi imbastisce una trama semplice e che si lascia leggere d'un fiato.
avatar
Guitarjim1982
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 4622
Data d'iscrizione : 20.01.15

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: NICK RAIDER

Messaggio Da lukas luke il Lun 18 Gen 2016 - 20:12

Le cover di Casertano erano bruttine però Surprised

_________________________________________________
Il blog del gatto con la scure   hate-ok
http://ilgattoconlascure.blogspot.com/

x 5

BACHECA DEI TROFEI VINTI A FEBBRE A 90

50238 post nel vecchio forum
avatar
lukas luke
vincitore EUROPEO Febbre 90
vincitore EUROPEO Febbre 90

Messaggi : 11886
Data d'iscrizione : 03.01.14
Località : Last Chance Hotel

Vedi il profilo dell'utente http://ilgattoconlascure.blogspot.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: NICK RAIDER

Messaggio Da KLAIN il Lun 18 Gen 2016 - 21:06

infatti l'hanno sostituito in poco tempo *.*

_________________________________________________
ZAGROSKY , altrove...


Rispetto per i Di Vitto e per Pini Segna, grazie!!!
avatar
KLAIN
DIPLOMATO IN ZAGOROLOGIA
DIPLOMATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 1851
Data d'iscrizione : 24.01.15
Località : AVEZZANO

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: NICK RAIDER

Messaggio Da Preacher il Lun 18 Gen 2016 - 22:46

@lukas luke ha scritto:Le cover di Casertano erano bruttine però Surprised

Nulla di che, il logo prendeva troppo spazio all'albo. Surprised

_________________________________________________
"Non c'è cosa più deprimente dell'appartenere a una moltitudine nello spazio.
Né più esaltante dell'appartenere a una moltitudine nel tempo."Nicolás Gómez Dávila
avatar
Preacher
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 3474
Data d'iscrizione : 19.01.15
Località : Vasto(CH)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: NICK RAIDER

Messaggio Da lukas luke il Lun 18 Gen 2016 - 23:35

@Preacher ha scritto:
@lukas luke ha scritto:Le cover di Casertano erano bruttine però Surprised

Nulla di che, il logo prendeva troppo spazio all'albo. Surprised

Vero, però anche i disegni non è che erano il massimo...ricordo che le cover di Mastantuono erano di ben altro livello no-ta

_________________________________________________
Il blog del gatto con la scure   hate-ok
http://ilgattoconlascure.blogspot.com/

x 5

BACHECA DEI TROFEI VINTI A FEBBRE A 90

50238 post nel vecchio forum
avatar
lukas luke
vincitore EUROPEO Febbre 90
vincitore EUROPEO Febbre 90

Messaggi : 11886
Data d'iscrizione : 03.01.14
Località : Last Chance Hotel

Vedi il profilo dell'utente http://ilgattoconlascure.blogspot.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: NICK RAIDER

Messaggio Da Guitarjim1982 il Mar 19 Gen 2016 - 15:20

sì è vero, ma anche Nizzi disse che Casertano non fu la scelta migliore per le copertine dei primi numeri. Anzi, in tal proposito, è interessante leggere cosa disse l'autore nel volume Tex secondo Nizzi, scritto da Roberto Guarino, proprio in merito al suo personaggio. Più tardi posterò un paio di sue considerazioni. Potrei farlo adesso, ma ogni buon narratore sa creare momenti di suspense (non richiesti naturalmente) verso i propri lettori, aumentando l'attesa per creare quella giusta atmosfera noir o tipicamente inglese... colaz
avatar
Guitarjim1982
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 4622
Data d'iscrizione : 20.01.15

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: NICK RAIDER

Messaggio Da Guitarjim1982 il Mar 19 Gen 2016 - 19:21



DI NIZZI E CAPITANIO

Mi sono divertito in questo racconto che meritava davvero più pagine e che poteva e doveva essere più "urbano". Sì, lo ammetto, io ho un debole per le strade e le città, per inseguimenti, scene d'azione e sparatorie tra vicoli e grattacieli, ma in La valigia insanguinata invece di un film alla Arma Letale Nizzi ha concepito un telefilm alla NYPD, ma tant'è. La trama è esile ma non per questo meno godibile, una commedia dell'equivoco direi, dove un ladruncolo come Sammy "Cicca", vero protagonista di questa e in futuro di un'altra storia, viene in possesso di una valigetta non sua. Valigetta che fa gola a molti. E bisogna dire che qualcuno ucciderebbe pur di riaverla. Naturalmente questo "qualcuno" ucciderebbe anche il buon Sammy. E naturalmente ucciderebbe anche Nick e Marvin che, per aiutare Sammy, restano coinvolti nello spettacolare inseguimento automobilistico che fa da cardine a tutta la storia. Ah, i disegni di Capitanio sono spettacolari e dettagliati come pochi. Infine il cameo, simpatico e che strizza l'occhio ai cinefili con un attempato John Wayne nei panni dell'Ispettore Brannigan!
avatar
Guitarjim1982
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 4622
Data d'iscrizione : 20.01.15

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: NICK RAIDER

Messaggio Da Guitarjim1982 il Mar 19 Gen 2016 - 19:36

visto le richieste pressanti e i post incuriositi ( clap Surprised ) che sono arrivati e su che cosa l'autore di Nick Raider ha detto su Casertano vado a prendere direttamente da Tex secondo Nizzi. Ecco uno stralcio d'intervista:

Quanto al copertinista davo per scontato che sarebbe stato Claudio Villa (te sarebbe piaciuto eh Claudio) ma poiché faceva già le copertine per Dylan Dog si optò per Casertano, che è bravo ma più portato al grottesco che all’avventuroso.

Nizzi parla anche del periodo in cui Nick Raider è uscito:

Nick ebbe la sfortuna di uscire nel momento in cui esplodeva il fenomeno di Dylan Dog, che accentrò su di sé le attenzioni del mondo del fumetto e le cure della casa editrice.

Beh la storia editoriale di Nick Raider è partita in sordina ma le storie erano dignitose e le vendite buone! Ah, a inizio la serie doveva intitolarsi Nick Falcon ma sinceramente mi piace di più Raider! Ma leggiamo le impressioni di Nizzi sul personaggio:

Il personaggio aveva potenzialità per durare a lungo, c’era una vasta possibilità di sviluppi che potevano nascere dai problemi esistenziali suoi e dei compagni di squadra. A un certo punto i compagni erano scomparsi del tutto, Nick e Marvin si comportavano come due automi (questa è una tirata d'orecchi a Faraci e Piani, siate maledetti!).

Ma sempre in merito agli autori che gli succedettero:

Non se la sentirono di mettere mano a una vera evoluzione del personaggio e si attennero allo status quo.

Interessante la chiosa sulla serie inedita che Edizioni if e Gianni Bono ha tentato di lanciare nelle edicole:

Preferirei non soffermarmi su questo tentativo affrontato da Gianni con troppa leggerezza, senza una redazione adeguata. Per quanto riguarda la storia scritta da me, mi aveva promesso un disegnatore inglese di ottimo livello, mentre all’atto pratico ripiegò su dei dilettanti che rovinarono la mia sceneggiatura.

Infine, quello che pensava la moglie di Nizzi sulle ultime avventure di Nick Raider:

Le ultime storie non si basavano sui personaggi, ma semplicemente sugli omicidi di turno. Con molti automatismi, con personaggi stereotipati e storie senza calore. Io davo gli albi in lettura a mia moglie e le chiedevo: “Com’è?” La risposta che leggevo era quasi sempre: “Mmm” e allora non li leggevo.

E sono d'accordo con la moglie di Nizzi. Ecco, questo è tutto gente. Un post illuminato e degno questo con cui arrivo a 2400 messaggi.

Ci vuole un brindisi! cincin
avatar
Guitarjim1982
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 4622
Data d'iscrizione : 20.01.15

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: NICK RAIDER

Messaggio Da Guitarjim1982 il Lun 25 Gen 2016 - 12:43



DI NIZZI E CARAMUTA

E' la storia di una vendetta, di una fuga dal carcere, di un'indagine ricca di uccisioni, spesso coreografiche, e che coinvolgono il nostro Nick. "Lefty" Rack è evaso dal penitenziario di Sing Sing e vuole farsi giustizia da solo. Nizzi non ci dice perché gli uomini della mala l'abbiano fregato ed evita inutili spiegoni: spazio all'azione, dunque, e alle morti efferate che Lefty ha in serbo per i suoi nemici e per Nick, poliziotto che in passato ha contribuito al suo arresto. Una storia di vendetta, dicevo, una caccia all'eroe più che all'uomo perché Nizzi confina Nick e dà spazio a "Lefty", il vero mattatore della storia. Un personaggio che sembra uscito da una storia di Chester Gould, tracyniano per antonomasia e dalla risata facile che, naturalmente sembra imbattibile ma, alla fine, perirà per mano di chi non t'aspetti. Inutile dire che facevo il tifo per lui!
avatar
Guitarjim1982
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 4622
Data d'iscrizione : 20.01.15

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: NICK RAIDER

Messaggio Da Guitarjim1982 il Dom 31 Gen 2016 - 14:41



DI NIZZI E TRIGO

In Morte di una star abbiamo un'indagine poliziesca incentrata sulla morte di un'attrice ammaliatrice, la classica vamp tipica dei noir anni Quaranta: Sonia Cross è, o meglio era, una donna in grado di far batte il cuore (e non solo quello) ad attori e criminali. Un albo che sotto certi aspetti ricorda Inchiesta a luci rosse e, dopo la storia sul mondo della moda, l'autore ci mostra in modo velato l'ambiente televisivo. Nizzi non punta sull'accelaratore, non analizza i protagonisti nel loro intimo ma lascia tutto sospeso: intrighi, sensi di colpe, tradimenti e gelosie dei personaggi, piuttosto lineari, fanno parte di un minestrone lento a digerire. Nick e Marvin, però, si danno da fare, e riescono a districare un'indagine secondo la logica e i meccanismi tipici di un police procedural che si rispetti. Da segnalare l'esordio in Morte di una star di Violet, la giornalista che avrà un ruolo importante nella vita del nostro detective preferito. Ma... chi era in realtà Sonia Cross? Da lettore-guardone avrei voluto saperne di più su di lei.
avatar
Guitarjim1982
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 4622
Data d'iscrizione : 20.01.15

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: NICK RAIDER

Messaggio Da Guitarjim1982 il Dom 7 Feb 2016 - 14:34



DI NIZZI E FIORENTINI & SGATTONI

Un giudice in pensione si spara un proiettile in testa, una donna assassinata da due brutali assassini, una misteriosa inchiesta che interesserebbe i cosiddetti piani alti e un vice-procuratore distrettuale coinvolto in affari poco puliti: sono questi gli incredienti di una storia gialla per antonomasia ma torbida come non mai. Nel cercare questo nastro che scotta Nick fa come Tex e abbandona - seppur momentaneamente - il suo distintivo di Detective per dedicarsi, in proprio, nel perseguire un caso che, alcuni personaggi influenti di malavita e polizia, vorrebbero fosse archiviato. Ma Nick, proprio come Tex, ama agire nell'ombra e se ne sbatte dei regolamenti e dei codici. La patacca sta bene sul tavolo di ciao cara! Una storia, dunque, in cui per l'ennesima volta il lettore scopre che le cosiddette mele marce possono imperversare anche in un distretto di polizia. E se la malavita e i poteri corrotti si uniscono per far fuori il nostro eroe, egli potrà contare sui fidi Marvin, Jimmy e il buon vecchio Art che vegliano su di lui. E Nick, come sempre, ne uscirà a testa alta anche stavolta.
avatar
Guitarjim1982
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 4622
Data d'iscrizione : 20.01.15

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: NICK RAIDER

Messaggio Da Guitarjim1982 il Dom 7 Feb 2016 - 14:58



DI NIZZI E CARAMUTA

Protagonista di questa storia è un serial killer armato di stiletto che insidia solo donne mature e un po' racchie per poi farle innamorare e, in seguito, ucciderle e derubarle dei loro risparmi. Un proposito interessante e degno di nota, certo, anche perché il buon Donald è una sorta di Monsieur Verdoux di chapliniana memoria ma meno patetico e con tutta la freddezza dell'assassino risoluto. Gli annunci che Donald pubblica su cuori solitari oggi farebbero sorridere le milf di quest'epoca social, ma Nick e Marvin riescono a risalire alla sua identità grazie alla testimonianza di Lorna, amica di una delle vittime. Finale in crescendo, con tanto di inseguimento e sparatoria... ma non saranno i due Detectives a uccidere l'avido Donald... perché chi di stiletto ferisce, di stiletto perisce! Mai deludere le aspettative di una donna innamorata!
avatar
Guitarjim1982
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 4622
Data d'iscrizione : 20.01.15

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: NICK RAIDER

Messaggio Da Guitarjim1982 il Sab 13 Feb 2016 - 13:26



DI NIZZI E ANTINORI

Per la prima volta nella serie Nizzi tenta la strada dell'horror e lo fa in una vicenda ispirata al film Rosemarys' Baby del regista Roman Polanski. Nel gestire l'aspetto gotico di questa vicenda l'autore non convince pienamente (come invece accadrà nel più riuscito Special di qualche anno dopo L'Incubo, non a caso disegnato dal dylandoghiano e divino Roi). Ed è proprio nell'incubo, o meglio, nelle visioni di una medium che un pragmatico Nick cercherà di districare l'ingarbugliata matassa sulla sparizione di Mary Rose. Nizzi non dimentica che noi lettori di gialli vogliamo anche l'azione! A metà albo la sparatoria e l'inseguimento di un malvivente coinvolto nell'organizzazione di satanisti vale il prezzo del biglietto: bang bang tra scale mobili, vagoni, pendolari e lungo l'immancabile galleria metropolitana. Che fine ha fatto Mary Rose? - titolo giallo per eccellenza - è una storia amara e non soltanto la ricerca di una ragazza coinvolta in qualcosa che va oltre la normalità. E quando c'è di mezzo il Diavolo, signori, solo l'amore potrà salvarci.


Ultima modifica di Guitarjim1982 il Sab 20 Feb 2016 - 15:04, modificato 2 volte
avatar
Guitarjim1982
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 4622
Data d'iscrizione : 20.01.15

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: NICK RAIDER

Messaggio Da Guitarjim1982 il Sab 13 Feb 2016 - 13:47



DI NIZZI E TRIGO

Questa è la storia di un lavoro di squadra, di poliziotti e appostamenti, inseguimenti notturni e travestimenti. Nick, Marvin, Jimmy e la seducente Mary Ford indagano su un furto d'appartamento che, come da tradizione del genere, nasconde qualcosa di più. L'omicidio della signora Graham non è il solito furto di gioielli dove c'è scappato il morto, pardon, la morta, ma una faccenda torbida di tradimenti coniugali, foto compromettenti, indomiti cigolò e donne anziane vogliose di compagnia. Qualcuno nasconde un segreto e dietro quest'omicidio c'è qualcosa che non quadra: sarà compito di Nick scoprirlo, aiutato dai fidi Marvin e Jimmy, che per l'occasione si travestono da inediti idraulici. Il buon Nizzi sa come accontentarmi e, pur mantenendo il suo solito iter tipicamente police procedural (ovvero: indagini condite di realismo e a rigor di logica, lente e che poi crescono nel finale) non lesina l'immancabile e rocambolesco inseguimento notturno (questa volta in macchina) per le strade di New York, con un Nick da ritiro immediato della patente! E la soluzione di questo giallo - paradossalmente - ha del beffardo: è proprio in una multa non pagata che i nostri agenti riusciranno a scoprire di chi è Un volto nella notte!
avatar
Guitarjim1982
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 4622
Data d'iscrizione : 20.01.15

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: NICK RAIDER

Messaggio Da Guitarjim1982 il Sab 13 Feb 2016 - 14:04



DI NIZZI E CARAMUTA

In una serie gialla poteva mancare il sequestro di persona? Lo scoprirà sulla sua pelle Sharon Shelby, affascinante giornalista televisiva. Il sequestratore è Joe Rasko che da subito attira le mie simpatie: ghigno malefico e grilletto facile il buon Joe, in fondo, non è tipo da accettare due di picche. Rapire Sharon, chiedere trecentomila dollari al suo facoltoso fidanzato, incassare i soldi e non restituire la bella è il suo geniale piano. Ma, purtroppo per lui, l'irriducibile Nick Raider si mette sulle sue tracce. L'inedita sparatoria sui tetti e il rocambolesco ritrovamento di Sharon sono gli aspetti secondari di questa vicenda, così come il siparietto comico con il Capitano Vance a fine albo: anche in questo caso Nizzi, coadiuvato da un Caramuta in versione "Chester Gould", lascia spazio all'antagonismo più che al protagonismo. Dall'assassino senza scrupoli "Lefty" Rack di Caccia all'uomo al Joe Rasko di questa storia il passo è breve. Un passo che, purtroppo per loro, li ha condotti davanti alla morte e alla pistola del Detective di punta della Squadra Omicidi.
avatar
Guitarjim1982
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 4622
Data d'iscrizione : 20.01.15

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: NICK RAIDER

Messaggio Da Guitarjim1982 il Ven 19 Feb 2016 - 17:49



DI NIZZI E CAPITANIO

Il Rapimento è una storia soft, ossia: meno poliziesco e più comedy con l'apoteosi dell'ambientazione urbana. E' infatti lungo tutta la quinta strada di Manhattan che Claudio Nizzi costruisce una trama con il più lungo inseguimento automobilistico su strada e rampe autostradale mai viste in una serie gialla. Gioia per i miei occhi. Sammy "Cicca", sfortunato ma simpatico ladro già visto in La valigia insaguinata, ruba un'auto ma non si accorge che, al suo interno, c'è un bebè lasciato da un'incauta mamma danarosa (un espediente quasi chapliniano oserei dire). Tornato a casa lo affida alla sua compagna e insieme decidono il da farsi, ma non si accorgono che due banditi origliano dietro a una porta, escamotage che gli aficionados di Tex odieranno e che Nizzi utilizzerà fino all'eutanasia nelle storie del ranger. I malviventi decidono di rapire a loro volta il bambino per chiederne riscatto. Nick e Marvin, ma anche Jimmi, Arthur e il nano Alfie parteciperanno a questa storia corale e ricca di humor, forse l'episodio più divertente di tutta la saga raideriana. Un albo reso impareggiabile dai disegni di Capitanio che riesce a rendere vivida e luminosa la città di New York, le sue strade, i semafori e le insegne dei locali grazie a uno stile miniaturista di grande efficacia.
avatar
Guitarjim1982
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 4622
Data d'iscrizione : 20.01.15

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: NICK RAIDER

Messaggio Da Guitarjim1982 il Ven 19 Feb 2016 - 18:00



DI NIZZI E TRIGO (SOGGETTO DI COLOMBO)

Città crudele più che un giallo è un poliziesco a tinte noir ed è una delle storie più ambiziose dei primi Nick Raider. Il soggetto del dampyriano Colombo si sente, si avverte, si annusa quasi, e infatti Nizzi sceneggia una storia in cui l'approfondimento psicologico e intimista dei personaggi, quasi sempre dannati e sconfitti, è il perno su cui si basa la vicenda. Lo stesso imput iniziale è drammatico: il ferimento di Marvin Brown, l'amico fraterno di Nick, durante un appostamento. E aggiungiamoci un commandos di colombiani incazzati, un vecchio poliziotto divenuto scrittore di successo che nasconde una macchia nel suo passato, un Arthur Rayan rapito e drogato, e Nick alle prese con due spacciatori senza scrupoli. Ed è comunque il Tenente Art a rubare la scena nel finale a Nick, ma in questo stupenda storia la pioggia, come ogni noir che si rispetti, fa da sfondo ai vari interpreti, bagnando le strade lastricate di sangue e le coscienze che vogliono redimersi e che cercano riscatto... nelle pagine in bianco e nero degnamente illustrate da Gustavo Trigo.
avatar
Guitarjim1982
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 4622
Data d'iscrizione : 20.01.15

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: NICK RAIDER

Messaggio Da Guitarjim1982 il Mer 24 Feb 2016 - 11:39



DI NIZZI E MILAZZO

In una New York invasa dalla neve che ricopre le strade e i capannoni dei Docks, le luci dei riflettori questa volta sono puntati su Jimmy Garnett. Uno spacciatore di coca ucciso, una misteriosa e costosissima pipa, un caso come tanti altri e lei, Juanita, la ragazza della "prima volta" di Jimmy. E l'amore, in ogni sua forma e in ogni colore è fatto di eventi e di incontri, alle volte strani, alle volte scritti dal destino. Tra ricatti e un'accusa di omicidio Jimmy dovrà per una volta lasciare i computer del distretto e scendere in prima linea in una storia che sembra tratteggiata col gesso da Ivo Milazzo, disegnatore evanescente e poetico, capace di far recitare i personaggi che ora diventano attori in una Grande Mela imbiancata e natalizia. Nizzi poi ci regala la stupenda scena dell'autobus e le vignette mute dei due giovani tra i negozi e le strade addobbate per il Natale: Vorrei averti incontrato prima sussurra malinconicamente Juanita e poi, nel suo appartamento, mentre fanno l'amore Jimmy, forse per una volta, si sente protagonista della sua vita più che di una storia a fumetti.
avatar
Guitarjim1982
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 4622
Data d'iscrizione : 20.01.15

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: NICK RAIDER

Messaggio Da Guitarjim1982 il Mer 24 Feb 2016 - 12:07



DI NIZZI E POLESE (SOGGETTO DI COLOMBO)

Il titolo richiama il famoso film con Charles Bronson ma è la storia di un assassino che ha un modo tutto suo di concepire la giustizia. La cornice di questa secondo special è Central Park e i suoi tre milioni quadrati di prati, laghi e boschi. Un posto perfetto per fare jogging, portare il cane a spasso, imboscarsi con la fidanzata e per ammazzare. Di notte Central Park assomiglia a una terra di frontiera, teatro di spacciatori e puttane. Ed è qui che Nick Raider dovrà scoprire l'identità dell'assassino "con la balestra" che sembra colpire la feccia dell'umanità. Il travestimento di Marvin da battona è puro trash, ma i nostri eroi non sarà con questi espedienti che troveranno il giustiziere. Una vicenda cruda e con insoliti protagonisti: una sensuale giornalista televisiva, un nazi-attivista con il pallino dell'ecologia e un ex reduce del Vietnam. No, non ci troviamo sul set di Rambo, signori, ma Nizzi in questo caso sfrutta l'abilità di Colombo nel tratteggiare i personaggi nei suoi soggetti donandogli una spiccata anima noir. Uno special pennellato da un convincente e mai troppo lodato Polese che, pur con l'happy handing, lascia l'amaro in bocca. Il giustiziere della notte è un albo clamorosamente anni '80 per il suo riferimento all'imperversante criminalità che in quel periodo rese New York una delle città più violente del pianeta. Ma i newyorkesi non potevano contare su un agente indomito come il nostro Nick!
avatar
Guitarjim1982
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 4622
Data d'iscrizione : 20.01.15

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: NICK RAIDER

Messaggio Da Guitarjim1982 il Dom 28 Feb 2016 - 14:21



DI NIZZI E ROSSI

Le storie ambientate fuori New York sono poche e Il quarto testimone conferma la regola mantenendo una sua eccezionalità, come vedremo poi nella "vacanza" italiana del famoso numero 100. A differenza di Zagor, quindi, Nick non è un eterno e romantico vagabondo, ma un detective che ha il suo habitat naturale nella Grande Mela, ma in questa storia Nizzi si concede un episodio on the road fino a Los Angeles. Scortare un testimone invischiato in un affare di mafia è la missione che viene affidata al nostro Nick dall'FBI. Il testimone in questione è la classica donna del capo, Alice Wilson-Marilyn Monroe, che ha deciso di vuotare il sacco sulle attività del suo fidanzato, Joe Bonsanto. In questo movimentato action Nizzi riesce a rendere la trama ricca di stacchi cinematografici e vignette mute, sperimentando in questa serie più di quanto non poteva, all'epoca, fare su Tex. Nick inoltre non resterà insensibile al fascino di Alice, anche perché il nostro eroe, nelle storie nizziane, a differenza di quegli Adinolfi di Piani e Faraci, manterrà sempre un atteggiamento da duro che non lascia sfuggirsi una scappatella. Nonostante Alice, come spesso accade in avventure di questo tipo, nasconde un segreto. Una trama con qualche licenza maliziosa, dunque, ma che non stona in mezzo alle tantissime scene d'azione di cui è ben condito questo episodio. Anzi, si potrebbe dire che ne è la ciliegina sulla torta. Di crema gialla, visto il genere.
avatar
Guitarjim1982
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 4622
Data d'iscrizione : 20.01.15

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: NICK RAIDER

Messaggio Da Guitarjim1982 il Dom 28 Feb 2016 - 14:45



DI NIZZI E CARAMUTA

La maschera dell'assassino è una storia ambientata nella New York di inizio anni Novanta: la scena inizia con la première del film Dick Tracy, di Warren Beatty, che davvero uscì nel 1990. Un esempio di contemporaneità che risulta divertente e Nizzi non si lascia scappare l'occasione di citare i vari villain dello storico fumetto. Protagonista di questa insolita avventura è Teschio, criminale assoldato da Vito Saracyno per assassinare uno dei produttori del film, ma anche un integerrimo mafioso che per ricompensarlo tenterà di scioglierlo nell'acido. Ma il nostro Teschio non è un tipo facile da addomesticare e costringerà Nick e Marvin a un lungo inseguimento in provincia. Una delle scene più maliziose di tutti i tempi è quando Teschio cattura la bella Violet e la costringe a fare la doccia insieme: il sadico - ma casto - Nizzi non ci mostra niente di ciò che è avvenuto tra i due, e nella sequenza successiva ci mostra l'amabile Teschio con addosso l'accappatoio. La domanda sorge spontanea: avrà abusato della bella Violet? Quesito senza risposta perché il nostro eroe contribuirà comunque a catturare questo insolito criminale. Un albo beffardo, diciamocelo, e con un Caramuta ai disegni che sembra la reincarnazione visiva di Chester Gould, ma c'è tanta azione e poco spazio per l'introspezione psicologica (mica richiesta) dei personaggi. In fondo, nel suo finale beffardo questo episodio ci mostra il povero Teschio sciogliersi in quell'acido che il buon Saracyno aveva preparato per lui. Evidentemente non si scherza con le donne di Nick!
avatar
Guitarjim1982
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 4622
Data d'iscrizione : 20.01.15

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: NICK RAIDER

Messaggio Da Guitarjim1982 il Dom 28 Feb 2016 - 15:00



DI NIZZI E STRAFFI

Le avventure seriali impongono agli autori di imbastire un passato per l'eroe di turno perché il lettore è curioso e avido di conoscere particolari sulle trascorse vicende del suo personaggio preferito. Per questo ci sono stati i vari Zagor Racconta, Il passato di Tex, Mister No va alla guerra... albi memorabili. In una serie come quella di Nick Raider Nizzi non ha rinunciato a questo espediente e, di volta in volta, ha abilmente inserito molti tasselli sul passato del nostro eroe che poi vedremo più avanti. Missione nel Bronx è una storia meravigliosa ma più epico è il personaggio di Abe King, che riesce a trasformare una giovane recluta come Nick nel duro che conosciamo tutti. Il Bronx fa da sfondo a una vicenda cupa che forse meritava un albo in più per essere raccontanta, ma Nizzi si dimostra impareggiabile nei dialoghi e nella costruzione di un personaggio come il gigantesco Abe. Un uomo dai metodi spicci che sarebbe piaciuto di certo a Tex. Missione nel Bronx è un dramma recitato non solo da Abe ma anche dal suo vecchio amico Malcom e dalla bella Deborah. Una vicenda costruita tra il passato e il presente che diventa una sorta di noir, ma anche un triangolo sentimentale dal finale amaro in cui Nick, per tutta la storia, fa da comparsa. Perché alle volte anche agli eroi tocca far da spalla!
avatar
Guitarjim1982
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA
LAUREATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 4622
Data d'iscrizione : 20.01.15

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: NICK RAIDER

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 4 di 7 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum