Il giorno dell'invasione (n.600)

Pagina 3 di 7 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Seguente

Andare in basso

Il giorno dell'invasione (n.600) - Pagina 3 Empty Re: Il giorno dell'invasione (n.600)

Messaggio Da graziano il Gio 2 Lug 2015 - 15:24

JACOPO RAUCH complimenti vivissimi,una storia di sole 98 pagine scritta molto ma molto bene senza eccessivi spiegazionismi fluida e di facile lettura
i disegni??? e che vi dico quando scende in campo uno così tz/ tz/ tz/ tz/ tz/ tz/ tz/
IMMORTALE
graziano
graziano
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 2867
Data d'iscrizione : 19.01.15
Località : falconara marittima

Torna in alto Andare in basso

Il giorno dell'invasione (n.600) - Pagina 3 Empty Re: Il giorno dell'invasione (n.600)

Messaggio Da Ospite il Gio 2 Lug 2015 - 15:25

@graziano ha scritto:JACOPO RAUCH  complimenti vivissimi,una storia di sole 98 pagine scritta molto ma molto bene senza eccessivi spiegazionismi fluida e di facile lettura
i disegni??? e che vi dico quando scende in campo uno così tz/  tz/  tz/  tz/  tz/  tz/  tz/
IMMORTALE

aaaaaaaaarghhhhhhhhhh devo ancora comprarlo, maledizione Laughing

Mi fa piacere che i disegni del Maestro siano stati all'altezza della situazione. Ma dubbi non ce n'erano.

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Il giorno dell'invasione (n.600) - Pagina 3 Empty Re: Il giorno dell'invasione (n.600)

Messaggio Da Ospite il Gio 2 Lug 2015 - 16:03

SPOILER
 
 
Non so perchè,ma in tutta la storia raccontata nel seicentesimo,mi sono venuti in mente certi agganci.
Per esempio, la cupola di "The Dome" , il teletrasporto di "Stargate" fino a qualche atmosfera per nostalgici di Brad Barron.
Insomma,per chi è amante delle ricerche dettagliate,ci sarebbe da sbizzaririsi.
La cosa che piu' appare chiara è che il seicentesimo è un'albo celebrativo assai degno.Contiene tutti i clichè zagoriani,qualche buona trovata,una bella storia,bei disegni,ottima colorazione.
Non mi aspettavo nulla di piu' e nulla di meno e quindi mi ritengo soddisfatto.
Fare meglio in così poche pagine,era francamente impossibile.
Rauch ci ha tentato a misurarsi con gli akkroniani e,per larghi tratti,ci riesce benissimo.
Forse la storia scorre troppo veloce,Zagor sembra quasi infallibile al cospetto di un'avanzata tecnologia aliena,ma cio' non scontenta lo zagoriano,il quale sa benissimo che le celebrazioni sono giocoforza assai attese ed il rischio di un flop è altissimo.
Quindi già avere evitato una figuraccia,lo ascriverei a merito di Rauch perchè a parte "Il mio amico Guitar Jim" ,collocherei il 600° al secondo posto di una ipotetica classifica di celebrativi e prima di "Magia Indiana" per il solo fatto che,riprendere uno dei capisaldi della saga zagoriana e non farne un colabrodo,è un merito assoluto.
Ottimo l'uso di Cico e della gag di chiaro stampo nolittiano,memore dei bei tempi andati.
Posso dire qualcosa che non mi è piaciuta?
Prima di tutto la cover,non perchè non sia all'altezza,ma in quanto quello Zagor a gambe spezzate,insomma mi pare un pugno nell'occhio.
Leggendo l'albo,non ho ritrovato lo Zagor di Ferri che è sicuramente molto piu' spigoloso ed abbozzato negli ultimi tempi.Credo che il Maestro,senza che nessuno gli tolga dei meriti assoluti,venga un attimino "aggiustato" in redazione,per renderlo magari con un disegno piu' rotondo ed adatto al colore.
Colori molto belli,con i pattern di colore usualmente usati dalla Bonelli e riprodotti benissimo da questa fantomarica GFB Comics di cui ne sconosco le gesta.In ogni caso,assai gradevoli.
Hurrà per il 600° e sotto con Hellingen.
Bravi tutti.
Zagor sorprende...sempre e forse è proprio questo il suo segreto di longevità.

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Il giorno dell'invasione (n.600) - Pagina 3 Empty Re: Il giorno dell'invasione (n.600)

Messaggio Da MASSIMO il Gio 2 Lug 2015 - 17:47

Da parte mia un plauso per questo numero 600 che ci offre una storia che, in poche pagine (ne avrebbe ulteriormente guadagnato con mezzo albo in più), ci offre il meglio di ZAGOR. Una storia ben scritta e ben sviluppata, veloce, che non concede pause alla lettura e che si dimostra all'altezza del centenario.
I disegni: finalmente!!! "Aggiustati" sicuramente, ma ci offrono GRANDE spettacolo e lustro per gli occhi. Non ho fatto altro che guardarmi e riguardarmi i primi piani di ZAGOR e soprattutto di CICO, magnificamente disegnato.
La cover avrebbe potuto consegnarci una posa migliore e più completa di ZAGOR.....
Albo da non perdere, tra i migliori di quelli a colori pubblicati.
MASSIMO
MASSIMO
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 3167
Data d'iscrizione : 21.01.15
Località : Sant'Eufemia D'Aspromonte (RC)

Torna in alto Andare in basso

Il giorno dell'invasione (n.600) - Pagina 3 Empty Re: Il giorno dell'invasione (n.600)

Messaggio Da Darko Mrgan il Gio 2 Lug 2015 - 22:00

BECCATA oggi a Treviso!!!!
Ho letto forse 40 pagine durante il viaggio di ritorno.
Fino adesso, Rauch SPLENDIDO!

_________________________________________________
Caricature e illustrazioni
www.mrgan-art.blogspot.com
Darko Mrgan
Darko Mrgan
MATRICOLA DEL FORUM
MATRICOLA DEL FORUM

Messaggi : 458
Data d'iscrizione : 19.01.15
Località : Darkowood, Repubblica Serba

http://mrgan-art.blogspot.com

Torna in alto Andare in basso

Il giorno dell'invasione (n.600) - Pagina 3 Empty Re: Il giorno dell'invasione (n.600)

Messaggio Da Francesco77 il Gio 2 Lug 2015 - 23:37

Ramath ha scritto:
Non so perchè,ma in tutta la storia raccontata nel seicentesimo,mi sono venuti in mente certi agganci.
Per esempio, la cupola di "The Dome" , il teletrasporto di "Stargate" fino a qualche atmosfera per nostalgici di Brad Barron.

Effettivamente La trovata finale per annientare la flotta akkroniana è presa di peso dal finale di Stargate (che, per inciso, è uno dei miei film preferiti quindi la cosa mi ha fatto piacere...)

_________________________________________________
Per tutti gli intrugli di mio nonno farmacista!

Francesco77
SAPIENTONE DI ZAGOR
SAPIENTONE DI ZAGOR

Messaggi : 854
Data d'iscrizione : 19.01.15
Località : Vigevano

Torna in alto Andare in basso

Il giorno dell'invasione (n.600) - Pagina 3 Empty Re: Il giorno dell'invasione (n.600)

Messaggio Da KLAIN il Gio 2 Lug 2015 - 23:48

ZAGOR 600 : traguardo incredibile, obiettivo 700 possibile? vedremo....
Storia celebrativa , filo conduttore esile ma coerente con la storia narrativa zagoriana, di più non si poteva, credo.
C'è persino spazio per una canzoncina con minigag di Cico coerente con l'inizio della storia, cosa che ormai è più rara di un 6 al superenalotto
che dire di nuovo? che in questo modo si pongono le giuste basi per un ritorno ''realistico'' di Hellingen ?
SI !!!
un albo celebrativo dal gustoso sapore vintage, che si mangia a colazione almeno gli ultimi 3 albi che avevano le medesime pretese.
Bravo Rauch!
...e bravo Ferri, alcune vignette sono ancora di ottimo livello.old

_________________________________________________
ZAGROSKY , altrove...
Il giorno dell'invasione (n.600) - Pagina 3 2la5wyo

Rispetto per i Di Vitto e per Pini Segna, grazie!!!

Detrattore con la scure!!!
KLAIN
KLAIN
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 2611
Data d'iscrizione : 24.01.15
Località : AVEZZANO

Torna in alto Andare in basso

Il giorno dell'invasione (n.600) - Pagina 3 Empty Re: Il giorno dell'invasione (n.600)

Messaggio Da RemovedQuasar il Ven 3 Lug 2015 - 10:41

obiettivo 700 possibile? vedremo....

Gulp perchè dici così? zzzz

Comunque, storia bellissima! Mi è piaciuta davvero tanto! Mi ero sempre chiesto se fossero tornati e rimetterli nel 600 è per me un regalo meraviglioso! q*


Però trovo una cosa un pò irreale, no non parlo di muri invisibili, di controllo mentale o altro....mi chiedo come abbia fatto Zagor a sollevare da solo quel mattone di bomba! clap clap
RemovedQuasar
RemovedQuasar
Novellino del forum
Novellino del forum

Messaggi : 131
Data d'iscrizione : 03.07.15

Torna in alto Andare in basso

Il giorno dell'invasione (n.600) - Pagina 3 Empty Re: Il giorno dell'invasione (n.600)

Messaggio Da Thunderman78 il Ven 3 Lug 2015 - 20:56

Letta e valutata nell'ottica di una storia celebrativa è una buona storia. Però se ripenso all'ottimo soggetto e ai nemici di sicuro spessore come gli akkroniani mi rimane un po' di amaro in bocca di non aver visto sfruttato il tutto in più albi o in almeno un albo di 130 pag.
Gli akkroniani,la conquista della terra,le armi sacre sono tutti spunti che avrebbero meritato maggior spazio e non solo un albo singolo, con tutto che è stata una buona storia, però rimane più il rimpianto che la soddisfazione.
Ferri ancora resiste,almeno nei disegni non gli si può imputare nulla diversamente dalle copertine.

Storia: 7
Disegni: 8


_________________________________________________
http://www.mitiemisteri.it/index.html
Thunderman78
Thunderman78
DIPLOMATO IN ZAGOROLOGIA
DIPLOMATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 1178
Data d'iscrizione : 20.01.15

Torna in alto Andare in basso

Il giorno dell'invasione (n.600) - Pagina 3 Empty Re: Il giorno dell'invasione (n.600)

Messaggio Da KLAIN il Ven 3 Lug 2015 - 22:26

@RemovedQuasar ha scritto:
obiettivo 700 possibile? vedremo....

Gulp perchè dici così? zzzz

E' una domanda con risposta provocatoria : io sono sicuro del prossimo traguardo, ma in rete qualcuno lo ha messo in forte dubbio ^^77ò

_________________________________________________
ZAGROSKY , altrove...
Il giorno dell'invasione (n.600) - Pagina 3 2la5wyo

Rispetto per i Di Vitto e per Pini Segna, grazie!!!

Detrattore con la scure!!!
KLAIN
KLAIN
DOTTORE DEL FORUM
DOTTORE DEL FORUM

Messaggi : 2611
Data d'iscrizione : 24.01.15
Località : AVEZZANO

Torna in alto Andare in basso

Il giorno dell'invasione (n.600) - Pagina 3 Empty Re: Il giorno dell'invasione (n.600)

Messaggio Da strepa il Ven 3 Lug 2015 - 23:25

Devo dire la verità: visti il soggetto ed il limitato spazio a disposizione, avevo qualche perplessità sulla riuscita della storia.
Invece Rauch ha scritto un albo centenario decisamente buono, ben orchestrato e bilanciato che già dal prologo colloca Zagor nella leggenda.
La vicenda poi è costruita in modo da rafforzare l'aura mitica ed epica che circonda lo Spirito con la Scure, ma lo fa senza forzature (la sequenza in cui Zagor da solo solleva la bomba e la scaglia nel teletrasporto non è più inverosimile di tante altre in cui sposta con disinvoltura tronchi o altri oggetti pesantissimi), senza indulgere in facili sentimentalismi autoreferenziali.
Certo, l'esiguità delle pagine a disposizione (forse si sarebbe potuto investire su una trentina in più) non consente di articolare appieno un soggetto dal potenziale notevole, ma la vicenda è comunque coinvolgente e "prende" il lettore dalla prima all'ultima pagina.
Zagor è ben sfruttato e Rauch riesce a ritagliare un po' di spazio anche per Cico, nella gag iniziale e persino più avanti, facendogli fare, tra l'altro, quello che gli viene meglio: danni.
Insomma, bravo Rauch che ci regala una storia in vago stile nolittiano, anche nella rielaborazione di suggestioni cinematografiche diverse, da Stargate a Star trek.
Bravo, anche se forse "aiutato", Ferri: nonostante qualche imprecisione, il maestro ci fornisce una prova godibile, arricchita da una colorazione che aiuta e non deprime.
A mio avviso anche quest'ultimo albo conferma il buon periodo di Zagor.

Voto alla storia: 9
Voto ai disegni: 8,5


Ultima modifica di strepa il Sab 4 Lug 2015 - 23:36, modificato 1 volta

_________________________________________________
Andrea

Per aspera ad astra
strepa
strepa
DIPLOMATO IN ZAGOROLOGIA
DIPLOMATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 1851
Data d'iscrizione : 19.01.15
Località : Tavernerio

Torna in alto Andare in basso

Il giorno dell'invasione (n.600) - Pagina 3 Empty Re: Il giorno dell'invasione (n.600)

Messaggio Da contericci il Sab 4 Lug 2015 - 0:50

Sono rimasto molto perplesso. Da amante del genere fantascientifico (letterario), la storia non è certo degna di menzione. Capirete: il mio metro di giudizio sono i romanzi di Asimov, Frederic Brown, Arthur Clarke, John Wyndham. Il problema che viene a crearsi, fantascientificamente parlando, quando si scontrano civiltà capaci di attraversare gli spazi siderali, e civiltà poco più che primitive, è quello del confronto impari e/o improponibile che non può che risolversi a favore del più "debole", scadendo sovente nel ridicolo con espedienti non all'altezza. In questo caso lo scudo imperforabile dalle armi aliene che diventa tale se maneggiato dall'umano zagor-te-nay, è la metafora del bene, della saldezza che deve contraddistinguere i  nobili ideali di pace, di fratellanza e concordia universale, ideali che prevalgono sempre di fronte alle forze del male, anche quando sembra tutto perduto. Per me la vicenda del numero 600 rappresenta un passo indietro rispetto alla spettacolare storia del 1980 in cui, in un crescendo rossiniano, Nolitta, Ferri e Bignotti ci tennero avvinti per quasi cinque albi. Questa, che era lunga meno di un albo e con un finale uguale al precedente, sarà ricordata solo per i disegni di Ferri.

Voto complessivo alla storia: 5
contericci
contericci
ZTN BABY
ZTN BABY

Messaggi : 359
Data d'iscrizione : 20.01.15

Torna in alto Andare in basso

Il giorno dell'invasione (n.600) - Pagina 3 Empty Re: Il giorno dell'invasione (n.600)

Messaggio Da strepa il Sab 4 Lug 2015 - 7:02

@contericci ha scritto:Sono rimasto molto perplesso. Da amante del genere fantascientifico (letterario), la storia non è certo degna di menzione. Capirete: il mio metro di giudizio sono i romanzi di Asimov, Frederic Brown, Arthur Clarke, John Wyndham. Il problema che viene a crearsi, fantascientificamente parlando, quando si scontrano civiltà capaci di attraversare gli spazi siderali, e civiltà poco più che primitive, è quello del confronto impari e/o improponibile che non può che risolversi a favore del più "debole", scadendo sovente nel ridicolo con espedienti non all'altezza. In questo caso lo scudo imperforabile dalle armi aliene che diventa tale se maneggiato dall'umano zagor-te-nay, è la metafora del bene, della saldezza che deve contraddistinguere i  nobili ideali di pace, di fratellanza e concordia universale, ideali che prevalgono sempre di fronte alle forze del male, anche quando sembra tutto perduto.

Arthur C. Clarke ha scritto un bellissimo racconto sull'argomento: "Superiorità". E' la storia di un conflitto tra due civiltà che viene vinto da quella più arretrata perché quella più progredita tecnologicamente si intestardisce nel volere utilizzare armi sempre più avanzate. Alla fine perde perché la civiltà meno sviluppata sfrutta al meglio quello di cui dispone.
In questo numero di Zagor accade la stessa cosa: gli akkroniani potrebbero semplicemente radere al suolo Darkwood con le armi che hanno, ma non lo fanno perché vogliono impadronirsi del segreto delle armi che li hanno sconfitti in passato. La loro smania di sapere e di progredire li rende ciechi e stupidi e per questo, senza rendersene conto, mettono Zagor in condizione di potere usare quel che ha: il coraggio della disperazione, la determinazione, l'intelligenza e la fede in qualcuno di trascendentale.
Certo, le misere armi di Zagor nulla potrebbero contro gli alieni senza un aiuto mistico, ma è proprio questa combinazione di coraggio ed investitura divina che muta un eroe in leggenda.
Rauch ha ben giocato, a mio vedere, queste carte ed ha saputo trasformare un breve racconto di passaggio (ennesimo tassello di un mosaico più ampio) in un degno albo centenario celebrativo.

_________________________________________________
Andrea

Per aspera ad astra
strepa
strepa
DIPLOMATO IN ZAGOROLOGIA
DIPLOMATO IN ZAGOROLOGIA

Messaggi : 1851
Data d'iscrizione : 19.01.15
Località : Tavernerio

Torna in alto Andare in basso

Il giorno dell'invasione (n.600) - Pagina 3 Empty Re: Il giorno dell'invasione (n.600)

Messaggio Da wakopa il Sab 4 Lug 2015 - 9:54

S
P
O
I
L
E
R

Includendo anche il celebrativo "scrigno di Manito",gli ultimi 4 colorati indugiano tutti in qualche modo sul tema inflazionato della magia indiana flower
roba da far rimpianger "la corsa delle sette frecce" q*

La storia mi e' piaciuta,bravo Rauch a condensare in poche pagine un po' tutto l'universo zagoriano,c'e' mancata solo l'apparizione teatrale al raduno ^^77ò Very Happy
Rispolverato Cico (con una canzoncina accettabile),definito daagli akroniani piccolo terrestre rotondo stella2
ma subito ricambiati dal pancione messicano con la definizione di rape ambulanti clap
Tocco peplum-vintage che richiama alla mente la primissima storia con Hellingen,quando Zagor si libera incredibilmente dagli anelli di acciao che lo immobilizzavano.
Non manca neppure una spruzzatina trash che fara' storcere il naso ai lettori che prediligono trame piu' seriose:
quando il fantasma di Rakum suona il citofono per riattivare il teletraspoto in modo che Zagor possa scaraventare via quella specie di frigorifero e distruggere l'astronave stella2
Palesi e gobibili le citazioni di "magia senza tempo" e "incubi", buone le idee della barriera che non si vede e dell'efficacia delle armi in base alla mano che le impugna Cool

Infine Ferri:Rauch nell'intervista non ha esagerato pale
Shocked
il tratto sempre piu' sintetico del maestro forse non sara' piu' adatto alle copertine,ma nelle storie riesce ad essere ancora impressionantemente evocativo no-ta
certo c'e' qualche campo lungo approssimativo e ritoccato,ma di converso ve ne e' uno a pag.19(ultima vignetta)che e' un'autentica prodezza!
Notevole pure l'entrata in scena degli akroniani a pag.37.
Insomma un colorato che soffia il bronzo al 200 di Sclavi dopo gli inarrivabili "indian circus" e "il mio amico guitar jim" benvenuto
wakopa
wakopa
Vincitore COPPA ITALIA
Vincitore COPPA ITALIA

Messaggi : 6162
Data d'iscrizione : 20.01.15

Torna in alto Andare in basso

Il giorno dell'invasione (n.600) - Pagina 3 Empty Re: Il giorno dell'invasione (n.600)

Messaggio Da Jeremiah Johnson il Sab 4 Lug 2015 - 10:44

Evvai!
Finalmente scongiurata la regola che vedeva i numeri centenari sempre più brutti.
Infatti dopo lo straordinario "Il mio amico Guitar Jim" la qualità è sempre andata scemando di 100 in 100: dall'ottimo "Il tesoro maledetto", al sufficiente "La corse delle sette frecce", al mediocre "Il ponte dell'arcobaleno" al pessimo "Magia Indiana", se la regola fosse stata confermata questo "Il giorno dell'invasione" avrebbe potuto rasentare il ridicolo... e invece no!
Colloco la storia di Rauch al 3° posto, sicuramente superiore al n. 300 (ovviamente non ho incluso nella classifica il capolavoro "Indian Circus" in quanto non centenario).
Unica grande pecca: le 98 pagine! Avesse avuto una trentina di pagine in più sarebbe risultata meno sbrigativa e sicuramente più appassionante.
Non capisco perchè almeno per questi albi celebrativi non si possa infrangere le regole, ma questo è uno dei tanti misteri ai quali noi poveri mortali non verrà mai data una spiegazione...
Tanto capisce tutto lui, vero Marcheselli?

Storia: 7 (Rauch si conferma - di gran lunga - il miglior sceneggiatore di Zagor).
Disegni: 8 (aiutato o no, Ferri è è sempre un piacere per gli occhi!).

_________________________________________________
Sky his is ceiling,
grass his is bed,
a saddle is the pillow
for a cowboy's head.
Where the eagles scream
and the catamounts squall,
the cowboy's home
is the best of all.
Jeremiah Johnson
Jeremiah Johnson
Novellino del forum
Novellino del forum

Messaggi : 191
Data d'iscrizione : 20.01.15
Località : Milano

Torna in alto Andare in basso

Il giorno dell'invasione (n.600) - Pagina 3 Empty Re: Il giorno dell'invasione (n.600)

Messaggio Da Walter Dorian il Sab 4 Lug 2015 - 12:56

Ottimo numero celebrativo.
Rauch bravissimo a comprimere in un albo di 94 pagine, rimandi a storie passate(Magia senza tempo ma anche Incubi), comicità di Cico, il contrasto tra la tecnologia avanzata e sofisticata e la popolazione umana che deve aggrapparsi solo alla magia, il segreto delle armi sacre nelle mani di chi è inviato di Manito e le sa impugnare e tanta azione.  Exclamation

Senza perdersi in spiegazionismi inutili quando narra dei marchingegni in mano agli akkroniani, raccontando l'essenziale che serve a capirne i meccanismi di sonde mentali,cabine di teletrasporto e armi di distruzioni di massa come le bombe.

Non ci sono incongruenze clamorose: Zagor come ha sollevato quella bomba ha sollevato in passato anche tronchi di grossi alberi o carri di diligenze. Il fantasma di Rakum che appare e riattiva il collegamento con la terra l'ho interpretato come un'emanazione psichica inviata da Manito, come quella che secoli fa apparve allo stesso Rakum. Surprised
Ben caratterizzato Daimon,che da buon alieno mantiene quella freddezza non-umana fino alla fine.

Ultimo: l'inizio con Cico che va a caccia e fatalità incontra il cervo, non è solo un rimando a Incubi, ma anche un segnale -al lettore che non segue forum e internet e non è a conoscenza delle anticipazioni- che Hellingen sta per tornare, oltre alla visione di Zagor successivamente. Una storia quindi che non è solo celebrativa o seguito di Magia senza tempo, ma anche un assaggio di quello che accadrà tra pochi mesi.  Cool

Se per le copertine spero nel cambio di copertinista-cosa che ha fatto parlare in queste ultime settimane-spero che questo Ferri nelle tavole interne agli albi continui finché può. Exclamation
I suoi Zagor e Cico sono ben definiti, c'è soltanto qualche sproporzione tipo nelle vignette dove Zagor si trova sulla pianura dei giganti, la testa sembra troppo più grande rispetto agli arti. Comunque ottimo lavoro.  Wink


Storia: 8
Disegni: 8,5

_________________________________________________
PRENOTAZIONI ZAGORIANITA' N.12 - LA RIVISTA
Il giorno dell'invasione (n.600) - Pagina 3 2gtvj8z
Walter Dorian
Walter Dorian
campione Febbre a 90
campione Febbre a 90

Messaggi : 11546
Data d'iscrizione : 03.01.14

Torna in alto Andare in basso

Il giorno dell'invasione (n.600) - Pagina 3 Empty Re: Il giorno dell'invasione (n.600)

Messaggio Da Walter Dorian il Sab 4 Lug 2015 - 13:49

@strepa ha scritto:
@contericci ha scritto:Sono rimasto molto perplesso. Da amante del genere fantascientifico (letterario), la storia non è certo degna di menzione. Capirete: il mio metro di giudizio sono i romanzi di Asimov, Frederic Brown, Arthur Clarke, John Wyndham. Il problema che viene a crearsi, fantascientificamente parlando, quando si scontrano civiltà capaci di attraversare gli spazi siderali, e civiltà poco più che primitive, è quello del confronto impari e/o improponibile che non può che risolversi a favore del più "debole", scadendo sovente nel ridicolo con espedienti non all'altezza. In questo caso lo scudo imperforabile dalle armi aliene che diventa tale se maneggiato dall'umano zagor-te-nay, è la metafora del bene, della saldezza che deve contraddistinguere i  nobili ideali di pace, di fratellanza e concordia universale, ideali che prevalgono sempre di fronte alle forze del male, anche quando sembra tutto perduto.


In questo numero di Zagor accade la stessa cosa: gli akkroniani potrebbero semplicemente radere al suolo Darkwood con le armi che hanno, ma non lo fanno perché vogliono impadronirsi del segreto delle armi che li hanno sconfitti in passato. La loro smania di sapere e di progredire li rende ciechi e stupidi e per questo, senza rendersene conto, mettono Zagor in condizione di potere usare  quel che ha: il coraggio della disperazione, la determinazione, l'intelligenza e la fede in qualcuno di trascendentale.
Pure a me è sembrato un tentativo autolesionista di quelli che "chi troppo vuole nulla stringe". Surprised
Poi sugli alieni che diventano vulnerabili alle frecce di Zagor, e lo scudo che diventa indistruttibile, non ci vedo nessun espediente ridicolo contrariamente a Contericci, perché Zagor è il degno erede dell'Eroe rosso.

_________________________________________________
PRENOTAZIONI ZAGORIANITA' N.12 - LA RIVISTA
Il giorno dell'invasione (n.600) - Pagina 3 2gtvj8z
Walter Dorian
Walter Dorian
campione Febbre a 90
campione Febbre a 90

Messaggi : 11546
Data d'iscrizione : 03.01.14

Torna in alto Andare in basso

Il giorno dell'invasione (n.600) - Pagina 3 Empty Re: Il giorno dell'invasione (n.600)

Messaggio Da mohican63 il Sab 4 Lug 2015 - 21:06

S
P
O
I
L
E
R
Non è mai facile fare un albo autoconclusivo che lasci il segno ,tanto più col tema del ritorno degli Akkroniani e del segreto delle armi dell ' Eroe Rosso , a malapena ci volevano minimo 2 albi e mezzo . Rauch ci è riuscito , e ha aggiunto Cico che canticchia , il raduno dei capi indiani , Molti Occhi , Tonka , Akenat , Whinter Snake , Tonka , Hellingen , Perry , Rochas , Akoto ... Tralascio i particolari dello svolgimento della storia che , secondo me , sono secondari , anche se sono ben azzeccati . La grandezza di questo speciale è la grandezza di Zagor , il segreto delle armi è semplicissimo , è quella cosa che ci fa stare in ansia ogni mese aspettando l' uscita , è la magia , magia che solo uno Zagoriano come noi la sente e la vive a proprio modo , e il mio è stupefacente ..... Ferri strepitoso , anche per lui la magia riesce a far retrocedere le lancette dell ' orologio , impossibile direbbero i comuni mortali , ma non è colpa loro , non sono mai venuti a Darkwood !

mohican63
campione Mondiale e Coppa America

Messaggi : 1637
Data d'iscrizione : 20.01.15

Torna in alto Andare in basso

Il giorno dell'invasione (n.600) - Pagina 3 Empty Re: Il giorno dell'invasione (n.600)

Messaggio Da Spirito senza scure il Sab 4 Lug 2015 - 22:37

Quasi impossibile riuscire a fare di meglio con così poche tavole a disposizione! Inoltre sono stati inseriti quasi tutti i topoi zagoriani: la canzoncina con gag di Cico, il raduno dei capi, la festa finale con i trapper, ecc.no-ta

Un unico dubbio: ma la bomba akkroniana evidentemente era costruita con una lega metallica ultraleggera? stella2 stella2

_________________________________________________
Il giorno dell'invasione (n.600) - Pagina 3 AAD22eAzDkdil2mHOCFAMUgDa
Spirito senza scure
Spirito senza scure
Moderatore
Moderatore

Messaggi : 2867
Data d'iscrizione : 19.01.15
Località : Abruzzo

Torna in alto Andare in basso

Il giorno dell'invasione (n.600) - Pagina 3 Empty Re: Il giorno dell'invasione (n.600)

Messaggio Da contericci il Dom 5 Lug 2015 - 23:33

Ma se non si poteva fare meglio con sole 98 pagine (che poi sono anche di meno considerando il prologo-riassunto), perché non mettere a disposizione più pagine come si fece nel numero cento? Oppure perchè non proseguire nel prossimo numero visto che si parla dell'eredità di Hellingen continuando col colore invece che fare uno color-zagor a parte, tra l'altro in uscita in questi giorni?
contericci
contericci
ZTN BABY
ZTN BABY

Messaggi : 359
Data d'iscrizione : 20.01.15

Torna in alto Andare in basso

Il giorno dell'invasione (n.600) - Pagina 3 Empty Re: Il giorno dell'invasione (n.600)

Messaggio Da Ospite il Dom 5 Lug 2015 - 23:41

Ero scettico su un ritorno degl akkroniani, devo dire che invece tutte le soluzioni mi hanno soddisfatto. Il "lancio" della bomba atomica è ormai una scena da antologia zagoriana. Bravissimo Rauch, veramente in forma e grintoso.

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Il giorno dell'invasione (n.600) - Pagina 3 Empty Re: Il giorno dell'invasione (n.600)

Messaggio Da Theshadow81 il Lun 6 Lug 2015 - 0:22

Comprato e letto tutto d'un fiato Cool
Storia e disegni mi sono piaciuti molto, anche se non avevo letto le precedenti storie con gli Akkroniani, che sono andato dal mio fumettaro a far mettere in abbonamento Zagor /incazzato/
Theshadow81
Theshadow81
New Entry
New Entry

Messaggi : 18
Data d'iscrizione : 05.07.15
Località : Pescara

Torna in alto Andare in basso

Il giorno dell'invasione (n.600) - Pagina 3 Empty Re: Il giorno dell'invasione (n.600)

Messaggio Da Kramer76 il Lun 6 Lug 2015 - 10:42

rauch oneri ed onori,
nolitta (il prologo, la barriera, il raduno, la tortura),
e gli altri (il cervo, il sogno, darkwood rasa al suolo, rakum-formaggino e LA BOMBA!!!!!!!!!)

anche gli indiani nel recinto, e l'astronave che sembra un circo itinerante (indian circus?)

akkron nell'era burattiniana-rauchiana: si scervellano per capire perchè... e finisce malissimo

tutte immagini riuscite, albo divertentissimo e trash, giusto trionfo per rauch,
disegni splendidi,
ma la vera storia di hellingen deve ancora cominciare


Ultima modifica di Kramer76 il Dom 30 Set 2018 - 9:27, modificato 5 volte
Kramer76
Kramer76
Vincitore EUROPA LEAGUE/SUPERCOPPA
Vincitore  EUROPA LEAGUE/SUPERCOPPA

Messaggi : 3864
Data d'iscrizione : 19.01.15

Torna in alto Andare in basso

Il giorno dell'invasione (n.600) - Pagina 3 Empty Re: Il giorno dell'invasione (n.600)

Messaggio Da Walter Dorian il Lun 6 Lug 2015 - 13:51

@contericci ha scritto:Ma se non si poteva fare meglio con sole 98 pagine (che poi sono anche di meno considerando il prologo-riassunto), perché non mettere a disposizione più pagine come si fece nel numero cento? Oppure perchè non proseguire nel prossimo numero visto che si parla dell'eredità di Hellingen continuando col colore invece che fare uno color-zagor a parte, tra l'altro in uscita in questi giorni?
Se avesse proseguito nel prossimo numero avrebbe tradito la tradizione dei centenari impostati come un albo singolo.
A me sembra che personaggi da approfondire più di tanto,visto che erano tutti conosciuti non ce ne erano, passaggi poco chiari o un finale affrettato non c'è stato, cosa potevano cambiare 30 pag. in più ? Surprised


_________________________________________________
PRENOTAZIONI ZAGORIANITA' N.12 - LA RIVISTA
Il giorno dell'invasione (n.600) - Pagina 3 2gtvj8z
Walter Dorian
Walter Dorian
campione Febbre a 90
campione Febbre a 90

Messaggi : 11546
Data d'iscrizione : 03.01.14

Torna in alto Andare in basso

Il giorno dell'invasione (n.600) - Pagina 3 Empty Re: Il giorno dell'invasione (n.600)

Messaggio Da Theshadow81 il Lun 6 Lug 2015 - 13:54

Smile
perfettamente d'accordo con Walter

_________________________________________________
Il giorno dell'invasione (n.600) - Pagina 3 LL_SD_5
Theshadow81
Theshadow81
New Entry
New Entry

Messaggi : 18
Data d'iscrizione : 05.07.15
Località : Pescara

Torna in alto Andare in basso

Il giorno dell'invasione (n.600) - Pagina 3 Empty Re: Il giorno dell'invasione (n.600)

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 3 di 7 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Seguente

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum